Antiriciclaggio, lo Ior chiude oltr 900 conti. Clienti invitati a lasciare il conto

ior chiude 900 conti

I provvedimenti contro le ambasciate riguardano le posizioni di Siria, Iran, Iraq e Indonesia. Sospetti per deposito e ritiro di grosse somme in contanti.

 

La rivoluzione di Bergoglio continua. Sono di lunedì scorso le prime 900 lettere, partite dallo Ior, di chiusura conto per clienti con i quali la banca vaticana non vuole avere nulla a che fare. Clienti che evidentemente non hanno superato il vaglio dei controlli di cui, a partire dalla fine di maggio, era stata incaricata la società di consulenza Promontory, leader mondiale dell’antiriciclaggio. Si tratta di un numero molto alto, considerando che a fine 2012, i conti aperti erano circa 19mila.

Lo Ior, come riporta il Corriere.it, si avvia a chiudere tutti i conti detenuti da ambasciate straniere accreditate presso la Santa Sede.  Su 180 missioni diplomatiche almeno una ventina hanno i conti presso lo Ior. E ne hanno diritto non solo l’ambasciatore ma anche i numero 2 e 3 della missione. La chiusura avverrà in seguito ai sospetti suscitati dal deposito e dal ritiro di grosse somme di denaro. Sotto l’occhio del ciclone le missioni diplomatiche di Iran, Iraq e Indonesia.

L’Aif, l’ente di controllo delle finanze vaticane, che ha esaminato le transazioni sospette del 2011, ritiene che i giustificativi forniti siano troppo vaghi o sproporzionati rispetto alle cifre in gioco – fino a 500.000 euro alla volta. Ora le autorità vaticane vogliono ridurre il rischio che lo Ior possa essere uno strumento non solo per il riciclaggio di denaro ma anche il finanziamento del terrorismo.

Già chiuso invece il conto della Siria. Infatti il 5 luglio 2012, Wikileaks, il sito di Julian Assange che ha pubblicato una enorme mole di documenti riservati del governo americano, ha messo in rete tra i cosiddetti Syria file alcuni documenti intestati al «banquero de Dio», relativi ad alcune forniture di sistemi di comunicazione ad uso civile e militare.

La chiusura dei conti delle ambasciate sarà probabilmente una delle raccomandazioni di Papa Francesco. Condotta dalla speciale commissione referente sullo Ior nominato a giugno e presieduto dal Cardinale Farina.

Oggi intanto l’Istituto che gestisce circa 7,1 miliardi di euro e il cui ruolo è quello di mettere a frutto i fondi per conto di ordini religiosi, enti benefici cattolici, impiegati vaticani e altre istituzioni cattoliche, mette on line i bilanci del 2012  in coincidenza con l’inizio della riunione degli otto saggi del Vaticano  in vista della riforma della Curia. Si tratta di dati in gran parte noti, come ad esempio il fatto che l’utile netto del 2012 è stato pari a 86,6 milioni di euro.

La novità, invece, è che la semestrale del 2013 esaminata dal board del 18 settembre, è negativa e per far fronte a questa situazione gli utili dell’anno scorso sono stati solo in parte (50 milioni) messi tra gli attivi del bilancio della Santa Sede, approvato a luglio. Il rimanente è restato (36,6 milioni) a disposizione del Papa presso lo Ior per far fronte a un bilancio che non si preannuncia positivo quest’anno e a rilevanti impieghi straordinari come il prestito infruttifero di circa 12 milioni di euro che servirà a coprire l’esposizione con le banche creditrici della Diocesi di Terni.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.