Assurdo in parlamento, si discutono temi importanti ma le camere sono deserte

Due episodi, uno di seguito all’altro: governo e parlamento a turno marcano visita. Andiamo in ordine: ieri il ministro della Difesa, Mario Mauro, apre la sua informativa sull’attentato costato la vita al maggiore Giuseppe La Rosa in una Camera desolatamente semideserta: “Provo un’amarezza profonda” ammette il ministro.

parlamento_deserto_infiltrato.it

“Dopo le accuse – si difendono alcuni parlamentari Pd – telegiornali, giornali e siti internet hanno messo alla berlina i parlamentari per le assenze durante l’informativa sulla morte del capitano Giuseppe La Rosa in Afghanistan, ma era evidente che i deputati non potessero essere contemporaneamente in aula e nelle commissioni, convocate alla stessa ora”.

Oggi: Camera dei Deputati all’ordine del giorno c’è un solo punto: interrogazioni e interpellanze urgenti. Nessun rappresentante del governo in Aula: la seduta e sospesa.

“I ministro per i rapporti con il Parlamento Dario Franceschini – si legge in una nota – ha telefonato al presidente della Camera, Laura Boldrini per scusarsi del ritardo di un quarto d’ora di un sottosegretario che doveva rispondere questa mattina in sede di sindacato ispettivo”.

La speranza che la cattivissima abitudine dell’assenteismo in Aula potesse essere superata c’era. Inutile negarlo. Il “vi sorveglieremo” di marca grillini sembrava una garanzia. Ed effettivamente, usiamo il presente, i parlamentari a 5 stelle ce la stanno mettendo tutta, il problema è che nessuno sembra temerli.

Un gioco delle parti, vicendevoli attacchi e vicendevoli difese che però rischiano di raggiungere un solo obiettivo: tenere accesa la miccia dell’antipolitica.

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Andrea Punzo su HuffingtonPost.it

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.