Il Molise ancora alle prese con la piaga dell’obesità

Un molisano su due ha problemi di peso. Un primato. Addirittura nella fascia di età fra 35 e 74 anni i maschi in Molise mandano in tilt la bilancia. Le donne, invece, si rivelano bravissime.

ObesiGli uomini obesi in questa fascia erano 23 su cento nel duemila, adesso sono schizzati a 31. Le donne, sempre su cento, erano 29 nel duemila, sono scese a 23. Un bel calo. Comunque il bilancio è di un Molise che pesa veramente tanto. Eppure, da dieci anni “Obesity Day” apre le sue porte per consigli gratuiti a chi insegue la linea perduta. «E’ un’Italia a macchia di leopardo quella che esce dalla fotografia dell’Italia sulla bilancia che in questi dieci anni abbiamo potuto realizzare incontrando tantissime persone. Tra virtuosi e golosi, l’ago oscilla in basso e in alto. Anche se adesso c’è una buona notizia che accumuna tante regioni: gli italiani stanno prendendo coscienza dell’importanza di un’alimentazione corretta, per la linea ma, soprattutto, per la salute

Quindi, quest’anno più che mai “Obesity Day” diventa un appuntamento da non perdere: domenica 10 e lunedì 11 ottobre nelle Unità Operative di Dietetica e Nutrizione Clinica e nelle Unità di Nutrizione Ospedaliere e Territoriali dell’ADI, gli esperti ADI saranno a disposizione per consigli ed informazioni gratuiti.Ma non tutti i Centri in tutta Italia sono aperti nelle stesse date: per conoscere le date e gli indirizzi dei Centri aperti in Molise è possibile visitare il sito www.obesityday.org». Parla Giuseppe Fatati, presidente dell’Associazione Italiana Dietetica e Nutrizione Clinica in occasione della conferenzastampa di presentazione dell’edizione 2010 di “Obesity day” che quest’anno spegne dieci candeline.La fotografia del Molise sulla bilancia«I molisani pesano molto sulla bilancia.

Le cifre dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare riguardanti la popolazione fra i 35 e i 74 anni dicono che i maschi in dieci anni hanno imparato poco: infatti, gli uomini obesi sono saliti dal 23 al 31 per cento; lasciano sperare le cifre delle donne: in dieci anni la percentuale di donne obese è scesa dal 29 al 23 per cento, segno di una cresciuta sensibilità. Il fatto è che in Molise fanno difficoltà soprattutto i maschi a seguire i messaggi salutistici. Si mangia troppo e male: porzioni abbondanti e larga predilezione per gli alimenti di origine animale. Il primo non manca mai sulla tavola dei molisani. D’altra parte la cucina della regione è molto appetitosa, si resiste con difficoltà». 

E’ il quadro che disegna Marco Tagliaferri, Presidente del Molise dell’Associazione Italiana Dietologia e Nutrizione Clinica (AdI) e Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia, Endocrinologia e Malattie Metaboliche dell’Asrem di Termoli-Larino alla vigilia di “Obesity Day” che nel Molise quest’anno sarà celebrato anche con una “Ciclopasseggiata della salutealla ricerca di un ben essere in movimento“. «C’è da aggiungere che la poca attività di movimento regna sovrana conclude Marco Tagliaferri – come evidenzia il già citato studio dell’Osservatorio epidemiologico Cardiovascolare: nel Duemila non facevano attività fisica 40 uomini su cento, adesso sono addirittura 54. Le donne che nel Duemila non facevano attività fisica erano 59 su cento, adesso sono 52, un calo significativo, ma la percentuale resta alta.

Preoccupa la situazione nella fascia infantile: superano il 40% i bambini fra i 6 e 11 anni in sovrappeso e obesi. Purtroppo “bimbo grasso, bimbo bello” fa fatica a perdere proseliti». Cultura sostenuta da cattive abitudini alimentari che privilegiano i cibi ipercalorici, ricchi di zuccheri e grassi, e demonizzano frutta e verdura.

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.