Il sondaggio shock che in Italia viene occultato: il Movimento 5 Stelle vola al 31%

Se si tornasse alle urne adesso – secondo l’Rkw, un istituto di rilevazioni scientifiche tedesco – i pentastellati otterrebbero il 31,3% delle preferenze, superandosi di sei punti rispetto a febbraio. Ascoltando invece i sondaggisti italiani, che sembrano lavorare ai fianchi il M5S, il Movimento perderebbe consensi. Ma la realtà è molto diversa da quello che il sistema mediatico nostrano vuole farci credere…

 

di Viviana Pizzi

sondaggio_shock_grillo_volaLo scenario politico è in continua mutazione: da una parte il Pdl che manifesta a Brescia e prossimamente a Roma contro i giudici e dall’altra un Pd con forze dimezzate che elegge come segretario il sindacalista socialista Guglielmo Epifani togliendo definitivamente a Cgil, Cisl e Uil il loro ruolo di intermediari tra il popolo e la politica. Diventando un politico a tutti gli effetti ha svuotato i sindacati del loro compito principale.

A questo si aggiunge un Movimento Cinque Stelle che continua a perseguire i propri obiettivi. Cercando di far luce sulla storia delle mail violate per le quali nessun altro partito si è speso in solidarietà e mettendo in atto espulsioni vere e proprie per chi non segue lo statuto e non si priva della diaria. Per ora Antonio Venturino, vicepresidente della Regione Siciliana, è stato l’esponente più in vista espulso per non aver rinunciato all’auto blu e alla diaria prevista.

Come reagisce il Paese a tutto questo? Certamente non come tutta l’Italia crede. I segnali sono davvero contrastanti perché sono i sondaggi stessi a dire tutto e il contrario di tutto. In rete però da qualche ora ne circola uno che da tv e giornali non è stato preso minimamente in considerazione. E che non vede il Movimento Cinque Stelle arretrare ma addirittura aumentare i propri consensi consolidandosi come primo partito in Italia.

IL SONDAGGIO SHOCK RKW: MOVIMENTO CINQUE STELLE AL 31,3%

L’istituto di sondaggi Rkw ha sede in Germania. Negli ultimi giorni però ha realizzato, mediante interviste telefoniche, un sondaggio sulle intenzioni di voto relative ai primi tre partiti in Italia : Movimento Cinque Stelle, Pd e Pdl. I risultati sono del 5 maggio scorso.

Il quadro che emerge è totalmente diverso da quello diffuso dagli istituti di sondaggi italiani. Infatti il primo partito è proprio il Movimento Cinque Stelle che secondo i dati raccolti arriverebbe al 31, 3% contro il 25,5% di febbraio. Insomma i pentastellati secondo questi sondaggi guadagnerebbero 6 punti in percentuale in 70 giorni. Stessa cosa si dice anche del Pdl di Silvio Berlusconi che arriva al 25,8% contro il 21,6% di 70 giorni fa. Anche i berluscones guadagnano 4 punti mentre il Pd dal 25,4% di febbraio arriva al 18,6% lasciando per strada il 7% dei voti.

Insomma secondo quanto viene fuori da questi numeri potrebbe crearsi un nuovo bipolarismo che vede da una parte il Movimento Cinque Stelle e dall’altra il Pdl di Berlusconi. Il Pd sarebbe punito per aver abbandonato quella sorta di antiberlusconismo predicato nella campagna elettorale di gennaio e febbraio 2013. Un quadro che però nessuno ha dipinto in Italia. I suoi risultati circolano soltanto in rete.


I SONDAGGI “UFFICIALI”: MOVIMENTO CINQUE STELLE AL TERZO POSTO

sondaggi_nascosti_e_realiParagonando i dati appena snocciolati con quelli degli altri istituti di sondaggi sembra di vedere due scenari diversi. Due Paesi che nulla hanno a che fare l’uno con l’altro.

