MODA & TENDENZE/ H&M e Unicef insieme per l’acqua potabile

Secondo i dati forniti dall’UNICEF, ogni giorno muoiono circa 4300 bambini proprio per la mancanza di accesso all’acqua potabile. Dunque lo scopo di H&M è quello di aiutare la costruzione e il miglioramento delle strutture idriche e sanitarie di base. Il brand svedese vi permette di contribuire alla lotta per l’approvvigionamento idrico nei paesi  sottosviluppati attraverso una semplice e piccola donazione.

Il brand svedese vi permette di contribuire alla lotta per l’approvvigionamento idrico nei paesi  sottosviluppati attraverso una semplice e piccola donazione.

hm_unicefQuesta volta non leggerete delle ultime tendenze, ma solo di moda che si occupa di tematiche sociali importanti. Non molti ne sono a conoscenza, ma nel fashion system c’è ben più che qualche episodio isolato di beneficenza. Vi sono stati e vi sono tuttora numerosi progetti messi in atto dalle più importanti case di moda insieme alle varie organizzazioni benefiche mondiali.

Tra questi troviamo la lunga collaborazione tra H&M ed UNICEF, iniziata nel 2004.

Da allora, ogni anno la catena svedese devolve 500000 dollari al Fondo per l’Infanzia per iniziative quali la prevenzione dell’AIDS in Cambogia, l’istruzione delle bambine e la tutela dei minori in Uzbekistan.

Nel 2009 è nato un nuovo progetto quinquennale, “All For Children”, per l’abolizione dello sfruttamento minorile nell’area cotonifera indiana del Tamil Nadu. A questo obiettivo si affiancano quelli di migliorare le condizioni alimentari, le strutture igienico-sanitarie e l’istruzione. Tutto ciò è stato possibile grazie  alla donazione iniziale pari a 4,5 milioni di dollari da parte di H&M.

Nello stesso hanno si è deciso di coinvolgere, attraverso una campagna internazionale, anche i clienti. Per questo il marchio low cost è intenzionato a offrire loro borse di cotone disegnate da quattro importantissimi designer, di cui il 30% del costo di vendita andrà proprio all’UNICEF. Nel progetto vengono coinvolti gli stessi stilisti che creano delle capsule collection per il colosso svedese. Infatti nel 2009 è toccato a Sonia Rykiel, mentre quest’anno ad Alber Elbaz, artefice della linea “Lanvin For H&M”. La shopping bag disegnata da quest’ultimo è stata messa in vendita a partire dal 23 novembre, in tutte le filiali del monomarca, ed è ormai introvabile.

Per continuare a permettere le donazioni da parte dei clienti, H&M ha pensato di vendere degli adesivi natalizi, il cui intero ricavato andrà a sostenere la lotta per l’approvvigionamento idrico.

Secondo i dati forniti dall’UNICEF, ogni giorno muoiono circa 4300 bambini proprio per la mancanza di accesso all’acqua potabile. Dunque lo scopo di H&M è quello di aiutare la costruzione e il miglioramento delle strutture idriche e sanitarie di base. Tutti noi possiamo dare una mano acquistando uno degli adesivi a tema natalizio, disponibili fino al 25 dicembre 2010. Nel caso non vi sia possibile recarvi in uno dei negozi della catena, potrete effettuare la vostra donazione online, dove addirittura troverete la possibilità di collegarvi con i vostri conoscenti sparsi per il mondo e diffondere l’iniziativa.

Entusiasta il manager per la responsabilità sociale di H&M, Mikael Blommé, che ha dichiarato: “Stiamo cercando di utilizzare l’acqua in modo più efficiente, all’interno della catena di fornitura, attraverso iniziative nel settore agricolo e insieme con i nostri fornitori. La nostra collaborazione con l’UNICEF è uno strumento in più per rendere meno vulnerabili le comunità in cui operiamo”.

Tutti possiamo aiutare con il nostro contributo che, seppure piccolissimo, potrà servire a cambiare le cose.

 

SOSTIENI L’UNICEF. VISITA IL SITO WWW.UNICEF.IT

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.