BALLOTTAGGI/ Isernia, centrosinistra in conclave

In queste ore i segretari di partito e il sindaco De Vivo si incontreranno per analizzare il voto del primo turno e valutare eventuali apparentamenti con le civiche sconfitte. Sembra lontano l’accordo con Raffaele Mauro. Tempo massimo per decidere: sette giorni prima del ballottaggio.

di Viviana Pizzi

ballottaggi_isernia_conclaveMentre il centrodestra di Rosa Iorio ha già deciso di continuare da solo il suo percorso verso il ballottaggio, il centrosinistra di De Vivo si interroga. E lo fa insieme, intavolando una serie di riunioni organizzative nelle quali si seguirà il seguente programma: analisi del voto del primo turno e questione apparentamenti.

Ugo De Vivo si incontra con i partiti che hanno portato il centrosinistra a quella che, stando ai freddi numeri, è comunque un’affermazione. “Sono contento di come è andata al primo turno – ha sostenuto – la coalizione si è espressa bene”.

La soddisfazione  di De Vivo è riferita non solo al suo personale risultato ma anche a quelli di Pd, Idv e della sua lista civica che ha portato a casa una discreta percentuale, comunque meglio di quella di Sel.

“Continueremo a lavorare serenamente – ha dichiarato De Vivo – con lo stesso spirito fattivo che ci ha contraddistinti al primo turno”.

L’apparentamento con Mauro non sembra una cosa fattibile. Rinuncia ad apparentarsi anche il Guerriero Sannita, che continuerà da solo la battaglia contro il sistema di potere del centrodestra.

Le trattative restano aperte con le altre liste civiche. Ma il cronometro gira veloce e il tempo massimo per decidere il da farsi scade una settimana prima del secondo turno. Finiti i sette giorni che porteranno i protagonisti al ballottaggio del 13 maggio ci sarà spazio soltanto per sostegni informali.