MICHELE IORIO/ È ultimo nella classifica di gradimento dei Presidenti di Regione

Michele Iorio è il Presidente di Regione meno amato d’Italia, o il più odiato d’Italia, a seconda che si voglia essere magnanimi o meno. La ricerca condotta da IPR Marketing per Il Sole 24 Ore mette una pietra tombale sulle speranze di vittoria alle prossime elezioni e rivela il segreto di Pulcinella: la gente, di Iorio, non ne può più.

di Andrea Succi

michele_iorioIl sondaggio commissionato dal Sole 24 Ore alla società IPR Marketing ha indagato l’indice di gradimento di cui godono i Presidenti di Regione, i Presidenti di Provincia e i Sindaci.

Luca Zaia, leghista doc, ex ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali tra il 2008 e il 2010, guida il Veneto da pochi mesi ma è il più apprezzato Presidente di Regione d’Italia; a seguire Enrico Rossi, della Toscana, e – un pò a sorpresa – quel Giuseppe Scopelliti, che da quando guida la Calabria è stato investito, a più riprese, da accuse di rapporti poco chiari con persone vicine ad ambienti della criminalità organizzata. Frega niente a nessuno di questo, secondo quanto rivela il sondaggio, tanto che Scopelliti riesce a precedere persino un mammasantissima come Roberto Formigoni, ciellino dallo smisurato potere nella lombarda Padania.

Chi chiude la classifica? Scontato e persino banale dirlo, ma è proprio lui, il Presidente (ormai ex?) Michele Iorio che non brilla nè in oratoria tantomeno in prestanza fisica e che, soprattutto, lascia a desiderare sotto ogni profilo politico. Devastato, mediaticamente, da inchieste, rinvii a giudizio e accuse di clientelismo, l’unica cosa che gli riesce bene è cercare di mantenersi a galla piazzando qua e là “yes men” pronti a tutto pur di arraffare un pezzettino della torta di cui dispone il Presidente.

Ma la gente è stufa di vedere un ambiente devastato, fabbriche che chiudono, precariato diffuso, scuole pubbliche a pezzi e …auto blu che scorazzano, pagate con le tasche dei cittadini, per far star comodo uno che farebbe meglio a camminare a piedi, vista la stazza…

 

Qui il sondaggio

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.