Abbado e Rubbia, i nuovi senatori a vita indagati dal fisco

senatori indagati dal fisco

La polemica è stata tirata fuori dal Giornale di Berlusconi dopo la nomina di Giorgio Napolitano. L’inchiesta dell’agenzia delle entrate riguardava 32 vip nel 2008 e permise allo Stato italiano di recuperare più di ottanta milioni di euro.

 

La nomina dei quattro senatori a vita decisa da Re Giorgio Napolitano non smette di suscitare polemiche. E su Claudio Abbado e Carlo Rubbia “il Giornale” di Berlusconi ha pensato bene che ci fosse qualcosa da approfondire. I due infatti, come denunciò il quotidiano Repubblica nel 2008 avrebbero avuto la residenza nel principato di Monaco.

I due nomi furono scovati dall’agenzia delle entrate. Erano compresi in una rosa di 32 vip con residenza monegasca. Fu allora che venne avviata un’indagine dove alcuni ammisero la colpa e rateizzarono le ammende. Secondo Repubblica una cartella esattoriale venne notificata a anche a Carlo Rubbia.

Alcuni di loro aderirono al concordato e rateizzato la multa, altri si appellarono alle commissioni provinciali. Il risultato è che lo Stato ha incassato più di ottanta milioni di euro.

“La cartella esattoriale – riportò cinque anni fa Repubblica – è arrivata all’indirizzo di Rubbia. Abbado invece firmò il concordato”.

Secondo Corrado Zunino “mettendo in fila le contestazioni , l’Agenzia delle entrate ha scoperto che dai contenziosi aperti con 32 personalità conosciute e residenti fittiziamente nel Principato sono rientrati oltre 80 milioni di euro.Meglio, sono stati messi a bilancio 83,502 milioni di euro”.

Altri vip sono finiti nelle maglie dell’Agenzia delle entrate.

I nomi più eclatanti che accettarono le contestazioni dl fisco furono quello di Luciano Pavarotti, Del violinista Salvatore Accardo e del direttore d’orchestra Claudio Abbadoe pare che gli importi contestati non fossero proprio spiccioli.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.