Come capire perché un cane abbaia e quando farlo smettere

Come capire perché un cane abbaia

Come capire perché un cane abbaia

Partiamo da un presupposto: il cane è nato per abbaiare. Quella è la sua forma di comunicazione principale con il resto del mondo. Ma – soprattutto in fase di addestramento – è importante capire perché un cane abbaia e, se è il caso, quando farlo smettere.

Perché un cane abbaia: Abbaiare fa parte della sua natura, quindi aspettatevi che il vostro cucciolo lo faccia sia da piccolo che da grande. Non è né realistico né giusto pensare di poter addestrare il cane a non abbaiare, ma è possibile tenere questo comportamento sotto controllo per la gioia di tutta la famiglia (e dei vicini).

“Smettila di abbaiare”: non sorprende che molte persone abbiano problemi con l’abbaiare del proprio cane. I cani non sanno se abbaiare sia un comportamento buono o cattivo. Questo perché a volte il cane abbaia e viene ignorato; altre volte viene sgridato affinché smetta; altre volte ancora, invece, viene incoraggiato a farlo se, ad esempio, c’è un estraneo sospetto nei paraggi. Per insegnargli quali sono le regole, cominciate da questa: abbaiare va bene finché non gli si dice di smettere.

“Smettila di abbaiare” deve essere interpretato come un ordine cui obbedire piuttosto che come un rimprovero. Lasciatelo abbaiare due o tre volte, lodatelo per aver dato l’allarme, poi ditegli di smettere porgendogli un bocconcino. Il cane smetterà immediatamente, perché non può annusare il boccone mentre abbaia; dopo un paio di secondi, dategli la ricompensa. Aumentate gradualmente il tempo che intercorre da quando smette di abbaiare a quando riceve la ricompensa, e riuscirete a farlo smettere di abbaiare per almeno un paio di minuti durante una sola lezione.

In ogni caso, se abbaia eccessivamente e non riuscite a controllarlo, chiedete al veterinario cosa si può fare: potrebbe consigliarvi dei corsi di addestramento o delle terapie specializzate.

Pianto: dovete capire che andando a consolare il cucciolo quando si mette a piangere peggiorerete soltanto la situazione. Penserà che lo stiate ricompensando perché piange e si abituerà a farlo. Al contrario, imparerà a smettere di piangere se non andrete da lui quando lo fa. Ignorando il vostro cucciolo e dandogli attenzione e coccole solo quando smette di piangere, gli insegnerete che piangere e fare i capricci non è un buon modo per risolvere le cose.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.