PRIMARIE MOLISE 2011/ La rabbia di chi si sente sconfitto

di Luca Garofalo

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta di uno dei tantissimi sostenitori di Michele Petraroia, il candidato che fino all’ultimo si è giocato la vittoria con Paolo Di Laura Frattura. Che, però, più di qualcuno nel centrosinistra ancora non riesce a digerire, come dimostra la rabbia e la delusione di chi ci ha scritto. E allora sarà proprio questa la vera sfida del vincitore delle Primarie: convincere gli scettici e creare un progetto che tenga unita la coalizione, in vista di ottobre, dove il centrosinistra dovrà scontrarsi con l’armata del Governatore uscente Michele Iorio.

Luca Garofalo, sostenitore di Petraroia

Luca Garofalo, sostenitore di Petraroia

Le primarie per decidere il candidato che andrà contro Iorio hanno determinato la vittoria di chi rappresenta peggio il popolo Molisano, un ex DC ed ex Forza Italia, passato per le primarie con un abile stratagemma dei soliti noti. Non me la sento di attaccare Danilo Leva e Roberto Ruta, perché se fossero gli unici a determinare le continue sconfitte, sarebbero già dovuti scomparire da questo panorama politico. Ci sono tantissimi politicanti della peggior specie sparsi nel territorio, che antepongono o i propri interessi personali o l’odio e il rancore verso il candidato che meglio avrebbe saputo rappresentare il centro-sinistra.

Paolo di Laura Frattura non avrebbe mai dovuto prendere parte a questa competizione: la bassissima affluenza (15mila persone, distribuite tra la Provincia di Campobasso con 10500 voti e quella di Isernia 4500 voti) dimostrano il flop di queste primarie, che in realtà non sono state del centrosinistra.

Mancano i giovani ( sono stato uno dei pochi cretini a credere nell’utopia che potesse vincere Petraroia) e molta gente ha fatto bene a non sprecare un euro per queste elezioni falsate.

Sono stato accusato di disfattismo e di non essere al passo con i tempi…se esserlo significa non appoggiare un candidato che rappresenta la peggiore destra, l’egoismo e la supremazia del falso liberismo, che premia i ricchi, da sempre avvantaggiati dal sistema di potere esistente e rende il popolo sempre più povero!!!

Non condivido le cosiddette manovre “lacrime e sangue” che Frattura non nasconde di voler portare avanti, che a parole dovrebbero attaccare i profittatori e invece colpisce sempre i ceti medio-bassi in un contesto di ampio disagio sociale.

Sono amareggiato e dispiaciuto perché assieme ai ragazzi e alle associazioni che hanno animato la campagna di Michele, pensavamo davvero di poter vincere e di far emergere le lotte che Michele Petraroia ha fatto in solitudine in consiglio regionale…e mi rivolgo a quella gente che vorrebbe fatti: cosa volevate di più? Da quando le minoranze decidono le azioni di governo e i fatti concreti? Se i mass media ti oscurano è certo che sembri un nullafacente, ma è uno dei motivi per cui apprezzo Michele…perché mi ha insegnato che il bene si fa perché è giusto e non perché questo venga riconosciuto.

Anche Massimo Romano che ha fatto numerose lotte in consiglio…avrei preferito che avesse avuto una linea diversa in diversi momenti elettorali, a cominciare dalle elezioni di Campobasso e Termoli, per passare dal supporto alla Fanelli e alla poca opposizione alla candidatura di Frattura.

Non ho supportato D’Ascanio perché incapace di saper tenere il csx unito, complici anche le dirigenze dei partiti, nonostante si sia posto in netto contrasto all’area di potere trasversale del Cosib.

Se qualcuno avesse più stima di chi continua a sognare e a progettare all’ombra, piuttosto di chi vive in un mondo illuminato dall’ipocrisia, questo sarebbe un mondo migliore.

Concludo con la frase che mi ha dedicato il mio migliore amico: “un uomo che cerca di proteggere la pace dall’ombra, questo è un vero uomo”. La dedico a chi, ogni giorno, cerca di fare il bene e rimane nascosto nell’ombra perché non ha il potere, quest’ultimo sempre a disposizione di chi lo usa illecitamente e mafiosamente per meri fini personali.

 

LEGGI ANCHE

SPECIALE PRIMARIE/ Si può fare

PRIMARIE MOLISE 2011/ Il P-Day dei cinque candidati: emozioni, speranze e delusioni

PRIMARIE MOLISE 2011/ Qui centrosinistra, parla Roberto Ruta: “Ho vinto anch’io”

PRIMARIE MOLISE 2011/ Italia dei Valori: “La linea del nostro Partito non cambia”.

PRIMARIE MOLISE 2011/ Qui centrodestra:“Noi non c’entriamo…”

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.