Macarons Ladurée: dal must have al must eat.

Macarons…i piccoli gusci di meringa che racchiudono al loro interno deliziose creme ai gusti più vari inventati dalla pasticceria francese Ladurèe possono essere paragonati ad un paio di Louboutin? I must have, accezione associata solitamente ad abiti e accessori, sono ormai un fenomeno di consumo/costume per questo sembrerebbe assurdo associare il cibo alla moda per i palesi motivi che hanno caratterizzato epicamente come antitetici il mangiare e il vestire.

Nella foto, gioielli ispirati ai Macarons Ladurée

boucheron-macaronE invece si, è così, nell’epoca del postmodernismo c’è stato il definitivo addio alle diete sadiche e al trend della proibizione del cibo.

Mangiare è tornato di moda, ma l’atto non ha nulla a che fare con la mera sopravvivenza.

Non si parla di bisogni, ma di desideri.

Proprio in questa tendenza accanto a sushi prima e brunch poi vanno a posizionarsi i Macarons, ancor meglio se firmati di Ladurée.

Proprio come una Birkin o un paio di Louboutin (sarà un caso che i francesi riescano benissimo nel far innamorare, anzi far perdere totalmente la testa per qualcosa?) i dolcetti parigini sono diventati un’icona. E la maison dolciaria ha saputo prevedere la tendenza aprendo un piccolo angolo della capitale francese a Milano sei mesi fa.

Il piccolo guscio di meringa con all’interno creme ai più vari gusti è noto da sempre agli assidui frequentatori di Parigi, ma per i più la scoperta di questa delizia è avvenuta grazie a Marie Antoinette di Sofia Coppola in cui i Macarons, che vengono consumati dalla decadente regina rappresentata dalla regista in versione pop, vanno ad assumere in modo speculare quella connotazione di opulenza tremendamente cool che caratterizza tutto il film.

Ma abbiamo altre due citazione provenienti questa volta dal piccolo schermo, da due serie tv decisamente influenti a livello di moda: rispettivamente Carrie & Co in Sex and The City fanno  colazione a base dei suddetti dolcetti e champagne nella sesta serie; rmentre Blair Waldof e Serena Van Der Woodsen in Gossip Girl, che hanno ormai ereditato il testimone di Fashion Icon dalle prime (la resurrezione di Mulberry ne è stata la prova, anzi il miracolo!) dopo una lunga vacanza a Parigi continuano la tradizione mangiando Macarons anche a New York per consolarsi dagli innumerevoli problemi sentimentali.

 Ladurèe inoltre  ha saputo giocare con questa tendenza proponendo collezioni stagionali di Macarons che variano a seconda dei frutti, fiori e colori di stagione e packaging coerenti con l’immagine del prodotto. I dolcetti sono infatti racchiusi, come se fossero gioielli, in scatole molto rifinite e firmate dalle maison più celebrate del mondo, da Louboutin a Marni.

 E chi non ne ha mai assaggiato uno?

Male, malissimo. Se è accaduto ciò siete delle pessime fashioniste infatti dovreste già essere Macarons addicted.

Si può recuperare.

Se vi trovate a Milano è a questo punto d’obbligo andare da Ladurèe che si trova in via Spadari, se invece siete per iimmagine_macaronsmesi di Novembre e Dicembre a Torino, Ladurée allestirà un corner solo per i Macarons nel concept store Floris House mentre per il resto dell’anno nel negozio Pascal Caffet in Piazza Castello. Infine queste delizie possono essere reperite anche nella capitale, dove vi dovrete “accontentare” di quelli preparati dal pasticcere francese Stéphane Betmon nel ristorante La Mantia dell’Hotel Majestic o di quelli della Paticceria-Boutique Cristalli di Zucchero, in via Val Tellina

Se invece non vi trovate in queste città ma la vostra voglia è diventata irresistibile potete provare a farli in casa, il web è infatti sommerso da ricette per le più abili e da strumenti ‘Made in China’ per le più inesperte.

ATTENZIONE: questo articolo consiglia di ASSAGGIARE i Macarons, non di lasciarsi prendere la mano visto che uno contiene ben 225 calorie e ciò significa che se vi dovessero piacere troppo potreste avere poi problemi con il vostro guardaroba.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.