FIOM VS FIAT/ Iorio fa il comunista: “Sto con gli operai”. C’è da credergli?

Al termine di una riunione blindata e rovente il presidente della Regione Michele Iorio ha appreso “incredulo” quello che è accaduto a Termoli e ha annunciato solidarietà ai lavoratori con un ordine del giorno in consiglio regionale. Oltre alla Fiat il governatore ha preso in esame anche le questioni della Dr Motor, che vorrà conoscere meglio, insieme a quelle di altre aziende in difficoltà.

di Viviana Pizzi 

michele_iorio_comunistaUn incontro che ha prodotto una sensibilizzazione. É quella a cui hanno partecipato gli operai della Fiom Cgil di Fiat, Dr Motor e Cantieri navali. Controparte, si fa per dire, il presidente della Regione Michele Iorio, l’assessore regionale Michele Scasserra e il consigliere regionale Riccardo Tamburro. Arbitro e controllore dello svolgimento è stato il consigliere regionale del Pd Michele Petraroia.

Il confronto è durato circa un’ora, ma è stato soltanto il primo di una lunga serie in cui si dovrà affrontare l’emergenza lavoro. Si è trattato di un incontro blindato, all’inizio del quale il presidente Iorio, nonostante la crisi e i mancati pagamenti delle spettanze per gli operai della DR, ha invitato tutti a non perdersi d’animo. “Come facciamo – ha preso a parlare un lavoratore – se non abbiamo i soldi per vivere?“.

Al termine dell’ora di lavoro il presidente Iorio si è presentato alla stampa dicendo:” Dobbiamo aprire un confronto franco in primis  con la Fiat. Dobbiamo conoscere quale sia la  prospettiva industriale riguardante Termoli. É responsabilità della Regione  mettere un tassello sicuro continuare l’ attività. Abbiamo esaminato anche la situazione della Dr Motor di Macchia d’Isernia. Cercheremo di capire cosa è possibile fare esaminando la situazione attuale e facendo un percorso comune. Dobbiamo capire bene, attraverso una serie di incontri,  quale deve essere il nostro ruolo“.

incontro_iorio_fiomMa quello che ci premeva sapere era cosa intendesse fare per colmare la disparità nei confronti degli operai Fiom che lavorano in Fiat e che ad oggi percepiscono uno stipendio inferiore a chi è iscritto agli altri sindacati. “Per la questione Fiat – ha sostenuto Iorio – presenteremo un ordine del giorno in consiglio regionale in cui discuteremo della questione disparità degli stipendi“. Una dichiarazione che convince a metà i lavoratori. Su questo si è espresso anche il segretario della Fiom Giuseppe Tarantino.

Abbiamo presentato richieste specifiche sia sulla Fiat che su Dr. Le stesse contenute nei precedenti documenti – ha sostenuto – per la Fiat si é impegnato nella presentazione di un ordine del giorno, per Dr ad approfondire i problemi derivanti dal mancato pagamento delle spettanze e dalla mancata conoscenza del piano industriale. Staremo a vedere se alle parole seguiranno i fatti“.

Il segretario regionale della Fiom non ha perso tempo e ha sottolineato al presidente Iorio anche le altre criticità del Molise quali le crisi di Guala, Rer e Cantieri Navali la cui situazione è di crisi totale.

E fra due giorni all’interno dello stabilimento Fiat è previsto l’incontro con il segretario Maurizio Landini…

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.