BYRDIE BELL/ Una socialite (americana) in palestra

Non ci capita spesso di vederla sudata, seria e legata con le corde da bungee. Famosa per le sue lunghissime gambe, l’attrice, modella e socialite Newyorkese è più di frequente riconoscibile come la splendida bionda fotografata nella pagine delle feste di Vogue o Harper’s Bazaar o sul grande schermo, con Martin Scorsese e Antonio Campos.

di Maria Ciavotta – LifestyleMirror.com

byrdie_bellNelle giornata di Bell, la salute e il benessere hanno un ruolo altrettanto importante che prove d’abito e casting. “Mi diverto molto a incorporare il fitness nella mia routine quotidiana”, dice Bell, che si allena sei giorni a settimana e che non tocca latticini e zuccheri raffinati. “La macchina da presa vede tutto quindi questo è un lavoro che ti costringe a focalizzarti su ciò che c’è dentro per far splendere ciò che c’è fuori”.

Con una professione che richiede lunghi viaggi e soprattutto un fisico ben fatto, non stupisce che Bell abbia trovato modi per allenarsi ovunque. “Le palestre degli alberghi mi sono le mie migliori amiche”, dice ridendo Bell. “Mi piace anche fare jogging, lo ritengo un modo per conoscere un quartiere o una città straniere”. Dopo un allenamento, Bell consuma banana chips e frutta secca che porta sempre con sé.

A New York, dove ha passato gli anni dell’adolescenza e dove ha ancora una casa, Bell frequenta Chaise23, l’ultima versione di Pilates con elementi di cardio. “Ho letto su Daily Candy del Reinvention Method di Chaise23 e ho deciso di provarlo”, dice Bell che ha fatto yoga per più di 10 anni. Creato dall’istruttore di fitness ed ex pattinatore artistico Lauren Piskin, Chaise23 fonde sculpting, flessibilità e cardio per definire il corpo.

Poche ragazze (e Bell non fa eccezione) negherebbero l’importanza di avere un aspetto curato anche durante il fitness. “Non amo gli outfit troppo tecnici, però mi piace essere carina e divertirmi con quello che indosso”, confessa. “Mi ha sempre divertito comprare scarpe da ginnastica e poiché nella vita professionale non ho grandi opportunità per indossarle, allenarmi mi permette di tirarle fuori dalla scarpiera”.

Dopotutto, però, Bell non disdegna di riposarsi. “Cammino e uso la metropolitana ma amo i taxi”, dice del suo girovagare per New York. “C’è qualcosa di incredibilmente nostalgico nel fermare un cab giallo”. Dice da vera Newyorkese.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.