ELVIO CARUGNO/ Sprintopoli e nuovo arresto: buco da oltre un milione di euro

Dalle casse dell’ente dell’assessorato regionale alle attività produttive, secondo la Digos, non mancano solo trecentomila euro ma una somma superiore al milione di euro. Per questo è stata emessa una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Rinaldi. Il dirigente regionale Elvio Carugno è coinvolto quindi in due inchieste parallele iniziate entrambe alla fine del 2011. La polizia si è accorta che qualcosa non andava dagli strani movimenti bancari del Carugno. Indagate anche altre persone di cui ancora non si conosce il nome. Intanto la difesa annuncia: “Ricorrerò al Riesame anche per questa nuova ordinanza”.

di Viviana Pizzi

elvio_carugno_nuovo_arrestoLa notizia era nell’aria, tutti ormai sapevano che su Elvio Carugno le indagini non erano affatto terminate. Ma quello che è emerso nell’inchiesta della Digos fa davvero tremare le mura della sede dell’assessorato alle attività produttive. Dallo sportello Sprint Molise, come si era già ipotizzato, non sono usciti fuori soltanto 300mila euro. Ma una cifra superiore al milione di euro. Si tratta, come ha reso noto la stessa Digos,  di denaro vincolato al finanziamento di specifiche iniziative a favore soprattutto dell’imprenditoria femminile (lo sprint Molise). In particolare, nel corso degli anni, sono stati sistematicamente emessi bonifici bancari in favore di soggetti fatti passare per imprenditori (in alcuni casi essi stessi anche all’oscuro dell’operazione), che non avevano alcun titolo per accedere ai finanziamenti.

Questa inchiesta era partita molto prima dell’arresto formalizzato dopo l’operazione della Guardia di Finanza. Su Carugno gli occhi erano puntati già dal novembre 2011, quando la Digos ha cominciato a notare i movimenti sospetti che derivavano dalle operazioni bancarie che lo stesso dirigente faceva. Ma mentre l’inchiesta della Finanza è partita a ottobre del 2011 quella della polizia un mese dopo. Due inchieste parallele che porterebbero a scoprire, con molta probabilità, un buco di quasi un milione e mezzo di euro. A meno che, ma questo non è ancora dato certo, le inchieste non si siano intrecciate anche sugli stessi conti bancari.

Ma a cosa ha portato questa nuova inchiesta? A una seconda ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari Libera Maria Rosaria Rinaldi. Notificata all’interno del carcere di via Cavour. Carugno è coinvolto in due inchieste parallele ma con lo stesso modus operandi. La prima è stata seguita dal pm Fabio Papa, quest’ultima che sembra ancora più inquietante dal sostituto procuratore Rossana Venditti.Secondo quanto contenuto nel provvedimento Elvio Carugno si è reso responsabile di numerose ipotesi di peculato continuato ed aggravato in concorso con altre persone, le cui posizioni sono ancora al vaglio dell’autorità giudiziaria. Le indagini hanno consentito di rilevare una serie di riscontri in ordine a prelievi sospetti fatti da terze persone in alcuni istituti di credito. Sono in corso di verifica le responsabilità degli istituti bancari e sono sotto indagine anche le firme su titoli e documenti sequestrati.

Chi sono queste persone resta ancora un mistero, ma si potrebbe trattare di pesci ancora più grossi. Ora la posizione giuridica di Carugno si aggrava di molto. Ma nonostante questo l’avvocato Antonello Veneziano oggi si presenta davanti al Tribunale del Riesame per tentare di ottenere una misura cautelare meno afflittiva sulla prima ordinanza di custodia cautelare ricevuta da Carugno. “Sulla seconda non mi esprimo – ha dichiarato l’avvocato Antonello Veneziano – la valuterò e, tempo dieci giorni, mi appellerò contro di essa al Tribunale del Riesame”.

LEGGI ANCHE

COLLETTI BIANCHI/ In manette Elvio Carugno, dirigente della Regione Molise: soldi pubblici all’amante venezuelana

ELVIO CARUGNO/ Scena muta davanti al giudice. L’amante lo chiamava “meo amor”, lui le mandava soldi della regione

ELVIO CARUGNO/ L’amante in Venezuela e i soldi in…Svizzera: indaga la Finanza

ESCLUSIVO/ Perché Elvio Carugno spediva denaro ad una venezuelana mai conosciuta prima?

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.