Napolitano bis: ecco il Monarca della Repubblica

E Napolitano bis fu. Scelta incomprensibile, forse anticostituzionale e alquanto ridicola. Così com’è ridicola la propaganda che spaccia Stefano Rodotà, che di poltrone ne ha scaldate fin troppe, come “fuori dai giochi” e anti Casta. Persino Grillo, nel 2011, lo definiva “un maledetto pensionato d’oro”. Ma l’italico babbeo è pronto a bersi qualunque panzana, purché ben condita. E adesso governissimo e prelievi forzosi dai conti correnti diventeranno presto una realtà.

il_monarca_napolitano

L’Italia, da un punto di vista prettamente giornalistico, è il Paese dei Balocchi. Ce n’è per tutti i gusti e negli ultimi giorni il Belpaese, in questo senso, sta dando il meglio di sè, offrendo in mondovisione un “Romanzo Quirinale” degno dei migliori sceneggiatori su piazza.

Da una parte abbiamo il teatrino di centrosinistra, che riesce a bruciare due padri fondatori, un segretario e un presidente nel giro di poche ore; dall’altra troviamo il presunto cambiamento di quanti sostengono Stefano Rodotà, poltronista della Prima Repubblica e pensionato d’oro, propagandato come il bambinello appena sceso dal cielo.

Che tristezza l’Italietta!

Alla fine ha prevalso la via di mezzo, quel consociativismo conservativo che comanda da decenni sul nostro insulso Paese e che esprime nel Napolitano bis la sua maschera peggiore. Durerà poco, certo, ma si prenderà il tempo per mettere a posto le cose.

Grillo e Vendola, occhio, che entrerete nel mirino del monarca. E rischierete di fare la fine di Di Pietro…

Come diceva Allen, “Dio è morto, Marx è morto e neanch’io mi sento tanto bene…”

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.