PRIMARIE MOLISE 2011/ Franco Valente a Frattura:”Caro Paolo, ti scrivo…”

di Franco Valente

Caro Paolo Di Laura Frattura,

hai vinto una complicata battaglia che, a parte l’asprezza di alcuni momenti, è stata una grande prova di democrazia e di lealtà soprattutto da parte di chi della coerenza ideologica fa un punto irrinunciabile della propria esperienza politica.

 

Franco Valente

L’architetto Franco Valente

Da questo momento non sei più l’espressione di una componente esterna ai partiti del Centro-sinistra e non sei più semplicemente il leader di un “contenitore”, come spesso viene definita la variegata composizione di cui fino ad oggi hai fatto parte.

In questi giorni, prima che si materializzasse il voto delle nostre primarie, sugli incroci della nostra regione sono comparsi manifesti grandi come un appartamento con i volti dei soliti noti del Centro-destra e solo uno dei volti di coloro che ti hanno sostenuto.

La cosa non mi preoccupa, ma è una ulteriore prova della maleducazione di coloro che pensano di partire mentre gli altri ancora stanno facendo il riscaldamento.

La politica fatta con l’appoggio dei villani e dei prepotenti non appartiene alla tradizione della tua famiglia. Di questo devi tenere conto perché in politica devono pagare prima di tutto la correttezza e l’onestà intellettuale.

Da questo momento devi essere come il Cristo Giudicatore che separa i buoni dai cattivi. Se pensi di andare al molino portando nel sacco insieme al grano anche l’oglio e la malaerba, pensando che mischiandoli tutto diventi farina, hai fallito prima di cominciare.

Il centro-sinistra non vuole solo vincere le elezioni. Vuole che alla Regione Molise non vadano imbroglioni, violenti, prevaricatori e fascisti. E tu devi essere il garante di questa selezione.

Se non avrai il coraggio di attenerti alle regole della democrazia nella fase più delicata della scelta dei tuoi alleati, ti ritroverai in un gallinaio che ti farà rimpiangere i tempi di Giovanna la Pazza….

Con la certezza e la consapevolezza della tua determinata volontà di vincere una guerra difficilissima dove tutti noi, giochiandoci anni di coerenza, ci mettiamo anche le nostre storie personali, ti faccio gli auguri più affettuosi per l’avventura che è solo agli inizi.

Da architetto ad architetto, non posso fare a meno di ricordare il nostro Le Corbusier: “Ciò che dà forza ai nostri sogni è la certezza di vederli realizzati…”

 

LEGGI ANCHE

SPECIALE PRIMARIE/ Si può fare

PRIMARIE MOLISE 2011/ Il P-Day dei cinque candidati: emozioni, speranze e delusioni

PRIMARIE MOLISE 2011/ Qui centrosinistra, parla Roberto Ruta: “Ho vinto anch’io”

PRIMARIE MOLISE 2011/ Italia dei Valori: “La linea del nostro Partito non cambia”.

PRIMARIE MOLISE 2011/ La rabbia di chi si sente sconfitto

 


Caro Paolo Di Laura Frattura,
hai vinto una complicata battaglia che, a parte l’asprezza di alcuni momenti, è stata una grande prova di democrazia e di lealtà soprattutto da parte di chi della coerenza ideologica fa un punto irrinunciabile della propria esperienza politica.
Da questo momento non sei più l’espressione di una componente esterna ai partiti del Centro-sinistra e non sei più semplicemente il leader di un “contenitore”, come spesso viene definita la variegata composizione di cui fino ad oggi hai fatto parte.
In questi giorni, prima che si materializzasse il voto delle nostre primarie, sugli incroci della nostra regione sono comparsi manifesti grandi come un appartamento con i volti dei soliti noti del Centro-destra e solo uno dei volti di coloro che ti hanno sostenuto.
La cosa non mi preoccupa, ma è una ulteriore prova della maleducazione di coloro che pensano di partire mentre gli altri ancora stanno facendo il riscaldamento.
La politica fatta con l’appoggio dei villani e dei prepotenti non appartiene alla tradizione della tua famiglia. Di questo devi tenere conto perché in politica devono pagare prima di tutto la correttezza e l’onestà intellettuale.
Da questo momento devi essere come il Cristo Giudicatore che separa i buoni dai cattivi. Se pensi di andare al molino portando nel sacco insieme al grano anche l’oglio e la malaerba, pensando che mischiandoli tutto diventi farina, hai fallito prima di cominciare.
Il centro-sinistra non vuole solo vincere le elezioni. Vuole che alla Regione Molise non vadano imbroglioni, violenti, prevaricatori e fascisti. E tu devi essere il garante di questa selezione.
Se non avrai il coraggio di attenerti alle regole della democrazia nella fase più delicata della scelta dei tuoi alleati, ti ritroverai in un gallinaio che ti farà rimpiangere i tempi di Giovanna la Pazza….
Con la certezza e la consapevolezza della tua determinata volontà di vincere una guerra difficilissima dove tutti noi, giochiandoci anni di coerenza, ci mettiamo anche le nostre storie personali, ti faccio gli auguri più affettuosi per l’avventura che è solo agli inizi.
Da architetto ad architetto, non posso fare a meno di ricordare il nostro Lecorbusier: “Ciò che dà forza ai nostri sogni è la certezza di vederli realizzati…”
Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.