PIANA DEI MULINI/ Iorio tenta il rilancio: due amici, una chitarra e…un Patriciello

Stasera, è per stasera, la convention lanciata dal Presidente Michele Iorio, per un nuovo centrodestra (?). La mossa ha spiazzato amici e nemici, ma resta un dato di fatto: nonostante il tentativo di lifting Iorio è sempre lo stesso che, dal 2001, insieme a Vitagliano e Patriciello, ha ridotto il Molise com’è oggi: debiti alle stelle, clientelismo sfrenato e disoccupazione selvaggia. “La convention è per i cittadini”, ci dicono, “e l’europarlamentare Patriciello non potrà esserci per impegni istituzionali.” Un segnale negativo? Niente affatto, assicurano dal suo entourage, “l’alleanza con Iorio è salda come non mai”. Ma la resa dei conti con i traditori è dietro l’angolo. Stasera, è per stasera…

di Viviana Pizzi

Piana_dei_muliniMancano ormai pochissime ore all’evento che contrassegnerà l’estate più torrida (non soltanto per le temperature) all’interno del centrodestra molisano. L’appuntamento col presidente della Regione Michele Iorio è per questa sera a Colle D’Anchise alle 18 alla Piana dei Mulini. Chi ci sarà, chi sarà assente? È la domanda che sta davvero girando nella mente di amici e nemici del presidente della Regione Michele Iorio.

Le indiscrezioni che emergono sono davvero poche però. Tra queste l’assenza dell’europarlamentare Aldo Patriciello. Dal suo entourage la notizia ufficiale è quella di impegni improrogabili che lo costringono a restare a Strasburgo. Nessuno mette in dubbio però l’alleanza con il presidente della Regione Michele Iorio.

Non è la sua assenza, hanno sottolineato i beneinformati, a dire che ha abbandonato il presidente della Regione. Quello di Piana dei Mulini, del resto, è un incontro riservato ai cittadini. Un meeting al quale se qualche politico non partecipa non significa che abbia tradito Iorio. Questa la versione degli uomini fedelissimi all’eurodeputato. Nessuna notizia invece sulla partecipazione del cognato Mario Pietracupa. Nella giornata di ieri sono sopraggiunti impegni istituzionali che potrebbero mettere in forse la partecipazione alla convention popolare. Ma il discorso che vale per l’europarlamentare è lo stesso per il presidente del Consiglio Regionale. La tanto ricercata alleanza tra i due poteri forti della politica pidiellina in Molise non è in discussione. Iorio e Patriciello continueranno a lavorare insieme per ricostruire il centrodestra molisano.

E i segretari di partito? Arriveranno nell’ormai famoso agriturismo di Colle d’Anchise? Per ora nulla è trapelato in merito. Come diceva Lucio Battisti in una nota canzone: lo scopriremo solo vivendo. Ossia recandoci personalmente alla Piana dei Mulini di Colle d’Anchise. Della dirigenza del Pdl intanto ha assicurato la sua presenza Claudio Pian.

“Quello di oggi – racconta – è un appuntamento tra il presidente della Regione e i cittadini. Con il mio ruolo non posso essere assente a una convention organizzata dal presidente della Regione”. Tra i presenti anche alcuni consiglieri comunali e provinciali di Campobasso tra i quali Salvatore Colagiovanni. Dovrebbe esserci, stando alle indiscrezioni, anche Nico Romagnuolo.

Ma le sorprese non finiscono qui. Lo ricordate Giovanni Muccio? Il leader del movimento regionale “Il Guerriero Sannita” che aveva giurato fedeltà a Paolo Di Laura Frattura? Ebbene si da qualche giorno ha annunciato la sua presenza alla convention di Michele Iorio. Ma con quale spirito lo farà? Ce lo ha confidato in queste ore con una breve dichiarazione.

“Sarò presente a Piana dei Mulini – ha sostenuto – non certamente per starmene in un cantuccio. Non sarò solo un osservatore ma andrò lì e chiederò di poter fare un intervento. Se me lo faranno fare sarò contento, altrimenti toglierò le tende. Il mio sarà un intento costruttivo e non disfattista”.

Ma c’è anche chi non crede nella bontà della manifestazione di Piana dei Mulini. Più di una volta ha criticato il sistema Iorio. E ora lo rifà senza mezzi termini. Si tratta del presidente de “La Destra” Giovancarmine Mancini. Che già alle elezioni comunali di Isernia si era contrapposto candidandosi insieme a Raffaele Mauro, alla discesa in campo di Rosa Iorio.

“Per noi  – dice Mancini – non è altro che una ridicola sagra della politica molisana dal sapore di amari piatti  che saranno  offerti ai partecipanti per meglio dimenticare gli innumerevoli  disastri che la gestione politica neo democristiana di sinistra sotto mentite spoglie di centrodestra  ha provocato in questi anni  alla nostra regione. Se vogliamo, anche l’ennesimo ordine di comparizione emanato dal governatore Iorio, al quale non mancheranno i suoi asserviti, i soliti noti della casta, gli amici della famiglia,  compresi coloro che, con le loro dimissioni forzate,  hanno costretto al commissariamento il Comune di Isernia”.

La convention nasce quindi con questi presupposti. Solo stasera però sapremo chi davvero è fedele al presidente Michele Iorio. Del resto non hanno mica tutti impegni europei da rispettare.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.