AGRICOLTURA BIOLOGICA/ Fatti, e non parole, contro i mercanti di fame e sete

La risposta al nucleare? Eccola… Dopo la pubblicazione dell’inchiesta su “Ambiente e Salute“, ci ha scritto il Prof. Giuseppe Altieri, agroecologo che da anni denuncia la pericolosità di agire contro natura. Soluzioni? L’agricoltura biologica in primis, come spiega in questo dettagliato articolo. Dove svela alcuni clamorosi retroscena contro i mercanti di fame e sete, specificando che l’Italia è “il paese più ricco del mondo in quanto a biodiversità e tradizione agroalimentare” ma che sta “subendo un attacco mortale al suo patrimonio primario”…

di Giuseppe Altieri, Agroecologo

no_ogmLa Fame e la Sete… dei mercanti

E’ finalmente di pubblico dominio il fatto che l’Agricoltura e la Zootecnia industriale rappresentano oggi il fattore principale di emissioni di Gas Serra (CO2, Metano, Ossidi di Azoto dalla produzione di concimi chimici, ecc), con oltre il 30% delle emissioni totali e che gli allevamenti industriali producono più CO2 (e metano) di tutti i trasporti mondiali !! Senza tener conto che, a causa della cosiddetta globalizzazione, la maggior parte dei trasporti mondiali avviene a carico di prodotti agroalimentari che solcano gli oceani  in lungo e in largo.

Una marea di vere e proprie “fesserie pseudoscientifiche” vengono buttate in pasto ai mass media, seppur partendo da dati reali sulle crisi di produttività dei terreni agricoli e sugli sconvolgimenti climatici, che desertificano le terre, ma la causa principale è da imputarsi alla chimica dei Pesticidi e dei Disseccanti che distruggono l’Humus (incrementando ulteriormente i Gas Serra), e compromettono la salute degli Agricoltori e dei Consumatori.

Si vuol preparare la gente alla fame e alla sete…

…quella dei Mercanti che monopolizzano i mercati agricoli, speculando sui bisogni primari dei consumatori, mentre i prezzi pagati agli agricoltori hanno raggiunto all’ultimo raccolto, il minimo storico, con la paglia (12 €/q.le) che vale più del grano (11,5 €/q.le)… mai successo nella storia umana !!!

Come è possibile tutto ciò?

Oggi alleviamo a livello mondiale circa 8 miliardi di bovini equivalenti che mangiano almeno come 20 miliardi di persone, in fabbriche di animali piene di medicinali ed ormoni. Li nutriamo con Mais, Soia e altri prodotti e sottoprodotti agricoli e industriali (spesso OGM) che consumano più petrolio dell’energia solare fissata attraverso la fotosintesi dalle loro coltivazioni, a causa dell’agricoltura industriale, energivora e chimicizzata, che sta massacrando da 50 anni i terreni più fertili e produttivi in tutto il mondo.

In tal modo accumuliamo, in particolare nelle carni, moltissimi residui chimici, soprattutto Pesticidi…

…mentre 1 miliardo di esseri umani soffrono la fame nera.

Bisogna fermarsi, anche perchè …è già troppo tardi.


E’ proprio il caso di dire ...”c’è troppo cibo per poter mangiare tutti”

L’eccedenza in ogni settore agroalimentare crea crisi dei mercati e crollo dei prezzi alla produzione e tutto vantaggio degli speculatori che controllano i mercati internazionali, mettendo a rischio le sicurezze alimentari di tutti i paesi e le loro economie agricole tradizionali.

In Italia almeno 800.000 ditte di agricoltori hanno chiuso o fallito negli ultimi 10 anni (Fonte Coldiretti), con un indotto di almeno 3 milioni di posti di lavoro persi !!! (mentre ci preoccupiamo della FIAT, per poche decine di migliaia di posti di lavoro persi, che dovrebbero essere immediatamente riportati in Agricoltura, approfittando della crisi industriale).

Basterebbe puntare alla sovranità alimentare autosufficiente dei singoli popoli, attraverso l’Agroecologia e le Produzioni Biologiche Tardizionali locali, organizzate con filiere corte o dirette, dai produttori ai consumatori.

Dove se non in Italia?

Il paese più ricco del mondo in quanto a biodiversità e tradizione agroalimentare sta subendo un attacco mortale al suo patrimonio primario, Agricolo e Sementiero ed alla salute del suo popolo, con un tasso di malattie degenerative e tumorali semplicemente spaventoso.

