ENRICO MENTANA/ Il direttore lascia il tg di La7 dopo polemica con il Cdr

di Giacomo D’Ulisse

La notizia fa il giro del web e diventa seconda tra le “trending topic”, ovvero i termini più trattati in rete. Enrico Mentana, direttore e fondatore del nuovo tg di La7, ha annunciato le sue dimissioni. Lascia così, dopo poco più di un anno dalla nascita, la direzione del telegiornale che negli ultimi mesi ha fatto registrare ascolti da record.

mentanaDenunciato alla Magistratura ordinaria da parte del Cdr della testata. Questo il motivo che ha portato il direttore del tg di La7 Enrico Mentana a rassegnare le sue dimissioni. La questione che a provocato la rottura è stata la scelta di non leggere un comunicato stampa del Comitato di redazione che esprimeva solidarietà allo sciopero dei Poligrafici.

Ma la storia a suo modo è un piccolo giallo. Alle dichiarazioni di Mentana «Essendo impensabile continuare a lavorare anche solo per un giorno con chi mi ha denunciato, rassegno da subito le dimissioni dalla direzione del Tg La7» risponde uno dei membri del Cdr del tg di La7, Stefano Ferrante che smentisce la notizia della denuncia da parte del direttore: «Il cdr non ha denunciato Mentana alla magistratura ordinaria, questo  deve essere chiaro. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata il rifiuto del direttore di leggere durante il Tg il comunicato della  Fnsi che solidarizzava con lo sciopero dei poligrafici, indetto  nell’ambito della mobilitazione di Cgil-Cisl-Uil e Ugl contro la manovra  del Governo Monti» – prosegue Ferrante – «La Fnsi ha mandato un  comunicato chiedendo di pubblicarlo, e il cdr ha fatto solo da tramite  con il direttore, che non ha ritenuto di leggere il comunicato durante il  Tg. Ma da noi non è partita nessuna denuncia».

Sulla questione editoriale, l’ormai ex direttore risponde stizzito: «Sono rituali, che se mai hanno  avuto un senso, certo non lo hanno ora. Faccio il giornalista e do notizie per i telespettatori, non leggo comunicati di altri. Così come durante il tg non ho mai letto comunicati di Telecom, ovvero del mio editore, non vedo perché – aggiunge – dovrei leggere quelli dei sindacati».

Il tg, nato nell’agosto del 2010, fondatore proprio Mentana, ora perde il suo ideatore e direttore, colui che era riuscito a portare ad ascolti record il notiziario dell’emittente di Telecom Italia Media. Ecco allora precipitare le borse dell’azienda quando la notizia si fa spazio nel web e tra le agenzie di stampa.Un brutto colpo per l’emittente.

Il caso ha voluto che nell’ultima settimana ci sia stato un ridimensionamento nelle direzioni dei due tra i maggiori telegiornali nazionali. Dopo Minzolini è il turno di Mentana. Le questioni, però, hanno grosse differenze.

LEGGI ANCHE

STRAGE DI FIRENZE/ Il ragioniere fantasy a caccia di neri

MANOVRA/ Scompare l’equità: perchè? Rispondono gli uomini della Casta…

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.