FINANZIAMENTI PUBBLICI AI PARTITI/ Abrogarli? Pd, Udc e Pdl dicono no, Fli si astiene. Lega e Idv favorevoli

Tutti salvi. La Camera, poche ore fa, pur approvando un taglio immediato, ha bocciato l’emendamento che avrebbe abrogato in toto i finanziamenti pubblici ai partiti. A votare contro la maggioranza di governo e, dunque, Pd, Udc e gran parte del Pdl. Futuro e Libertà si è astenuto. Gli unici due partiti favorevoli Lega e Italia dei Valori.

di Carmine Gazzanni

Bersani-Casini-e-AlfanoUna buffonata. L’ennesima a cui alcuni tra i partiti presenti a Montecitorio ci hanno abituato. Non basta nemmeno il fenomeno Grillo, nemmeno il diffuso sentimento di antipolitica a far intendere ai grandi partiti – Pd e Pdl in testa – la necessità di cambiar rotta. La necessità di essere trasparenti. Di essere credibili.

Tutto quello, in pratica, che questi partiti continuano a non essere. Dopo tante promesse, dopo tante belle parole, dopo tanto (falso) sgomento per le vicende Lusi e Belsito, la sorpresa è bella che servita: al voto sull’emendamento che avrebbe abrogato i finanziamenti pubblici ai partiti (peraltro emendamento bipartisan presentato proprio da Pd e Pdl) il Partito Democratico vota in blocco a sfavore. Stessa decisione per l’Udc. E per buona parte del Pdl. Soltanto un taglio previsto.

Gli unici due partiti a votare a favore per l’abrogazione sono stati Idv e Lega. Quest’ultimo “costretto” dopo quanto accaduto in casa e dopo gli scandali di Via Bellerio. Il partito di Antonio Di Pietro, invece, sulla vicenda è stato sempre chiaro: stop ai rimborsi elettorali. Non a caso l’Italia dei Valori ha raccolto firme abrogative a riguardo. Per annullare in toto quelli che altro non sono veri e propri finanziamenti pubblici.

A questo punto il referendum può essere l’unica alternativa credibile. Dopo le false promesse e le parole fumose di Bersani, Alfano e Casini.

I tre leader, intanto, continuano a lamentarsi per una diffusa antipolitica. Sarebbe il caso di dire loro che queste sono le uniche decisioni realmente antipolitiche.

LEGGI ANCHE

PRIVILEGI CASTA/ Dopo le pensioni d’oro, altra figuraccia del Pd: si astiene contro i doppi stipendi dei magistrati

PENSIONI D’ORO/ Il taglio non passa: 94 senatori votano contro. Quasi tutti del Pd (Partito della Casta)

FINANZIAMENTO PARTITI/ Ombre nere sull’Udc del furbo Casini

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.