Tanto per fare un esempio vorrei ricordare che l’80% della popolazione del Sud America riesce a nutrirsi in autosufficienza, coltivando appena il 30% dei terreni agricoli. E siamo parlando di quelli marginali e meno produttivi, di alta collina e montagna, laddove sopravvive solo l’Agricoltura tradizionale.

Lo stesso accade in India, dove vi sono, per fortuna, ancora 800 milioni di contadini tradizionali, che garantiscono la sovranità alimentare del paese, anche se milioni di tonnellate di derrate vengono distrutte nei magazzini, invece di destinarle ai poveri che non hanno soldi per mangiare.

Ed è noto (fonte FAO), che in tutti i sistemi agricoli mondiali, con l’aumentare delle superfici medie delle aziende agricole diminuisce notevolmente la produttività per ettaro di terreno, dal momento che l’industrializzazione non rende possibili le consociazioni colturali e i corretti avvicendamenti. Molti sistemi policolturali di “Agricoltura Sinergica” consentono produzioni doppie e triple di quelle industriali, risultando nel contempo protettive dell’ambiente, della salute e della fertilità dei terreni. E produttive di posti di lavoro dignitosi in una agricoltura nel contempo moderna e tradizionale, in sostanza Agroecologica.

Un paese come Cuba, ridotto alla fame nel 1989 a causa dell’embargo e dell’abbandono da parte dei sovietici, si è rimboccata le maniche e in dieci anni di “Periodo Especial” ha ricostruito un tessuto rurale che ha portato gli agricoltori dal 4 al 20% della popolazione, recuperando l’autosufficienza alimentare e sanitaria (Medicina Naturale), con sistemi di produzione biologici avanzatissimi, recuperando parzialmente anche la trazione animale. Di necessità virtù… (G. Altieri: “La rivoluzione della Naturaleza”, Mediterraneo, n° 3).

 

“Cibus Ecologicus in primis”

Così si diceva nella Antica Roma, per il popolo più sano e forte del mondo dell’epoca. Laddove non era necessario l’appellativo di Ecologico o Biologico, dal momento che i prodotti di sintesi semplicemente non esistevano, come d’altronde appena 50 anni fa… come ci ricorda lo splendido documentario di Enrico Bellani “Respiro di Terra”, sull’agricoltura tradizionale umbra del 1973, sottoposta al primo assedio dei Mercanti.

E non si tratta certo di rifiutare la meccanizzazione o di tornare alla zappa, anche se un grande sviluppo dell’orticoltura familiare è oggi auspicabile e di cronaca, anche grazie alla cosiddetta “crisi economica”, in realtà finanziaria, per la troppa concentrazione dei capitali in poche avide mani.

Ed allora “Mangiacomeparli”... è proprio il caso di dire. E ne abbiamo fatto anche un marchio a garanzia dei consumatori, 100% Italiano, 100% OGM Free, 100% Biologico, secondo le norme di legge. Ovvero, torniamo alla Tardizione Agroecologica basata sulla Biodiversità della nostra agricoltura.

Liberiamo l’agricoltura dall’Industria chimica dei Pesticidi, inutili e tossici, venduti da una rete fittissima di commercianti senza scrupoli, in assenza di un’assistenza tecnica indipendente (su cui la comunità europea aveva investito notevoli risorse negli anni ’80-’90), finita purtroppo nel lavoro burocratico dei cosiddetti sindacati agricoli, che decidono in concertazione le politiche regionali.

Liberiamola dalla trasformazione agro-alimentare industriale truccata per i supermarkets… e, soprattutto, dal Commercio speculativo, che lascia agli agricoltori meno del 20% del prezzo pagato dal consumatore.

In sostanza: andiamo a far la spesa in campagna attraverso filiere corte o dirette dal produttore al consumatore; ed insegnamo ai nostri figli gli odori e i sapori veri della Natura.

In fondo, tutto questo è previsto dalle normative Europee da almeno 15 anni, con l’avvio dei Programmi Agroambientali Europei (Reg. CE 2078/92),  obbligatori all’interno dei cosiddetti Piani di Sviluppo Rurale (le finanziarie agricole regionali).

Ma, come vedremo, le cose purtroppo non sono andate come i legislatori europei avevano previsto ed i recepimenti tecnico giuridici regionali, con miopia ormai cronica, hanno per lo più contrastato gli obiettivi della politica comunitaria agroambientale.

 

Priorità e criticità nei Programmi Agroambientali europei e regionali per la tutela dei diritti inviolabili alla salute e all’ambiente

Dal 2007 al 2013 l’Europa ha stanziato 200 miliardi di € per lo Sviluppo Rurale con priorità Agroecologica, una cifra enorme, per pagare i servizi forniti dagli agricoltori e non più solo per il semplice sostegno al reddito (il cosiddetto premio PAC), che ancora oggi utilizza enormi risorse comunitarie per pagare gli allevamenti industriali in base al numero di capi allevati, una vera follia !