Il più recente è quello dell’Emg  del 3 maggio che da il Movimento Cinque Stelle al 25,90% , Scelta Civica Monti al 4,4% , il Pdl al 27,30% e il Pd al 22,3%.

Il giorno prima erano stati consegnati i risultati del sondaggio Technè che faceva venir fuori uno scenario quasi identico escludendo i pentastellati. Con il Pdl che la fa da padrone con il 28,1% , il Pd che racimola il 22,8% e il Movimento che scende al 22% diventando di fatto il terzo partito.

Il primo maggio esce invece il sondaggio Swg secondo il quale il Movimento Cinque Stelle è fermo al 23,7%, il Pdl sale al 26,8% e il Pd invece perde meno attestandosi sul 23,8%.

FATTORI COMUNI: IL PD PERDE E IL PDL GUADAGNA

Il fattore comune di questi sondaggi con quello della società Rkw è la sostanziale perdita di consensi del Partito Democratico rispetto alle elezioni di febbraio.  Tra Swg che fa registrare una perdita di due punti e Rkw di sei. Nessuno ha detto però che i Democratici guadagnano. Sarebbe quasi impossibile sostenerlo dopo tutti i fallimenti politici del partito che vanno da febbraio ad oggi.

Un altro punto in comune: il Pdl guadagna. Le percentuali di aumento del consenso vanno tutte dai tre punti ai sei. Però, mentre i sondaggi tradizionali danno il Popolo della Libertà come primo partito per l’Rkw i berlusconiani sono soltanto al secondo posto.


LA DIFFERENZA: I CONSENSI DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE

I numeri parlano chiaro. Se nel sondaggio dell’istituto tedesco i pentastellati addirittura guadagnano sei punti di percentuale in quelli confezionati in Italia la vera opposizione parlamentare perderebbe consensi.

Per Tecnè infatti perde 3,5 punti, per Swg 2 punti e per Emg guadagna pochissimo lo 0,4%.

grillo_sornioneOra bisognerebbe chiedersi dove sta la verità. E se i sondaggi pubblicati finora in Italia, con il Movimento in costante perdita, non siano altro che dei mezzi per favorire il governo dell’inciucissimo contro l’opposizione vera rappresentata dai pentastellati.

Con l’esperienza delle elezioni politiche di febbraio si può dire che probabilmente nessuno dei quattro sondaggi che abbiamo analizzato potrebbe rispecchiare la realtà dei fatti. Infatti prima delle elezioni il quadro di camera e senato era completamente diverso da quello che abbiamo oggi. Che le rilevazioni di voto siano una truffa non architettata, lo avevamo già sostenuto. Ora che possano orientare l’elettore verso questo o quel partito lo possiamo soltanto ipotizzare.

E se questo governo politico sarà a termine e presto si tornerà alle urne lo potremo anche vedere subito.

 

POST SCRIPTUM

In seguito ad alcune incomprensioni, legate ad un nostro errore di trascrizione, ci teniamo a specificare quanto segue.

L’RKW in questione, ovviamente, non è lo studio di architettura e desing – che non si occupa di sondaggi né di politica e con cui si vuol far passare la notizia per una bufala – ma è il German Productivity and Innovation Centre (RKW), una organizzazione non profit che sviluppa scenari economici e politici per le imprese tedesche.

Con l’avvicinarsi delle elezioni in Germania, dove il Partito Pirata – una sorta di M5S in versione tedesca – sta sfondando nei sondaggi, RKW ha offerto un parallelo tra il PP e il M5S, mettendo in guardia l’establishment tedesco da uno scenario in cui il PP possa raggiungere l’attuale livello del M5S, che secondo loro si attesta oltre il 30%.

Per motivi a noi sconosciuti non è più possibile accedere al link che riportava le cifre del sondaggio. Si può solo ipotizzare che un sondaggio del genere possa essere di buon auspicio per il PP e, quindi, destabilizzante per l’attuale establishment tedesco.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.