VOGUE FASHION’S NIGHT OUT 2011/ Atto II, Roma

di Francesca Di Iullo

Giovedì si è svolta a Roma la più famosa notte della moda organizzata da Vogue. Per festeggiare l’evento l’intero centro della città e i suo negozi sono rimasti aperti fino a tarda serata, ospitando party, dj set e presentazioni esclusive. Stilisti, celebrità, modelle, ma anche passanti e turisti. Tutti si sono riuniti nelle più belle e famose vie della Città Eterna per omaggiare la moda nell’attesissima Vogue Fashion’s Night Out, che per la prima volta è sbarcata nella capitale.

 

A partecipare sono stati più di quattrocento boutique e stores, ma anche tutte le edicole del centro, che hanno navetta_784x0venduto Vogue ad un prezzo speciale, i cui ricavati, insieme a quelli dei prodotti esclusivi, saranno devoluti alla Croce Rossa Italiana.

Le strade pullulano di gente già prima dell’inizio ufficiale della manifestazione, previsto alle diciannove, e con il passare delle ore è quasi impossibile camminare. Nonostante il caldo, tutti passeggiano eccitati ed entusiasti, curiosi di scoprire cosa ci sia al di là delle vetrine. Che si tratti di un cocktail o di un gadget inedito poco importa: quel che conta è esserci.

Si parte dalla Galleria Alberto Sordi per assaporare una bontà inedita Illy: il “Vogue fashion drink”, cocktail con cacao, savoiardo e cannella. Ideale per dare la carica giusta per affrontare la serata.

Percorrendo Via del Corso ci si accorge subito che l’atmosfera è sì affollata e rumorosa, ma è diversa dal solito. Ogni store ha organizzato un mini-evento, facendo sì che la festa abbia tanti centri e non risulti statica.

Entrando da Zara, presso il Palazzo Bocconi, si viene subito accolti con un delizioso macaron e ci si può far scattare un’istantanea come ricordo. Ma è dolce anche l’ingresso da Intimissimi, con il suo omaggio di confettini di zucchero colorati e una  flûte di champagne.

Da Sephora si viene coinvolti in un simpatico gioco per vincere una t-shirt sponsorizzata Benefit, eccellente marchio di cosmesi. E in più si può partecipare ad uno dei tanti aperitivi offerti da Campari.

La folla accalcata davanti ai negozi cresce e si è costretti a fare la fila se si vuole entrare. Ma c’è tanto da fare e non si può star fermi. Da H&M è in vendita in limited edition una clutch con stampa pitonata ad un prezzo irripetibile. Inutile dire che è andata a ruba. In questa frenesia ci si rilassa facendo shopping e appena ci si è ripresi si prosegue su una delle vie del lusso: Via del Babuino.

Qui si può assistere ad un’esposizione giocosa e quasi casuale di alcuni abiti non firmati, ma anche rifarsi gli occhi nella gioielleria più famosa di sempre, Tiffany & Co., e sorseggiare delle bollicine sulle note di musica soft.

Si passa da Emporio Armani per assaggiare i suoi cioccolatini e da Chanel per provare le tre nuove “vernici” nel nail bar allestito per l’occasione. Ma nel secondo caso il progetto è sfumato causa lunga attesa fuori dalla boutique.

Nel frattempo a pochi metri da lì, in Via Margutta, si è svolta l’assegnazione del Campari Red Passion Prize, premio per il personaggio che meglio ha interpretato la moda e lo stile “Made in Italy”. A riceverlo è stato Dante Ferretti, lo scenografo delle meraviglie. Assieme a lui, hanno ricevuto l’onorificenza anche Elio Germano e Bianca Balti, “scelti” online dai lettori di Vogue.

vfno2011_006Uscendo da Via del Babuino, all’improvviso spunta una miriade di palloncini in aria, lanciata da Piazza Mignagnelli da Franca Sozzani, lì presente per la presentazione della nuova Lancia Ypsilon.

In molti si fermano sui gradini di Trinità dei Monti, per poi riprendere il proprio cammino verso Via  dei Condotti per continuare i festeggiamenti da Prada, Dior e Bulgari e moltissimi altri ancora. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

In Via Borgognona è steso un tappeto rosso che tocca quasi tutti le boutique più importanti, tra cui Roberto Cavalli, Blumarine e Blugirl. La serata sta quasi volgendo al termine e rimane solo il tempo di una foto da Stella McCartney, dove è inoltre possibile donare un piccolo aiuto acquistando un bracciale dorato, cui parte del ricavato andrà all’Associazione Panda Onlus a sostegno della maternità.

Nonostante la Fashion’s Night Out sia volta al termine e nonostante la stanchezza, resta la gioia di aver partecipato ad un evento assolutamente fantastico che ha riscosso un successo inaspettato. Lo dimostrano i tantissimi commenti entusiastici sparsi per il web e il “Grazie Roma” scritto nelle prime ore di ieri dalla direttrice Franca Sozzani nel suo pezzo quotidiano per Vogue Online.

LEGGI ANCHE

VOGUE FASHION’S NIGHT OUT 2011/ Atto I, Milano


 

 

 

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.