Un vero e proprio “suicidio umano di massa, provocato uno sterminio animale di massa”.

Oggi in Italia abbiamo ancora oltre 17 miliardi di € da spendere per le finanziarie agricole di Sviluppo Rurale Regionali (PSR). Soldi che rischiano di tornare a Bruxelles, per mancanza di volontà di riconversione biologica dell’Agricoltura da parte delle Regioni, che non erogano pagamenti congrui e sufficienti a sostenere gli agricoltori ed allevatori biologici. Tanto che il governo pensa a un Piano Nazionale Agroambientale per lo Sviluppo Rurale, scavalcando le Regioni stesse. E ne avrebbe anche diritto, trattandosi di Ambiente e Salute (Art. 9 e 32 della Costituzione), diritti inviolabili tutelati dallo Stato e non delegati alle regioni.

Esiste l’obbligo di destinazione di almeno il 40% dei bilanci regionali dei PSR per i Pagamenti Agroambientali (con priorità fino al 60% in caso di domande di impegno quinquennale da parte degli agricoltori ed allevatori biologici). Ciò a compensare tutti i mancati redditi, i maggiori costi  + il 20% per la transazione all’Agricoltura Biologica o per la “Sostituzione reale” dei Pesticidi, come prevedono i regolamenti comunitari di riferimento, obbligatori e prioritari.

E non come accaduto spessissimo per fittizie presunte riduzioni degli inputs chimici denominate impropriamente “Agricoltura Integrata”, censurate come non controllabili ne verificabili dalla Corte dei Conti Europea (in particolare con la Nota n. 3/2005). Escamotage attraverso il quale si stanno sperperando enormi risorse Agroambientali, (che dovrebbero pagare un servizio) per sostenere in realtà i redditi degli agricoltori …che acquistano Pesticidi, secondo elenchi redatti dalle regioni (Disciplinari di Agricoltura Integrata), basati su ipotesi di presunte riduzioni di impiego di pesticidi, ovvero di “lotta chimica guidata”, senza obblighi di “sostituzione” degli stessi pesticidi con tecniche biologiche e naturali oggi ampiamente disponibili sul mercato.

Disciplinari anacronistici e non scientifici, che permettono addirittura un numero di interventi chimici molto superiore a quanto normalmente praticato oggi dagli agricoltori. A tutolo di esempio la Regione Umbria ha inserito nel 2010, tra le misure agroambientali, un Pagamento per presunte riduzioni di impiego di diserbanti sul Tabacco, da 3/4 presunti a 2 interventi (quando in realtà oggi i tabacchicoltori impiegano mediamente un solo diserbo sulla coltivazione, ndr) e per altrettanto presunte riduzioni di quantità di impiego di fungicidi chimici (ovviamente non controllabili). In tal modo la Tabacchicoltura chimica ottiene un contributo doppio a quella Biologica… una contraddizione palese: e non si spiega come possa essere stata approvata dalla Commissione europea, che troppo spesso “copre” il lavoro non corretto delle regioni, puntualmente censurato dalla Corte dei Conti UE.

L’esempio del Tabacco vale ovviamente per tutti i disciplinari di Agricoltura Integrata delle diverse coltivazioni sovvenzionate attraverso pagamenti agroambeintali non conformi ed in contrasto con gli obiettivi, il cui risultato è stato addirittura negativo. In tal modo il mercato dei Pesticidi è continuamente cresciuto in Italia, superando ampiamente il 30% di tutte le vendite europee e le nostre acque sono per lo più inquinate da residui chimici oltre i limiti di legge, con ben 118 Pesticidi rilevati (Agrisole 21-27 maggio 2010, fonte ARPA – ISPRA).

Ricordo a tal proposito che secondo l’aurotevole Istituto Oncologico Ramazzini di Bologna il concetto di “soglia di tolleranza” non è corretto dal punto di vista scientifico medico, dal momento che ogni presenza di sostanze chimiche estranee al metabolismo umano naturale, provocano un rischio ad effetto mutageno, teratogeno e cancerogeno, le cui conseguenze dipendono semmai dalla attività individuale del sistema immunitario. Sarebbe pertanto più corretto partìlare di soglie di danno accettato, ovvero di “Intolleranza”, laddove i bambini sopportano oggi dosi di residui chimici molto più elevate essendo questi ultimi tarati su un corpo adulto di 60 kg di peso !!

