Autoblu, altro che tagli e spending review. La Casta spende oltre un miliardo

auto blu la casta non taglia

Il ministro D’Alia: «Difficile censire il parco a disposizione di Enti e Regioni». I dati non vengono forniti. Costi folli per le consulenze.

 

I politici italiani non sembrano voler seguire l’esempio di Papa Francesco. Il quale, in epoca di rinnovamento della Chiesa, ha abbandonato la fiammante e comoda papamobile per una più semplice Ford Focus.
Rappresentanti di Stato e Parastato continuano a scorrazzare in autoblu incuranti di spending review e delle campagne giornalistiche anticasta.
Lo ha confermato il ministro per la Pubblica amministrazione, Giampiero D’Alia, che ha dovuto ammettere anche quanto sia complessa e improba la battaglia contro questo tipo di sprechi.
CENSITO SOLO IL 70% DEL PARCO AUTO. «Ci troviamo», ha spiegato il numero uno di Palazzo Vidoni, «ad aver censito soltanto il 70% del parco auto di rappresentanza e di servizio delle pubbliche amministrazioni. Questo perché non ci vengono forniti i dati in maniera compiuta da parecchi Enti locali e Regioni».
Ma più dei boicottaggi, sono i numeri a dare la misura dello stato dell’arte.

Un conto da circa 1 miliardo.

Sempre il ministro centrista ha dichiarato che «dal dato grezzo in nostro possesso, il costo delle auto di servizio e delle auto blu supera il miliardo di euro. È chiaro quindi che ci sono margini di intervento per una riduzione della spesa». Per la cronaca, un anno fa il costo complessivo per questa voce di spesa era di 1,050 miliardi.


SUL LIBRO PAGA, CONSULENZE PER 1,3 MILIARDI. Numeri non meno sconfortanti arrivano dal versante delle consulenze. Sempre il ministro D’Alia a Palazzo Madama ha fatto sapere: «Dai dati in nostro possesso il costo delle consulenze nelle pubbliche amministrazioni italiane è di oltre 1,3 miliardi di euro. Anche questo è un dato grezzo, che fa riferimento all’acquisizione di elementi e di dati provenienti da circa il 70% delle amministrazioni».

Gli ultimi numeri a disposizione di Palazzo Vidoni, ma che risalgono al 2001, dicono che «gli incarichi di collaborazione e consulenza sono stati 277.085 per un totale di euro 1.292.822.526,18».
NEL 2012 SONO STATI RISPARMIATI SOLO 100 MILIONI. Non hanno portato grandi risultati le norme approvate finora per tagliare le auto blu o consulenze. Renato Brunetta, sulla poltrona di D’Alia ai tempi dell’ultimo governo Berlusconi, era convinto di recuperare in un biennio almeno 900 milioni di euro. Per questo aveva concesso l’uso delle vetture di rappresentanza soltanto alle figure apicali della pubblica amministrazione, dimezzato le assegnazioni e fissato multe per i trasgressori. Non meno duro il suo successore, Filippo Patroni Griffi.

Nell’ultima legge di Stabilità aveva previsto il divieto alle amministrazioni pubbliche di acquistare auto nuove negli anni 2013 e 2014. Qualche mese fa il Formez, l’ente deputato a fare il monitoraggio delle auto blu, comunicò che il parco vetture di Stato, Parastato ed enti locali era composto da 56.886 vetture. Lo scorso anno la spesa di gestione complessiva era stata, come detto, di 1.050 miliardi di euro, con un risparmio di appena cento milioni rispetto al 2011. Non sono da escludere nuove strette. Tra gli emendamenti di maggioranza al pacchetto sulla Pubblica amministrazione attualmente in Senato, uno prevede un’ulteriore stretta sulle spese per le vetture di rappresentanza e consulenze. Rispetto all’anno precedente, nel 2014 il taglio passerebbe rispettivamente dall’80% già previsto al 60% e dal 90% al 70%.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.