Bergoglio style: “La Chiesa si spogli dei beni materiali”. Idea o provocazione?

papa scherza

Alla vigilia del giorno della festività di San Francesco il Papa dice che la Chiesa si deve spogliare dei beni materiali. Cosa fa nel frattempo il consiglio della corona papale. Gli otto cardinali che lavorano per conto di Bergoglio si occupano della riforma del Sinodo e della Curia.

 

Domani il Papa andrà ad Assisi a seguire il percorso di Santità di Francesco d’Assisi. E in occasione di questa visita ha annunciato la sua nuova linea: “la Chiesa si spogli dei beni materiali”.

Cosa avviene nel frattempo nel consiglio della corona del Vaticano? Quella chiamata ad effettuare la riforma della Chiesa? Nel primo giorno di riunione il consiglio degli otto cardinali che aiutano Francesco nella riforma della Curia e nel governo della Chiesa universale l’attenzione è stata dedicata al sinodo dei Vescovi. .

Nel pomeriggio di martedì – ha detto padre Federico Lombardi nel briefing con i giornalisti – si è passati a trattare il tema del Sinodo dei vescovi, che rappresenta una priorità, sia per l’importanza dello strumento e la partecipazione vescovi alla vita della Chiesa universale, sia per una certa urgenza di avviare preparazione del prossimo Sinodo”.

Tutte le informazioni a riguardo saranno comunicate nella prossima settimana. Si parlerà anche del tema e del modo in cui verrà realizzato e con modifiche al regolamento. Il nuovo segretario, come riporta Vatican insider, l’arcivescovo Lorenzo Baldissieri, era presente alla prima giornata di riunione del C8. Lo stesso Papa Francesco aveva annunciato che si sarebbe molto parlato del tema della famiglia. E come annunciato da Bergoglio occuparsi di questo significherà anche affrontare la discussione sui divorziati risposati.

Che ne esca qualche normativa innovativa in materia di sacramenti? Soprattutto i cattolici che hanno subito la richiesta del partner che non li amava più ci sperano moltissimo.

Intanto i lavori sono iniziarti nella mattinata di ieri nell’appartamento papale di rappresentanza. La prima riunione è iniziata con una breve introduzione del Papa, “poi c’è stata – ha detto Lombardi – una riflessione introduttiva fra i membri del consiglio sulla ecclesiologia a partire dal Concilio. Il lavoro del gruppo non vuole essere un’attività principalmente organizzativa, ma si colloca in una visione della Chiesa, in una visione teologica e spirituale, e legato all’ecclesiologia del Concilio”.

Papa Bergoglio ha messo in rilievo il significato del chirografo, che due giorni fa “ha istituzionalizzato il consiglio degli otto cardinali e gli ha dato una stabilità nel tempo anche oltre questa riunione, facendolo diventare qualcosa di consistente anche dal punto di vista giuridico”.

 Dal portavoce è arrivata la notizia che gli otto membri “non sono dei “delegati” continentali ma di membri del collegio episcopale scelti dal Papa che hanno una ricca esperienza e provengono da diocesi importanti di tutto il mondo”. Gli otto “godono di fiducia e apprezzamento da parte di Francesco, sono persone con le quali si sente in sintonia”.

Il secondo giorno i lavori degli otto sono ripresi trattando della riforma della curia. Tra questi anche la possibilità di depotenziare la segreteria di Stato.

“Si tratta- si apprende dalla sala stampa del Vaticano- del rapporto dei dicasteri con il Papa, il coordinamento dicasteri, la funzione Segreteria di Stato: c’è un’ampia quantità di contributi, ma si tratta di un lavoro a lungo termine. Non ci saranno conclusioni veloci”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.