Residui che continuano ad accumularsi nel nostro corpo da decenni, finche non saremo più in grado di sopportarli fisicamente (nonostante un referendum realizzato nel 1992, con oltre 19 milioni di voti (90% dei votanti) per l’abolizione di tale assurdità dalle norme di legge..

Tutto ciò continua ad avvenire oggi con il sostegno di Pagamenti Agroambientali inconcludenti ed artefatti, non controllabili ne verificabili, come inutilmente  ci ricorda da almeno 10 anni la Corte dei Conti UE. Cose puntualmente denunciate nei servizi televisivi di Ambiente Italia (Giugno 2001) e Report Rai 3 (“Ipocrisia di Stato”, “Come Bio comanda”, di Sabrina Giannini e “Il Gene Sfigurato” di Carlo Pizzati).

E’ per tali motivi che gli agricoltori biologici in quattro regioni (Umbria, Toscana, Marche e Campania) sono ricorsi, per ora, ai Tribunali amministrativi e al Consiglio di Stato, dopo un esposto alla Corte dei Conti dell’Umbria nel 2001. Sarebbe necessario un ricorso alla Corte di Giustizia europea, nei confronti di chi consente una distorsione talmente palese delle norme Agroambientali e Costituzionali dei paesi membri.

 

Un attentato continuo alla Salute Umana e della Natura

I tumori e il cancro aumentano in Italia in maniera impressionante, parallelamente al mercato dei Pesticidi (i dati del Veneto sono significativi, ndr),  cosi come la spesa per la malattia, che oggi ha superato l’80% dei bilanci regionali (…e la chiamano sanità).I nostri bambini e le nostre cellule riproduttive sono più sensibili ai danni da Pesticidi, diserbanti e disseccanti “arancione”, che distruggono anche il paesaggio italiano oltre alla salute, creando dissesti idrogeologici per mancanza di copertura invernale e primaverile dei suoli. E quando piove e l’acqua si porta giù la terra nei fiumi, sulla case della gente, sui treni e nelle strade, fino alle fabbriche. Come se non bastasse si irrorano strade, piazze e palazzi con Pesticidi di sintesi verso Zanzare, Mosce e altri insetti molesti, quando esistono forme di controllo ben più efficienti, di tipo Naturale e Biologico, ampiamente diffuse, nell’indifferenza dei Sindaci e di molte USSL, attraverso un lavoro troppo spesso nascosto da parte delle ditte produttrici e distributrici di Biocidi chimici..

Attraverso il progetto denominato ad arte “Polline sicuro”, guidato dalle Multinazionali del Glifosate, si sono irrorate di disseccante GLIFOSATE tutte le strade del Bel Paese, mettendo a rischio la salute dei cittadini che passeggiano coi bambini o viaggiano in macchina. Addirittura nel novembre 2010 (vedasi ad esempio la s.s. Flaminia tra Foligno e Spoleto e l’E7), quando l’erba nemmeno cresce e i Batteri dormono per il freddo… per cui i residui dei disseccanti finiscono direttamente nelle acque, grazie alle abbondanti piogge si stagione.

I residui di tale prodotto sono rilevabili in tutte le acque sensibili analizzate, alla faccia della presunta biodegradabilità ed innocuità. Laddove un’autorevole ricerca svedese correla il Glifosate al Linfoma non Hodgkin ed altri studi a danni placentari anche a dosi infinitesime (cento volte inferiori ai limiti di legge dei residui negli alimenti).

Roba da inchiesta per le Procure della Repubblica. In Francia sono partite multe salate (oltre 1 miliardo di € per pubblicità menzognera alla Monsanto, che per anni ha indottrinato gli agricoltori e i cittadini sulla biodegradabilità e innocuità del prodotto, che molti usano addirittura nei giardini di casa !!!) ed in Argentina il prodotto è stato vietato dai tribunali (“Il Mondo secondo Monsanto”, di M.M. Robin – Arianna Editrice)… mentre in Italia …aspettiamo solo di morire?

