POLITICHE 2013/ Oltre 215 simboli: da “Beppe ciRILLO” al partito di Cicciolina, ecco cosa ci aspetta

Dal Movimento Bunga Bunga a Forza Roma e Forza Lazio. Dalle liste contro banche e tasse a quelle contro la classe politica (“Forza evasori. Stato ladro”). E, ancora, indipendentisti, femministe, estremisti di destra (ha presentato la sua lista anche Alba Dorata), fondamentalisti religiosi e movimenti fondati su poesia e musica. Tanti, infine, i partiti-cloni: presi di mira Grillo, Monti, Ingroia. E anche lui, Silvio Berlusconi. C’è, però, chi pensa a lui: il candidato premier Beppe Cirillo gli suggerisce la lettera per fare pace con Veronica Lario. Ecco il viaggio di Infiltrato.it tra gli oltre 200 simboli presentati al Viminale.

 

di Carmine Gazzanni

Il più curioso è il simbolo 193: “Voto di protesta. Diritto alla dignità. Beppe ciRILLO.it”. Altro movimento che fa il verso a Beppe Grillo. Ma solo nel nome dato che il programma si fonda, tra le altre cose, su una tassa sul tradimento e un vademecum per il corteggiamento in 14 punti. Il promotore, Beppe Cirillo, psicologo napoletano, suggerisce a Silvio Berlusconi anche una lettera, con tanto di cuoricini, per riconciliarsi con Veronica Lario. Questo è solo uno dei ben 215 simboli presentati al Viminale: il ministero avrà tempo fino a domani per decidere quali ritenere ammissibili e quali no per la corsa alle politiche.

E, con grande probabilità, un taglio – anche netto – verrà fatto. Oltre ai movimenti che tutti conosciamo, infatti, ce ne sono alcuni che lasciano un tantino interdetti. È il caso, ad esempio, del partito messo su da Marco Di Nunzio della provincia di Asti, Movimento Bunga Bunga, per dire basta all’euro, all’Imu e al debito pubblico. Un modo per attirare l’attenzione, ha detto lo stesso Di Nunzio. O, ancora, Forza Roma, simbolo numero 80, a cui ha fatto immediatamente eco Forza Lazio, numero 164.

Tanti, poi, i movimenti contro tasse, banche, Equitalia e euro. Da Fermiamo le banche e le tasse a Basta tasse, da Recuperiamo il maltolto a Liberi da Equitalia (che si presenterebbe solo al Senato e in Campania) fino a No Gerit-equitalia. Incuriosisce poi il Movimento Economico Italiano: nonostante il nome, il logo rappresenta un tricolore immerso nella bandiera europea.

politiche_2013_listeCe n’è per tutti i gusti, insomma. Quattro i movimenti dedicati alle donne (Donne per l’Italia, Fratellanza donne, Movimento Eudonna, Movimento mamme del mondo), tanti quelli indipendentisti: Sardigna Natzione, Indipendenza per la Sardegna, Comunità lucana, Movimento Friuli, Lega Lombardo Veneta, Unione Padana. E poi ancora i meridionalisti unitari del Partito del Sud, il Movimento per l’indipendenza della Sicilia. Non mancano, poi, gli ambientalisti: oltre ai Verdi, anche Alleanza per la Terra e il Movimento Naturalista Italiano.

Abbondano, poi, i partiti di destra tra i marchi presentati al Viminale: Movimento Sociale Fiamma Tricolore, Forza Nuova, Msi-Dn, Casapound Italia, Movimento Idea Sociale, Militia Christi, Rsi-Nuova Italia, i cattolici integralisti del Sacro romano impero liberale guidati dalla Mirella Cece, i Gay di destra che per il loro esordio assoluto sulla scena della politica nazionale hanno scelto una rosa nera in campo rosa. Fino al partito neonazista di Alba Dorata che in Grecia è ormai diventato una realtà preoccupante.

Si presenta  anche Il partito internettiano il quale sembra avere molto in comune con il Partito Pirata, diventato famoso nei giorni scorsi per la bella idea di candidarsi con ben tre liste di cui due con simboli simili ma diversi a quello del M5S e a quello di Antonio Ingroia. Oltre infatti all’ormai famoso logo a cinque stelle (rispetto all’originale manca solo la scritta “beppegrillo.it“), depositato da Andrea Massimiliano Danilo Foti, gli altri due pirati – Massimiliano Loda e Marco Manuel Marsili –  registrano, il primo, un simbolo con il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo con la scritta Rivoluzione civile (molto simile a quello del partito appena fondato da Ingroia); il secondo invece presenta il logo dei pirati con teschio e faccia di Johnny Depp.

Ma andiamo avanti in questa gincana tra i simboli. Al numero 81, infatti, spicca Ilona Staller, più nota come Cicciolina, la quale, forse per attirare l’elettorato maschile, ha optato per una sua foto sulla bandiera del suo nuovo partito DNA (Democrazia Natura Amore). Al numero 75 il partito di chi non vuole chiudere gli ospedali: “No alla chiusura degli ospedali”. E ancora: il Partito nazionale stranieri in Italia; la curiosa Democrazia europea che, nonostante il nome, rivendica una regione del Salento; il Movimento Autonomi Autotrasportatori europei; gli Angeli della Libertà. Senza dimenticare, ancora, l’Unione degli Italiani per il Sudamerica.

Non mancano, poi, i movimenti presentati in aperta critica nei confronti della classe dirigente. Forte il messaggio lanciato da liste come Stato Ladro. Forza evasori, da Fuori tutti o da Dimezziamo lo stipendio ai politici. Fino a Io non voto. Come dire: invece di astenervi, votate per l’astensione.

Nel filone culturale spuntano il Movimento poeti d’azione (“lo sviluppo del Paese può essere incentrato sulle risorse intellettuali” dice il candidato premier Alessandro D’Agostini), Pensa al tuo futuro e Arte Musica Cultura. Tutti insieme per l’Italia. Fa pensare, invece, il movimento Unitas Universalis Militantium Ecclesiae: a vedere il logo sembrerebbe un movimento che rasenta il fondamentalismo. A fare da contraltare, però, ecco Democrazia Atea.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Il clima è più che rovente. Basti pensare che oltre alle liste-cloni di cui già abbiamo detto, ieri ha preannunciato ricorso anche Roberto Maroni nel caso in cui tre liste (secondo il leader del Carroccio, anche queste cloni) vengano ammesse al voto: si tratta di Lega veneta repubblica, Lega padana e Prima il Nord (che, peraltro, è il nome di un’associazione del Carroccio).

Qualcuno, infine, pare abbia giocato un brutto scherzo anche al Cavaliere. Tra i simboli, infatti, spunta anche Viva l’Italia: il logo è l’esatta fotocopia del defunto movimento di B, Forza Italia

GUARDA LE FOTO DI TUTTI I SIMBOLI PRESENTATI

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.