Berlusconi, il Tribunale si è pronunciato: sì ai servizi sociali. Sentenza vergognosa.

 silvio berlusconi mediaset servizi sociali

La grande decisione è arrivata. Dopo la proposta ai giudici da parte dei legali di Silvio Berlusconi di svolgere i servizi sociali in un centro per disabili, ecco che il Tribunale si è pronunciato. E questa volta può essere davvero la fine dell’impero berlusconiano. Ecco perché.

 

L’attesa davanti al tribunale di Milano per la sentenza sulla sorte giudiziaria di Silvio Berlusconi, che deve scontare un anno dopo la condanna nel processo diritti tv Mediaset, era snervante.

Giornalisti e troupe televisive da tutto il mondo hanno atteso qualche ora l’esito del verdetto del Tribunale di Sorveglianza, mentre Silvio Berlusconi era rinchiuso ad Arcore.

A difenderlo, scrive il Fatto Quotidiano, sono due donne,Maria Odescalchi e Michela Andresano, sostitute di Ghedini e Coppi perché più esperte in casi del genere.” 

 “Dopo l’udienza, il presidente del Tribunale di Sorveglianza Pasquale Nobile de Santis, il giudice relatore Beatrice Crosti, e due docenti universitarie esperte di diritto penitenziario e criminologia avranno cinque giorni di tempo (termine non tassativo) per pronunciarsi sulla richiesta di affidamento ai servizi sociali presentata dall’ex premier dopo la condanna dell’ottobre scorso a 4 anni di reclusione per frode fiscale (di cui 3 coperti da indulto) per il caso Mediaset.

Intanto non esiste nessuna possibilità per l’ex premier di candidarsi a Strasburgo dopo che la Corte europea dei diritti umani ha bocciato la richiesta di un intervento che gli avrebbe permesso di essere in lista, proprio per via della condanna Mediaset.  

Quindi tocca aspettare ancora qualche giorno per conoscere di che morte (politica) Silvio Berlusconi dovrà morire. Ma, forse a sorpresa, è arrivato il sì della Procura per l’affidamento ai servizi sociali, che il Tribunale ratificherà nei prossimi giorni.

Francamente è una vergogna che, anche questa volta, il pregiudicato di Arcore riesca a salvarsi in calcio d’angolo. Sarà la nuova aurea da padre costituente, sarà che il figlioccio Renzi c’ha messo la buona parola, fatto sta che Silvio c’è. Ancora. 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.