A proposito, il Glifosate è inserito nei disciplinari di Agricoltura Integrata di tutte le regioni Italiane, con cui si erogano addirittura Pagamenti agli agricoltori che lo usano insieme a tantissimi altri pesticidi, togliendo risorse agli agricoltori biologici (come avvenuto in Toscana). Ed oggi assistiamo all’assurdo che Enti di Certificazione dell’Agricoltura Biologica, sempre  in Toscana, si prestino a “controllare e verificare” ciò che non è controllabile ne verificabile, ovvero l’Agricoltura Integrata, in mancanza di obblighi di fatturazione dei Pesticidi chimici e in assenza di una ricetta che ne prescriva la vendita. Il consumatore pertanto viene ingannato con un marchio regionale rappresentato dalla bella farfallina dell’Agricoltura (dis)Integrata… Veramente un brutto esempio dell’Etica di alcuni Enti di Certificazione dell’Agricoltura Biologica in Toscana (CCPB, IMC, SUOLO E SALUTE, ICEA, BIOAGRICERT, QC&I), che farebbero bene a chiedere scusa ai consumatori ed interrompere questa “copertura oscena” di una vera e propria opera di distrazione di risorse comunitarie. Il sottoscritto ha inviato una relazione scritta fortemente critica sui disciplianri attuali, alla commissione del MIPAAF sull’Agricoltura Integrata e le procedure di controllo, sottoscritta per ora da un solo presidente di un’ente di certificazione Biologica, la BIOZOO.

I responsabili di questi attentati alla salute umana e all’ambiente sono ben noti. Ed i Sindaci potrebbero agire con divieti, in qualità di supremi tutori della Salute dei Propri cittadini, come ha fatto recentemente un Comune della Val di Non. E’ necessario sollecitare i Sindaci ad attuare il Divieto d’impiego di Pesticidi chimici di sintesi nel territorio, che va dichiarato BIOLOGICO, dal momento che l’inquinamentoda pesticidi  è arrivato a livelli di bio-accumulo pericolosissimi per la salute pubblica e i Pagamenti agroambientali dovrebbero rendere il Biologico conveniente “per legge” a tutti gli agricoltori .

Fermiamo lo scempio dei Pagamenti Agroambientali per l’Agricoltura Integrata nella chimica ed i venditori indisturbati di Pesticidi chimici di sintesi.

Converrebbe anche ai cosiddetti Consorzi Agrari vendere prodotti per l’Agricoltura Biologica: ci guadagnerebbero molto di più… soprattutto in un regime di corretti Pagamenti Agroambientali agli agricoltori biologici, che sarebbero ben felici di utilizzare prodotti naturali e concimi organici (anche se più costosi) invece della chimica mortale.

Gli stessi sindacati Agricoli che concertano le politiche regionali, oggi spesso in conflitto di interessi, essendo coinvolti nelle gestioni dei Consorzi Agrari che vendono prodotti chimici, potrebbero revisionare le loro politiche verso una “convergenza di interessi”, per il bene di tutti, ovvero vendendo prodotti per l’agricoltura biologica, sostenuti dai Pagamenti Agroambientali Europei.

Anche le industrie chimiche del settore, alle ultime giornate fitopatologiche nazionali a Bologna, hanno chiesto norme più chiare in Italia, sulle questioni agroambientali (Agricoltura Integrata), al fine di poter investire nella diffusione delle tecniche sostitutive dei Pesticidi chimici di sintesi.

Insomma, le stesse industrie auspicano il divieto dei Pesticidi… cosa aspettiamo?

 

Dieta biologica a prevalenza vegetariana e mediterranea: fatti e non parole

Dobbiamo ridurre di almeno il 70%  gli animali allevati al mondo. Immediatamente.

In Italia, invece di allevare 10 milioni di Unita Bovine Adulte equivalenti (UBA), ne basterebbero 3 milioni in regime di allevamento biologico.

Eliminando in tal modo la necessità di importare milioni di tonnellate di OGM e Mangimi, lungamente stoccati e ad altissimo rischio di micotossine e residui di pesticidi e conservanti.

Rimarrebbero a disposizione degli italiani ancora ben 500 grammi di carne procapite alla settimana, allevata al pascolo naturale (o qualcosa in pù in equivalenza nutrizionale, sotto forma di latte o formaggi). Più un pò di pesce fresco pescato dai mari che ci circondano per migliaia di km (con un pò di bioaccumulo di residui chimici di tutti i tipi, che purtroppo attraverso i fiumi finiscono tutti a mare, purtroppo). Se proprio non vogliamo diventare vegetariani.

Non entrate nei Supermercati, signori miei… e state bene attenti a ciò che acquistate.

Fare la spesa Biologico direttamente dagli agricoltori migliorerà la salute… del pianeta, vostra, degli agricoltori… soprattutto quella dei vostri figli, che hanno diritto al futuro.

Torniamo alla Tradizione Agroecologica e all’Artigianato dei nostri Maestri dei campi e del Vino, del Grano e del Pane …a un giusto prezzo.

La Madre Terra ha risorse abbondanti per tutti i propri figli…

…ma non potrà mai sfamare l’avidità dei pochi che non la rispettano,

in nome del dio denaro e del potere più stupido che si possa immaginare…

quello di far del male agli altri.

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.