Vivisezione animali: il Parlamento Europeo fa strage di beagle

La vivisezione di animali, in Italia ed Europa, viene sostenuta dal Parlamento Europeo. E il molisano Patriciello vota a favore. (articolo corredato da foto)

di Giuseppe Napolitano

vivisezione241Il molisano Aldo Patriciello è tra quei parlamentari europei che ha legittimato l’atrocità della vivisezione animale, sostenendo una direttiva che va in quella stupida direzione. Ma andiamo per ordine.

Sono anni ormai che c’è chi proclama i diritti per gli animali, non ultime le disposizioni italiane in merito alla loro tutela legge 189/2004. Eppure chi legifera in Europa ha deciso di far fare un salto indietro alla storia imponendo il proprio ignorante antropocentrismo. Ma c’è come sempre una voce che viene dal basso ed è quella della gente!

MANIFESTAZIONE_CONTRO_VIVISEZIONE_ROMAIl 25 settembre scorso si è tenuta una manifestazione a Roma con partenza da piazza della Repubblica alle ore 15:00 ed arrivo in piazza del Popolo. Molta la gente, e gli slogan urlati contro la vivisezione e la sperimentazione animale, in giro striscioni suGreen Hill”, foto strazianti e qualche occhio lucido che si lascia ancora sorprendere. Qualcuno inneggia uno slogan, altri silenziosi seguono la marcia. Molte anche le associazioni intervenute come la L.A.V.(Lega anti vivisezione) e l’E.N.P.A.(Ente nazionale protezione animali). La protesta si è svolta nel più totale ordine manifestando contro un disegno criminale come le modifiche alla direttiva 86/609 CEE, approvate l’8 settembre, che nel 2010 legittima ancora la sperimentazione animale rendendola ancora più atroce.

Cosa cambia?

Non obbliga ad utilizzare i metodi sostitutivi ai test con gli animali neanche quando possibile, per cui sarà possibile:

-sperimentare sui primati anche in assenza di gravi motivazioni riguardanti la salute umana (artt. 5, 8 e 55 );

-sperimentare anche su cani e gatti randagi (art. 11);

-riutilizzare più volte anche in procedure che provocano intenso dolore, angoscia e sofferenza ( art. 16) ;

-sperimentare senza anestesia e/o non somministrare antidolorifici ad un animale sofferente se i ricercatori lo ritengono opportuno (art. 14);

-sperimentare su animali vivi a scopi didattici (art. 5 );

-creare animali geneticamente modificati mediante procedure chirurgiche;

-somministrare scosse elettriche fino a indurre l’impotenza ;

-tenere in isolamento totale per lunghi periodi animali socievoli come cani o i primati;

-praticare toracotomie ,e cioè l’apertura del torace, senza somministrare analgesici ;

-costringere gli animali al nuoto forzato fino ad esaurimento…

NO_ALLA_VIVISEZIONEI favori di tale legittimazione provengono dalla falsa credenza che essa possa ancora contribuire alla conoscenza scientifica dell’uomo, in maniera unica ed insostituibile. Tutto ciò è falso! La normativa inoltre si contraddice in continuazione creando in definitiva  una totale autarchia. Dettami di infinite regole da seguire per il benessere dell’animale facilmente travalicabili però, se la ricerca scientifica lo richiede.

La questione solleva innumerevoli problemi etici… Si tratta di pregiudizio? Oppure realmente è inutile questa forma di ricerca? L’equiparazione tra risultati ottenuti da ricerche che usano specie diverse è scientificamente inattendibile,  poiché l’eterogeneità delle loro configurazioni genetiche non lo permette. Parlare di DNA (acido desossiribonucleico), della particolarità delle particelle che lo compongono (nucleotide composto da  una base azotata, uno zucchero a cinque atomi di carbonio “desossiribosio”, un gruppo fosfato ) e delle miriadi di combinazioni  a cui esse danno luogo diventerebbe impossibile in questa sede.

Per rendersi conto delle proporzioni della diversità basta guardarsi intorno: ogni forma di vita è espressione fenotipica di un genoma, ed ognuno di loro ha reazioni dissimili dall’uomo. Basta riflettere su alcuni esempi: l’aspirina uccide il gatto, la penicillina le cavie, che possono però  mangiare la stricnina e così via. Inoltre ormai per il livello di approfondimento a cui è arrivata la conoscenza umana, la similitudine animale è uno standard troppo basso. La storia medico-scientifica ci porta sempre più verso studi ecologici e non bisogna comunque disconoscere il grande merito del metodo clinico.

Malattie come il cancro, l’aids, la distrofia muscolare, la sclerosi multipla, l’ Alzheimer, malformazioni hanno avuto un rallentamento nello sviluppo della ricerca negl’ultimi cent’anni grazie alla scelta della sperimentazione animale.

MAX_MARA_VENDE_MORTEC’è un grandissimo giro d’affari intorno a queste sperimentazioni.

