La verità nascosta

Infiltrato.it riceve e pubblica la lettera di Carmelo Musumeci, ergastolano rinchiuso nel carcere di Spoleto.

CARMELO_MUSUMECI-226x300È da tanti anni, prima di molti altri, persino degli stessi giudici, avvocati e addetti ai lavori,  che ho scoperto che in Italia esiste “La Pena di Morte Viva”.

È da tanti anni che parlo e  scrivo che la pena dell’ergastolo ostativo è peggio, più dolorosa è più lunga della pena di morte;

che è una pena di morte al rallentatore;

che ti ammazza, lasciandoti vivo, tutti i giorni sempre un po’ di più;

che in Italia ci sono giovani ergastolani che al momento del loro arresto erano adolescenti, che invecchieranno e moriranno in carcere;

che solo in Italia, in nessun altro Paese in Europa, esiste la pena dell’ergastolo ostativo, una pena che non finirà mai se non collabori con la giustizia o se al tuo posto non ci metti qualche altro;

che la pena dell’ergastolo va contro la legge di Dio e degli uomini, contro l’art. 27 della Costituzione, che dice  “Le pene devo tendere alla rieducazione”, e alla Convenzione della Corte europea.

Ora, queste cose non le dico solo più io.

Ora queste cose vengono dette  anche dalla Magistratura di Sorveglianza:  in Italia esiste una pena che non finisce mai, esiste “La Pena di Morte Viva”, l’ergastolo ostativo.

Nella rivista Ristretti Orizzonti anno 12, numero 3 maggio-giugno 2010 pag. 34 leggo che Paolo Canevelli, Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Perugia rilascia questa dichiarazione:

(…) Per finire, e qui mi allaccio ai progetti di riforma del Codice penale, non so se i tempi sono maturi, ma anche una riflessione sull’ergastolo forse bisognerà pure farla, perché l’ergastolo, è vero che ha all’interno dell’Ordinamento dei correttivi possibili, con le misure come la liberazione condizionale e altro, ma ci sono moltissimi detenuti oggi in Italia che prendono l’ergastolo, tutti per reati ostativi, e sono praticamente persone condannate a morire in carcere.

Anche su questo, forse, una qualche iniziativa cauta di apertura credo che vada presa, perché non possiamo, in un sistema costituzionale che prevede la rieducazione, che prevede il divieto di trattamenti contrari al senso di umanità, lasciare questa pena perpetua, che per certe categorie di autori di reato è assolutamente certa, nel senso che non ci sono spazi possibili per diverse vie di uscita.

 

(Roma 28 maggio 2010, intervento al Convegno Carceri 2010: il limite penale ed il senso di umanità).


Carmelo Musumeci

Carcere Spoleto

Ottobre 2010

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.