La vendetta di Monti: elezioni deludenti? Bloccati gli stipendi ai dipendenti pubblici.

Il debito pubblico che viaggia intorno ai due mila miliardi di euro è la giustificazione ufficiale. Fatto sta che Mario Monti e il suo governo tecnico hanno messo in atto la loro ultima impopolarità, pensando bene di sfornare un decreto in cui si bloccano gli stipendi per i 3 milioni di dipendenti pubblici. A destare forti sospetti è la tempistica di un provvedimento che arriva il giorno dopo le deludenti elezioni cui l’ormai ex Premier ha partecipato con la sua Scelta Civica. Vendetta, tremenda vendetta, contro quanti non lo hanno votato? 

 

di Viviana Pizzi

CHI HA PRESENTATO LA PROPOSTA E  PERCHÈ

La proposta è arrivata dal ministro della funzione pubblica Filippo Patroni Griffi e da quello dell’economia Vittorio Grilli. Lo scandalo non sta in un provvedimento che probabilmente sarebbe arrivato comunque probabilmente anche dal prossimo governo.

La cosa che ha fatto riflettere è la seguente: la proposta è arrivata il giorno  successivo alle elezioni quando il risultato elettorale ha sancito la sconfitta del progetto elettorale di Mario Monti con Scelta Civica che al Senato non ha centrato il quorum in tutte le Regioni d’Italia e alla Camera invece ha lasciato a casa uno degli alleati di coalizione ossia Fli di Gianfanco Fini.

I ministri montiani parlano di atto dovuto mentre i più maliziosi potrebbero anche pensare a una sorta di vendetta elettorale trasversale nei confronti di chi ha preferito votare Movimento Cinque Stelle per protesta oppure Silvio Berlusconi perché magari sperava in una pressione fiscale più bassa e nella restituzione dell’Imu sulla prima casa.

 

COME VERRANNO BLOCCATI I CONTRATTI

la_vendetta_di_monti_bloccati_stipendiL’ iter legislativo prevede che il decreto nei prossimi giorni venga firmato dal presidente del Consiglio ancora in carica Mario Monti.  Tecnicamente si tratta di mettere nero su bianco un blocco dei contratti che era nell’aria già ai tempi dell’approvazione della legge di Stabilità. Durante la campagna elettorale però, guarda caso, il progetto sembrava tramontato per dare spazio alla possibilità di Mario Monti di essere eletto. Secondo i rumors provenienti da Palazzo Chigi sembra che nemmeno un governo di centrosinistra alleato con Beppe Grillo avrebbe potuto agire diversamente.

Secondo il provvedimento varato dai due ministri in tandem  “non si dà luogo, senza possibilità di recupero, alle procedure contrattuali e negoziali ricadenti negli anni 2013-2014 del personale dipendente dalle amministrazioni pubbliche cosi come individuate ai sensi dell’articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009 n. 196 e successive modificazioni”.

Chi saranno le persone colpite da questa ennesima scure? Di certo il milione di lavoratori della scuola ( la maggior parte insegnanti e in minor misura il personale non docente) che a tutt’oggi è il settore più corposo del pubblico impiego. Insieme a loro tutti i dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

Che cosa verrà colpito? Verranno bloccati, per tutto il 2013, gli scatti di anzianità che negli anni passati erano stati recuperati grazie alla negoziazione tra governo e sindacati. Gli stessi non avranno nemmeno la possibilità di vedersi riconosciuti gli incrementi contrattuali previsti dal 2011.  Tuto bloccato dunque in  nome della crisi. O in nome della mancata possibilità di diventare governo politico e accontentare i 130 potenti del Bilderberg che chiedevano a Monti di essere influente e continuare a fare gli interessi delle banche. Siamo davanti a un Governo Tecnico che potrebbe aver agito politicamente.

 

NON ARRIVA NEMMENO LA CORRESPONSIONE DELLA VACANZA CONTRATTUALE

Negli anni 21013 e 2014 non è prevista per tutti i dipendenti pubblici e in particolare per gli insegnanti precari nemmeno l’indennità di vacanza contrattuale che non arriverà ne per l’anno in corso e tantomeno per quello successivo. Tornerà ad essere calcolata nel triennio 2015 – 2017.

Tutto questo avverrà in deroga alle previsioni di cui all’articolo 47 bis, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2011, n. 165 e successive modificazioni, e all’articolo 2, comma 35 della legge 22 dicembre 2008, n. 303, per gli anni 2013 e 2014 non si dà luogo, senza possibilità di recupero, al riconoscimento di incrementi a titolo di indennità di vacanza contrattuale che continua a essere corrisposta nelle misure di cui all’articolo 9, comma 17, secondo periodo, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78/2010.

L’indennità di vacanza contrattuale relativa al triennio contrattuale 2015-2017 sarà calcolata secondo le modalità e i parametri individuati dai protocolli e dalla normativa vigenti in materia  che terranno conto anche dell’individuazione dell’inflazione da recuperare, avendo mandato in soffitta il parametro europeo dell’Ipca.

Si tratta insomma di una vera e propria scure sull’impiego pubblico che sarebbe dovuta arrivare a gennaio di cui i quotidiani soprattutto quelli economici si erano preoccupati. Bloccata in fase elettorale con la speranza di recuperare consensi e ripresa invece ora che i conti con le urne sono stati già fatti da poco tempo.

Permettendo al Monti tecnico di compiere l’ultimo atto di macelleria sociale.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.