Le ricerche favoriscono carriere scientifiche basate sul numero di pubblicazioni; le leggi consentono grazie alla sperimentazione animale di omologare medicine per uso umano che poi finiscono nelle nostre farmacie causando molti danni: è stato riscontrato che ciò che funziona su un cane non va bene per l’uomo. Risultato: in America le malattie iatrogene (prodotte da farmaci) sono in costante aumento.

Il giro d’affari comprende anche l’allevamento di questi malcapitati esseri viventi. In Italia l’unico allevamento di canida laboratorio”  è il Green Hill di Montichiari (BS), è il più grande d’Europa, gestito per profitto dalla multinazionale americana Marshall Farm Inc. Ogni mese vengono spediti 250 cani beagle verso la morte nei laboratori a seguito di chissà quale esperimento-sevizia: in questo carcere ve ne sono rinchiusi 2500, che non possono vedere la luce del sole, ne toccare l’erba né  respirare all’area aperta. Il beagle viene scelto perché  ha un cuore molto forte, non possiede malattie congenite, ha una taglia ideale e ha un temperamento molto dolce e mansueto, fidandosi dell’uomo.

Ci domandiamo se sia un nostro diritto poter trattare la vita animale in questo modo. La risposta tuona più violenta della domanda…

In merito all’utilità scientifica poi…ci sembra siano chiare le conclusioni.

Di seguito per conoscenza è riportata la lista degli europarlamentari che hanno votato a favore dell’approvazione della nuova direttiva sulla vivisezione:

1 – Gabriele ALBERTINI ( PPE – PdL)
2 – Magdi Cristiano ALLAM ( PPE – Io Amo l’Italia)
3 – Roberta ANGELILLI ( PPE – PdL)
4 – Antonello ANTINORO ( PPE – UDC)
5 – Alfredo ANTONIOZZI ( PPE – PdL)
6 – Pino ARLACCHI ( ALDE/ADLE)
7 – Raffaele BALDASSARRE ( PPE – PdL)
8 – Paolo BARTOLOZZI ( PPE – PdL)
9 – Sergio BERLATO ( PPE – PdL)
10 – Luigi BERLINGUER ( S&D – PD)
11 – Mara BIZZOTTO ( EFD – Lega Nord)
12 – Vito BONSIGNORE ( PPE – PdL)
13 – Mario BORGHEZIO ( EFD – Lega Nord)
14 – Antonio CANCIAN ( PPE – PdL)
15 – Carlo CASINI ( PPE – UDC)
16 – Sergio Gaetano COFFERATI ( S&D – PD)
17 – Giovanni COLLINO ( PPE – PdL)
18 – Lara COMI ( PPE – PdL)
19 – Paolo DE CASTRO ( S&D – PD)
20 – Luigi Ciriaco DE MITA ( PPE – UDC)
21 – Herbert DORFMANN ( PPE – SVP)
22 – Carlo FIDANZA ( PPE – PdL)
23 – Lorenzo FONTANA ( EFD – Lega Nord)
24 – Elisabetta GARDINI ( PPE – PdL)
25 – Roberto GUALTIERI ( S&D – PD)
26 – Salvatore IACOLINO ( PPE – PdL)
27 – Vincenzo IOVINE ( ALDE/ADLE)
28 – Giovanni LA VIA ( PPE – PdL)
29 – Clemente MASTELLA ( PPE – UDE)
30 – Barbara MATERA ( PPE – PdL)
31 – Mario MAURO ( PPE – PdL)
32 – Erminia MAZZONI ( PPE – PdL)
33 – Claudio MORGANTI ( EFD – Lega Nord)
34 – Alfredo PALLONE ( PPE – PdL)
35 – Pier Antonio PANZERI ( S&D – PD)
36 – Aldo PATRICIELLO ( PPE – PdL)
37 – Mario PIRILLO ( S&D – PD)
38 – Gianni PITTELLA ( S&D – PD)
39 – Vittorio PRODI ( S&D – PD)
40 – Fiorello PROVERA ( EFD – Lega Nord)
41 – Licia RONZULLI ( PPE – PdL)
42 – Oreste ROSSI ( EFD – Lega Nord)
43 – Potito SALATTO ( PPE – PdL)
44 – Matteo SALVINI ( EFD – Lega Nord)
45 – Amalia SARTORI ( PPE – PdL)
46 – David-Maria SASSOLI ( S&D – PD)
47 – Giancarlo SCOTTÀ ( EFD – Lega Nord)
48 – Marco SCURRIA ( PPE – PdL)
49 – Sergio Paolo Francesco SILVESTRIS ( PPE – PdL)
50 – Francesco Enrico SPERONI ( EFD – Lega Nord)
51 – Salvatore TATARELLA ( PPE – PdL)
52 – Iva ZANICCHI ( PPE – PdL)

A tutti loro dico grazie per aver ancora una volta illustrato la logica egoistica ed ignorante dell’essere umano.

Un grazie particolare a Giulia per le foto!

GUARDA IL VIDEO (visione sconsigliata ai deboli di stomaco..)

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.