MODA e CINEMA/ “Il vestito del Cinema dalle sorelle Fontana…”

di Francesca Di Iullo

Roma inaugura la stagione del cinema con una mostra dedicata alle “ragazze di Piazza di Spagna” (guarda la fotogallery) che tanto hanno contribuito alla nascita e alla diffusione dell’alta moda italiana grazie alla collaborazione con le più grandi dive della “Dolce Vita”.

Era il 1943 quando tre giovani sorelle di Traversetolo, in provincia di Parma, decisero di trasferirsi a Roma, “la città di040 passaggio, il punto di riferimento, la città dove tutto era possibile”, come ha dichiarato Micol, unica “superstite” delle Sorelle.

Nonostante i difficili inizi, alla fine degli anni Quaranta, arrivano le prime grandi soddisfazioni per Micol, Zoe e Giovanna. Infatti, il 1949 è l’anno dell’evento che ha consacrato la nascita dell’alta moda italiana, quello del matrimonio tra  Linda Christian e Tyrone Power. Seguono poi le collaborazioni con le più belle dive del tempo, come Ava Gardner, Grace Kelly e Jacqueline Kennedy.

Alle Sorelle Fontana si deve la nascita, l’affermazione, nonché la diffusione dell’alta moda italiana, che per la prima volta debuttava nei circuiti mondani di tutta Europa.

Ed è sempre grazie alle tre che la moda entra nel cinema, prima suscitando l’interesse di Luciano Emmer, che proprio a loro si ispira per il film “Le ragazze di Piazza di Spagna”, e poi realizzando abiti per i film dei più grandi registi dell’epoca, come Fellini. D’altronde “Il cinema è stato il futuro delle sorelle Fontana. Tutte quelle donne meravigliose venivano da noi a chiedere consiglio, è stato un periodo incredibile e noi eravamo lusingate dal fatto che loro ci cercassero”.

Non poteva che essere questo il periodo migliore per omaggiarle: in attesa della mostra su Audrey Hepburn e il Festival Internazionale del Film, la città di Roma, insieme alla C.O.D.E. Agency, la MMG Multimediagrandimmagini e la Fondazione Micol Fontana, ha allestito “Il vestito del Cinema dalle Sorelle Fontana…”, una “passerella virtuale” che ripercorre alcuni dei momenti più significativi dello storico rapporto tra cinema e moda. Ad accogliere l’installazione è l’Aranciera di San Sisto, spazio suggestivo dall’aria “Liberty” sapientemente progettato dall’architetto Maria Grazia Perna.

Il grande ambiente luminoso, il cui candore è interrotto solo dalla presenza di enormi piante, è perfetto per esaltare i sei abiti-scultura esposti più un abito da sposa dall’ignota committente. Le sei creazioni esposte sono ormai delle icone cinematografiche, oltre che di moda. A partire dall’abito a sirena con ricamo “chevron” di paillettes e la coda in pizzo plissè creato per Rita Hayworth fino al tubino corto nero con rose bianche di Elizabeth Taylor. Ancora, sono esposti l’abito in velluto di seta nero realizzato per “Le Amiche” di Michelangelo Antonioni e il sontuoso vestito da sera tempestato di cristalli di Audrey Hepburn. Immancabili due pezzi storici creati per Ava Gardner, carissima amica di Micol: un abito in raso di seta verde acqua indossato alla prima de “La Contessa scalza” e il celeberrimo “pretino”, una redingote nera dalla linea “talare” con profili e bottoncini rossi. Quest’ultimo fu realizzato proprio per lei nel 1955, dopo aver ricevuto l’approvazione del Vaticano. In seguito Federico Fellini se ne innamorò e decise di farlo indossare ad Anita Ekberg ne “La Dolce Vita”.

A raccontare  la straordinaria storia di questi pezzi unici sono alcune fotografie, riviste, spezzoni di film e documentari dell’epoca che fanno rivivere l’ormai estinta femminilità delle dive degli anni Cinquanta, che hanno fatto e, tutt’ora, fanno sognare i cinefili e gli appassionati di moda di tutto il mondo.

Quando: dal 18 al 30 ottobre 2011, visitabile tutti i giorni con ingresso libero dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. La domenica dalle 11 alle 18.

Dove: Aranciera di San Sisto, Via Valle delle Camene 11.

GUARDA LA FOTOGALLERY

LEGGI ANCHE

MODA/ L’Unità d’Italia, Roma e la nascita della moda nazionale.

MODA e TEATRO/ Roma celebra la Moda nell’arte

MODA/ Made in Italy, il Prèt à Porter dal dopoguerra a oggi

Sofia Coppola: dal cinema alla moda

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.