CAPODANNO 2012/ Cheap o chic? Romantico o da “sballo”? Mare o montagna? Ecco la guida per chi ancora non ha deciso…

di FS

Nell’attesa di capire se la profezia Maya ci regalerà un repulisti dell’intero globo – ma c’è tempo fino al 21 dicembre 2012 – vediamo come impegnare il tempo e, soprattutto, come spassarcela per questo Capodanno 2012 che potrebbe essere l’ultimo e che quindi vale la pena vivere fino in fondo. Il problema è: come? In piazza o in una vasca Jacuzzi del miglior hotel di Roma? In una festa privata con annesso freebar o in casa, con relativo (romanticissimo) tête-à-tête coniugale? A queste annose domande risponderà il nostro trend-setter Sirio Castañeda.

capodanno-2012Essere o non essere, questo è il problema. Cheap o chic? Romantico o da “sballo”? Mare o montagna? In piazza o in casa? Sono ore frenetiche queste, le ultime per decidere il da farsi, cellulari caldi come pistole fumanti trillano impazziti e muovono i destini dell’Italia, o meglio di una parte, che ancora non sa cosa fare questa notte.

Primo dilemma: cenone con i tuoi o con chi vuoi?

Il mammone italiano pur di non rischiare l’esilio casalingo è pronto a scendere a patti con il diavolo – in questo caso la Mamma sporca di farina – e quindi abbassa le orecchie e in molti casi la scelta diventa più che altro un obbligo: cenone a casa e poi tana libera tutti. Negli ultimi tempi, però, la scappatoia che salva capre e cavoli prescrive un cenone fuori casa, magari in ristoranti pronti all’uso, ma nel menù è compresa la presenza della Mamma indiavolata, vestita a sera con paillettes e senza cotillon.

Secondo dilemma: romantico o da “sballo”?

Gli innamorati di tutta Italia, messi sotto pressione da un altro diavolo in gonnella – stavolta è la fidanzata/moglie/amante che sia – devono trovare l’idea giusta: meglio una calda Jacuzzi della camera d’Hotel a 5 stelle o un tête-à-tête romantico, cena finger food afrodisiaca e dopo cena con kamasutra incorporato?

Per chi predilige Jacuzzi, Dom Perignon e 5 stelle – il massimo dello chic – consigliamo un’Ambassador Suite al Palace di Roma, penultimo piano che affaccia su Via Vittorio Veneto, con terrazzo panoramico di 25 metri quadrati e vasca idromassaggio – ovviamente Jacuzzi – all’esterno (riscaldato). Televisione cristalli liquidi e frigobar compresi. Il prezzo? Bando alle ciance, è inutile badare a spese in questi casi.

I più romantici, e forse anche i più taccagni, non hanno certo bisogno di consigli per un ménage in casa, rigorosamente a due, finger food e sesso sfrenato. Postilla: si prega di durare più di 5 minuti, altrimenti era meglio la piazza.

Terzo dilemma: in piazza o al chiuso? Festa pubblica o privata?

Per quelli che amano confondersi in mezzo alla folla oceanica di fine anno, perché “ci sentiamo meno soli”, le piazze italiane offrono l’imbarazzo della scelta.

A Napoli l’evento clou prevede il concertone B&B, con i due fratelli Bennato che tornano a suonare insieme dopo anni di diaspora: ecco il vero miracolo di San Gennaro.

Restiamo in Campania e spostiamoci a Salerno, dove la neo mamma più rock d’Italia, Gianna Nannini, darà in pasto al pubblico la sua voce e il suo (sex?) appeal: per un 2012 “bello e impossibile”.

La Capitale romana, dopo lo smacco subito per il forfait di Giusy Ferreri, ripiega sui Negramaro e sulla iena Enrico Brignano, che non sa cantare, non sa ballare e non sa recitare, ma nei monologhi anti-casta spacca. In alternativa concerto di musica classica in compagnia di Napolitano: per un 2012 con due maroni così.

Milano invece non tradisce le attese e getta sul palco Vinicio Capossela, Paolo Rossi, Giuliano Palma & the Bluebeaters: Pisapia si è fatto sentire, il “comunismo da centro sociale” la fa da padrone, per un 2012 tutto cachemire e radical chic.

Firenze, che da quando c’è il giovane Renzi risponde colpo su colpo, porta in dote il dinamico Caparezza e per i palati fini, in alternativa, c’è anche uno spettacolo Gospel: per un 2012 trasversale e democratico.

Venezia, l’inaffondabile laguna d’Italia, la più romantica tra le città nostrane, non si smentisce mai: mezzanotte in piazza San Marco con fuochi d’artificio e…bacio collettivo. Ognuno per sé, pregasi evitare riti orgiastici: per un 2012 al “bacio”.

La Rimini discotecara, tutta trasgressione e musica tunz tunz, stupisce tutti e si prepara al nuovo anno con il colto Franco Battiato e il divertentissimo (?!?) Dario Vergassola: per un 2012 da urlo (di Munch, però).

Bari e Sassari, perle del Sud Italia, ospiteranno il cinismo di Elio e Le Storie Tese e i balletti di Daniele Silvestri: per un 2012 tutto di slancio.

A Conegliano, in provincia di Treviso, saranno di scena i Subsonica, lontani dalle grandi piazze ma vicini a quella provincia molto “elettronica” che salta, canta e fa rumore più degli altri: per un 2012 come “un colpo di pistola”.

E se invece scegliamo una festa privata, si staranno chiedendo in tanti? Se al freddo della piazza preferissimo il caldo tepore di un club a numero chiuso? Tre prescrizioni d’ordinanza: chi fa da sé fa per tre, free bar e bagni capienti, dove star comodi in due, tre, quattro, cinque…P.S. Abolite telecamere, fotocamere e orologi spia. Massima privacy, divertimento assicurato.

Quarto e ultimo dilemma: mare o montagna?

Per chi “il sole è un must anche d’inverno, ma odio la neve” scegliamo due mete di sicuro successo, ad altissimo gradimento, talmente magnifiche da mozzare il fiato: Isole Tremiti, tra Molise e Puglia, e Riserva delle Zingaro, nella Sicilia Occidentale, zona San Vito Lo Capo. Relax, sole, mare, aria pulita e cocktail di benvenuto. Per i più audaci anche un bagno di mezzanotte, ma attenzione ai fuochi d’artificio: per un 2012 bagnato (e fortunato).

Il_bivacco_del_futuro_dal_legno_al_metalloPer chi “il sole è un must anche d’inverno, ma odio la sabbia”, consigliamo – su tutti – il nuovo bivacco Gervasutti, rifugio hi-tech sul Monte Bianco, sospeso a quasi 3 mila metri d’altezza. In coppia o in comitiva, l’importante è non soffrire di vertigini: per un 2012 panoramico. Se invece si lascia prevalere uno spiccato tradizionalismo meglio puntare verso la rassicurante Roccaraso, meta della Napoli bene (e non solo), che nel 2012 ospiterà il campionato del mondo junior di sci alpino ed è quindi in fermento per questo grande evento internazionale. Ottimo cibo, ottime piste, ottimi servizi. L’unica pecca: oltre lo sci c’è poco, ma per chi sa divertirsi basta e avanza la compagnia delle persone care.

Come abbiamo scritto qualche giorno fa, Vi auguriamo un 2012 pieno di sogni da poter realizzare, perché “la vera autenticità non sta nell’essere come si è, ma nel riuscire a somigliare il più possibile al sogno che si ha di sé…”

Buon anno da Sirio Castañeda e da tutta la Redazione di Infiltrato.it !

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.