CARCERI/ L’Italia condannata per trattamenti disumani

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha recentemente condannato l’Italia per trattamenti disumani e degradanti a cui sono sottoposti i detenuti nel nostro Paese. Tutti quelli che pensano che il carcere sia un male necessario, specialmente questo tipo di prigione che c’è in Italia, sono come coloro che pensavano che era il sole che girava intorno alla terra.

carceriIl carcere, in qualsiasi parte del mondo, non dà risposte, il carcere è una non risposta.

Non si dovrebbe andare in carcere, ma se ci si va, non si dovrebbe trovare un luogo disumano e  fuorilegge,  come nelle patrie galere italiane.

Un luogo dove le persone vengono rinchiuse come in un canile e spesso abbandonate a se stesse.

La pena, in qualsiasi parte del mondo, non dovrebbe produrre vendetta, ma perseguire il fine di riparare e riconciliare.

Solo un carcere aperto e rispettoso della legalità potrebbe restituire alla società cittadini migliori.

Invece le prigioni in Italia, settimo paese più industriale e avanzato nel mondo, produce solo sofferenza, ingiustizia e nuovi detenuti.

Ed è il posto dei poveri, dei tossicodipendenti, degli extracomunitari e degli avanzi della società.

Inoltre, per i detenuti sottoposti al regime di tortura del 41 bis,  è anche il luogo dove gli esseri umani trascorrono anni e anni della loro vita senza vivere.

I prigionieri sottoposti a questo regime rimangono chiusi in cella nell’inattività, nella noia, nella mancanza di qualsiasi contatto con il mondo esterno,  ventidue ore su ventiquattro.

I detenuti sottoposti al “carcere duro” non possono abbracciare e toccare i propri familiari, alcuni anche da diciotto anni.

Vivono in un sostanziale isolamento e con una barriera di plastica nelle loro finestre per impedire loro di vedere il cielo, le stelle e la luna.

Il carcere nel nostro paese produce morte ed è  altissimo il numero dei detenuti che per non soffrire più, o perché amano troppo la vita,  se la tolgono, più di 50 dall’inizio di quest’anno.

E poi solo in Italia, non in Europa e non nel resto del  mondo, esiste una pena che non finisce mai: “La Pena di Morte Viva”,  l’ergastolo ostativo a qualsiasi beneficio,  se al tuo posto non metti un altro in galera

Niente è più crudele di una pena che non finirà mai,  perché questo tipo di ergastolo uccide una persona in maniera disumana.

L’ergastolano italiano ostativo ha solo la possibilità di soffrire, invecchiare  e morire.

E non avere più futuro è molto peggio di non avere vita,  perché nessuno può vivere senza avere la speranza di libertà.

Non può una persona essere colpevole per sempre.

È inumano che una persona continui a essere punita per un reato che ha commesso venti/trenta  anni prima

I sogni nei carceri muoiono. E spesso muoiono prima i prigionieri che riescono ancora a sognare, perché è l’unico modo che hanno per realizzare i loro sogni.

 

Carmelo Musumeci

Carcere Spoleto, novembre 2010

 

SULLO STESSO ARGOMENTO

Emergenza carceri italiane: un piano Alfano per i suicidi

Emergenza carceri 2010: le ultime novità di Ristretti Orizzonti

La verità nascosta

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.