Come addestrare un cucciolo e far capire al cane chi comanda

Come addestrare un cucciolo

Come addestrare un cucciolo

Bisogna ricordare sempre un aspetto fondamentale su come addestrare un cucciolo: il padrone deve essere il capobranco. Ecco come far capire al cane chi comanda.

Chi è il capo? I cani sono animali da branco, abituati ad avere un capo. In questo caso, il capo siete voi. Stabilire subito alcune regole aiuterà il vostro cucciolo a sentirsi al sicuro, sviluppando anche un legame fra voi. Dovete fare in modo che il cucciolo riconosca di essere l’ultimo della gerarchia, dopo di voi e la vostra famiglia. 

A tavola: Allo stato selvaggio, è il capobranco il primo a mangiare. Il vostro cucciolo lo accetterà senza problemi, ma sta a voi rinforzare il concetto. Fatelo mangiare a orari diversi dai vostri. Se gli date avanzi o pezzi di cibo dalla vostra tavola, penserà di essere lui a comandare e sarà molto difficile farlo smettere di disturbarvi durante i pasti. Quest’abitudine si trasforma presto in un problema, specialmente quando avete ospiti a tavola. 

A letto: Il capobranco si sceglie sempre il giaciglio migliore, quindi il cucciolo deve imparare che il vostro letto è zona proibita. Se iniziate a permettergli di stare nel vostro letto, non riuscirete più a smuoverlo da lì: lo riconoscerà come suo territorio e comincerà a difenderlo come tale.

Non metterlo sempre al centro dell’attenzione: Identificandovi come capobranco, il cucciolo deve imparare a rispettare i vostri momenti di solitudine. Se non mettete questa cosa bene in chiaro, penserà che lo vogliate coinvolgere in ogni cosa che fate e inizierà a seguirvi anche in posti dove fareste volentieri a meno della sua presenza. Per abituarlo a non aspettarsi continuamente le vostre premure, cercate di ignorarlo completamente per una ventina di minuti ogni tanto: per crudele che possa sembrare, è necessario che si abitui a non avervi al suo servizio.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.