MODA, INVERNO 2012/ Venus in Furs

di Francesca Di Iullo

Se lo scorso anno gli stilisti hanno preferito combattere il freddo con sofisticati giochi di sovrapposizioni, le passerelle del 2012 decretano la vittoria della pelliccia (sintetica!) declinata in tutte le forme e i colori.

gucci-inverno-2012Saranno contenti gli animalisti dato lo spopolare delle pellicce ecologiche, preferite ormai anche dagli stilisti grazie alla incredibile e funzionale capacità di essere plasmate in qualsiasi fantasia, forma o colore.

A farsi notare sono innanzitutto le creazioni di Fendi, la maison nata nel 1925 proprio come un piccolo laboratorio specializzato nella confezione di pellicceria e articoli in pelle. I capispalla, i gilet e le pettorine disegnati da Karl Lagerfeld mostrano varietà di lunghezza e pennellate di colori nei toni del beige, del grigio e del nero, ma anche inserti di lana, pelle o velo. Fu proprio Kaiser Karl a introdurre queste novità nella lavorazione delle pellicce al suo debutto come direttore creativo del marchio negli anni Sessanta.

Incantevole e irrinunciabile anche il total white proposto da Salvatore Ferragamo e Alexander McQueen, decisamente più adatto a look più classici ed eleganti.

I soliti colori naturali vi hanno annoiato? Osate con uno dei tanti capi colorati proposti sulle passerele. In primis Gucci con la sua allure Seventies fa sfilare modelle vestite con pellicce corte e voluminose declinate in eccentrici colori, pensati per ravvivare anche i look più semplici. Dunque via libera al turchese, al viola, al ruggine e al giallo ocra.

Ritorno agli anni Sessanta e alla Swinging London per Prada e Alberta Ferretti. Miuccia ci stuzzica con cappottini bicolor con cintura, mentre la Ferretti per la sua seconda linea Philosophy ha creato  deliziosi composè “bourgeoise” giallo, arancio e viola.

Christopher Bailey, per Burberry Prorsum, veste un’ideale “Crudelia De Mon” con cappotti e coppole che richiamano moltissimo la fantasia black&white del dalmata.

Quando arriveranno i primi caldi un’ottima alternativa ai soliti capispalla è rappresentata dal gilet: lungo o corto, è ideale per riscaldare e creare interessanti giochi di volume.

Dulcis in fundo sfatiamo un mito: la pelliccia non è solo per le signore di una certa età. Infatti, ad essere attratte da questo trend sono soprattutto le più giovani, ai cui portafogli i marchi low cost hanno dedicato decine di capi “furry”.

LEGGI ANCHE

TENDENZE INVERNO 2012/ Python-mania!

TENDENZE INVERNO 2012 / Mademoiselle Boyfriend

TENDENZE INVERNO 2012 / Corsa all’oro

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.