ECOVILLAGGIO SOLARE/ Alcatraz, in una valle meravigliosa nasce la città verde

C’e’ un nuovo modo di abitare: e’ l’Ecovillaggio Solare. Lo scorso 12 marzo si e’ tenuto infatti ad Alcatraz l’incontro tra tutti i partner del progetto Ecovillaggio Solare. Storico è stato il momento della firma dell’accordo tra i primi promotori: Jacopo Fo e Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica. Si tratta di un piccolo passo per l’uomo, ma di un grande passo per la realizzazione di un modo piu’ umano di abitare… E ora, partano le ruspe!!!

 

di Jacopo Fo – La Voce delle Voci

Ecovillaggio-solare-di-AlcatrazPerche’ un ecovillaggio solare
Oggi in tutto il mondo centinaia di migliaia di persone vivono negli ecovillaggi e sperimentano da decenni una qualita’ della vita che e’ decisamente superiore a quella offerta dalle citta’ inquinate.
Gli ecovillaggi ci permettono di costruire un modo di vivere che e’ strutturalmente migliore. Dopo un anno di dibattito, pratiche burocratiche, rilievi e progettazione siamo finalmente pronti.
All’interno dei 470 ettari del parco della Libera Repubblica di Alcatraz nasce una citta’ verde, l’Ecovillaggio Solare.
Sara’ uno degli ecovillaggi piu’ innovativi dal punto di vista delle ecotecnologie. E ci impegneremo perche’ diventi anche uno degli ecovillaggi piu’ belli e culturalmente vivaci.

Una valle meravigliosa che si apre su un panorama mozzafiato di verde a perdita d’occhio, nessun rumore, nessuna strada trafficata in vista. Questa oasi e’ a soli 12 chilometri da farmacia, banca, scuola elementare e supermercato; altri due chilometri e sei all’imbocco della superstrada E 45 Orte-Ravenna. L’Ecovillaggio Solare dista 30 chilometri da Umbertide, 40 da Perugia.
Una valle coperta di boschi con qualche isola di oliveti e pascoli, cinque gruppi di case e bungalow.
La distanza tra i gruppi di case va da 400 metri a un chilometro, quindi sono abbastanza vicine ma l’impatto sul territorio e’ minimo proprio perche’ le costruzioni si perdono nell’enorme spazio verde.

Puoi scegliere una casa antica di pietra, ad alta efficienza energetica o una casa avveniristica in legno lamellare coibentato (classe A). Ci sono abitazioni in cima alla collina, a mezza costa, sulla riva del piccolo torrente, immerse nel bosco. Ogni abitazione ha un pezzo di giardino, orto, oliveto, frutteto, bosco grande almeno 2.000 metri quadrati.

Gli Spazi collettivi (cohousing)
Acquistando una casa si compra anche una parte delle strutture collettive come piscina calda e coperta, sala feste, irrigazione degli orti, impianto solare fotovoltaico, impianto idrico.
Inoltre la proprieta’ comune comprendera’ 200mila metri quadrati di parco con boschi e oliveti.
L’idea e’ che questo tipo avanzato di cohousing non solo permetta di risparmiare denaro e razionalizzare i costi abitativi, ma consenta di realizzare un “utile condominiale” che potrebbe essere in grado di coprire i costi delle spese comuni. Insomma, abbiamo pensato ad abitazioni che si riscaldano con pochissima energia e un sistema casa che invece di essere un costo offre un ricavo.
Produci la tua energia con i pannelli solari, hai i frutti della tua terra, vivi in un villaggio che ti offre spazi dove puoi organizzare iniziative culturali, corsi, spettacoli.

Un posto dove ci sono molte occasioni per farsi venire la voglia di organizzare qualche cosa insieme, proprio perche’ la struttura stessa dell’abitare e’ concepita come esperienza collettiva, solidale. Ovviamente questo non e’ un obbligo ma una possibilita’.
Infine, e’ anche possibile finanziare l’acquisto con Banca Etica che e’ anche supervisore del progetto.

La filosofia del progetto

Niente di ideologico. Sostanzialmente ognuno si compra la propria casa e ne e’ sovrano. Le uniche regole saranno quelle del vivere civile e del mutuo rispetto. Il pieno potere su tutte le decisioni sara’ degli abitanti, esattamente come accade in un condominio. Alcatraz partecipa alla fase di progettazione e costruzione e poi se ne va, non mantiene nessuna posizione di rendita di nessun tipo. Ovviamente il fatto che l’ecovillaggio sia confinante con il parco di Alcatraz apre una serie di possibilita’ di sinergie e collaborazioni, ma si tratta di possibilita’ che dovranno essere mutualmente condivise, non di obblighi.

Un’economia diversa, un modo nuovo di concepire la casa

L’idea e’ di creare un sistema abitativo che minimizzi i costi energetici e le spese condominiali e che possa fornire una serie ulteriore di risparmi. Ad esempio, posso coltivare il mio orto e il mio frutteto, il bosco e i campi mi forniscono legna, insalate selvatiche, erbe officinali, funghi. E non compro la lavatrice perche’ uso quella collettiva.
Per ulteriori informazioni: http://www.jacopofo.com/ecovillaggio-solare-ambiente
Oppure scrivi a gabriella@alcatraz.it o telefona allo 075/9229776-0759229913 e chiedi di Gabriella.

 

Tratto da La Voce delle Voci di Aprile 2011

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.