COMUNALI ISERNIA/ Ufficiale: il centrodestra si spacca. E attenzione al Guerriero…

di Viviana Pizzi

Il centrodestra, nonostante le pressioni del coordinatore provinciale del Pdl Luigi Mazzuto, si presenta diviso all’appuntamento elettorale. Raffaele Mauro ha rifiutato il suo invito a ritirare la candidatura. Per Ugo De Vivo del centrosinistra si fa più concreta la via verso il ballottaggio ma attenzione alle intenzioni del Guerriero Sannita. Ha annunciato la sua candidatura solitaria  ma deve ancora trovare i nomi per comporre la sua lista.

guerriero_pietrabbondanteL’ufficializzazione arriva nella settimana della celebrazione della donna, si tratta di una notizia che conferma la spaccatura del centrodestra isernino. Come ampiamente anticipato anche dall’infiltrato.it nelle settimane scorse Rosa Iorio è il candidato del centrodestra alla poltrona di sindaco di Isernia. La direzione provinciale del Pdl ha ufficializzato la decisione nei giorni scorsi. A questa non ha fatto seguito quella dell’avvocato Raffaele Mauro di ritirarsi e favorire l’unità della coalizione. Stando a indiscrezioni sarebbe stato lo stesso Luigi Mazzuto, presidente della Provincia di Isernia e coordinatore provinciale del Pdl, a chiedere a Raffaele Mauro di fare un passo indietro. Ma l’ex presidente di Palazzo Berta avrebbe declinato l’offerta del suo successore senza tanti cerimoniali.

Ora forse arriverà da parte sua il famoso comunicato stampa che aveva annunciato a noi dell’Infiltrato quando decise di negarci l’intervista che avevamo pensato di fare a tutti i candidati sindaco al comune di Isernia. Potrà finalmente rompere il silenzio dopo che ha annunciato che a suo sostegno ci saranno Futuro e Libertà e La Destra di Giovancarmine Mancini. Una notizia che arriva nelle stesse ore in cui al consorzio industriale di bonifica di Termoli la cosiddetta “corrente Vitagliano” riesce a imporre nuovamente  Luigi Mascio alla guida dell’ente. Ora il centrodestra a Isernia perde di forza senza i due partiti Fli e la Destra. Per il candidato di centrosinistra sostenuto da tutti i simboli Ugo De Vivo la strada verso il ballottaggio dovrebbe essere più facile. Ma anche all’interno del centrosinistra ci sono due nodi da sciogliere davvero importanti. Il primo si chiama Massimo Romano e l’appoggio di Costruire  Democrazia alla coalizione di centrosinistra. Il secondo si chiama indignados.

Uno tra questi si chiama Giovanni Muccio, meglio conosciuto come Guerriero Sannita. Dopo l’annullamento delle primarie da parte del Pd e dell’Italia dei Valori è sceso in campo su facebook. Annunciando velatamente di voler presentare una lista da indipendente. Ventiquattro guerrieri che tolgano voti agli schieramenti politici principali e che dicano no  alle logiche dei partiti e dei palazzi. Ma la strada per il movimento del Guerriero Sannita resta tuttora in salita. Al momento gli resta da chiudere la lista da presentare. Alle elezioni d’autunno riuscì a fare squadra a Bojano ma non riuscì nello stesso intento alle regionali dovendosi poi aggregare, insieme all’allora compagno di movimento Enrico Patete, alla lista dell’Italia dei Valori pur senza aver mai deciso di tesserarsi con i dipietristi.

Sul fronte indignados resta quindi ancora tanto da stabilire. Il termine per la presentazione delle liste intanto si avvicina sempre più. Les jeux sont faits rien ne va plus? Tutt’altro se si parla della politica a Isernia riferendosi sia allo schieramento di centrosinistra che a quello di centrodestra. Terzo polo in vista? Staremo a vedere: Raffaele Mauro con l’appoggio del leader de La Destra Giovancarmine Mancini non lo può certo rappresentare.

LEGGI ANCHE

 ISERNIA/ Elezioni in arrivo: “Qui Vitagliano non conta niente”.

COMUNALI ISERNIA/ Gli indignados calano la maschera

ROSA IORIO/ “Isernia non finirà nelle grinfie del centrosinistra.”

COMUNALI ISERNIA/ Qui centrosinistra, parla Ugo De Vivo: “Non mi aspettavo che la convergenza sul mio nome annullasse le primarie”

COMUNALI ISERNIA/ Raffaele Mauro, la destra inizia col “botto”: scena muta

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.