INTERNET e NEW MEDIA/ Wikipedia chiede aiuto

Wikipedia naviga in brutte acque. A lanciare l’allarme è lo stesso fondatore Jimmy Wales. “Niente pubblicità. Nessun guadagno. Nessun obiettivo finale recondito. Wikipedia invece è qualcosa di completamente diverso da un sito web commerciale. È il risultato del lavoro di una comunità, scritta da volontari un pezzettino per volta. Anche tu fai parte della nostra comunità. E io oggi ti scrivo per chiederti di proteggere e sostenere Wikipedia.”

wikipedia-gratisDalla home page del sito, ma anche nelle pagine interne, viene visualizzato un appello, nel quale Jimmy Wales invita tutti a sostenere il sito attraverso una  donazione. È solito per Wikipedia chiedere un sostegno ai propri visitatori, ma mai come quest’anno il bisogno di uno sforzo collettivo si fa così grande. Gestito e aggiornato da 150 mila volontari, l’enciclopedia libera on-line può vantare il numero maggiore di voci contenute, con circa 380 milioni di visite al mese, in Italia, e 10 milioni in tutto il mondo.

Quinto tra i siti web più visitati al mondo, completamente gratuito, attendibile e facile da usare, necessita di circa 16 milioni di dollari, il doppio dell’anno scorso, quando è avvenuta la fuga di 50 mila volontari.

Questa quindi la cifra da raccogliere, secondo indiscrezioni, per mantenere  le spese di manutenzione delle infrastrutture della piattaforma. A differenza dei primi quattro siti più cliccati, quello di Wales ha sempre mantenuto l’idea di essere un servizio gratuito per tutti, senza pubblicità e senza guadagni. Un bene comune che risente della crisi, soprattutto da quando i grossi investitori hanno tagliato i finanziamenti, facendo rimanere solo i lettori come unica fonte di finanziamento.

Non si può rimanere indifferenti di fronte ad una richiesta del genere perché, come spiega il fondatore Wales, Wikipedia rappresenta il risultato di uno sforzo collettivo il cui risultato è stato quello di essere uno tra i siti più seguiti al mondo.


Per sostenere Wikipedia basta cliccare qui, contribuendo con PayPal o carta di credito

APPELLO DI JIMMY WALES

Cattura

Dieci anni fa, quando iniziai a parlare di Wikipedia alla gente, ricevetti molti sguardi divertiti e quasi di commiserazione.

Diciamo che tanti erano a dir poco scettici all’idea che dei volontari sparsi in tutto il mondo potessero unirsi per creare insieme un notevole compendio della conoscenza umana con il solo intento di condividerlo.

Niente pubblicità. Nessun guadagno. Nessun obiettivo finale recondito.

Dieci anni dopo, ogni mese, più di 380 milioni di persone usano Wikipedia, quasi una su tre di tutte quelle che si connettono a Internet.

È il 5º sito web più popolare del mondo. I primi quattro sono stati creati e vengono mantenuti grazie a miliardi di dollari di investimenti, a enormi staff aziendali e a continue campagne di marketing.

Wikipedia invece è qualcosa di completamente diverso da un sito web commerciale. È il risultato del lavoro di una comunità, scritta da volontari un pezzettino per volta. Anche tu fai parte della nostra comunità. E io oggi ti scrivo per chiederti di proteggere e sostenere Wikipedia.

Insieme possiamo riuscire a mantenerla gratuita e libera dalla pubblicità. Possiamo riuscire a mantenerla disponibile in modo che tutti possano usare le informazioni che contiene come meglio credono. Possiamo farla continuare a crescere, a farle diffondere informazione e cultura ovunque e a mantenerla aperta alla partecipazione di tutti.

Ogni anno, in questo periodo, ci facciamo vivi per chiedere a te e a tutti i membri della comunità di Wikipedia di aiutarci a sostenere il nostro progetto comune con una piccola donazione di 20 €, 35 €, 50 € o quello che vuoi o puoi dare.

Se pensi che Wikipedia sia una fonte di informazione – e una fonte di ispirazione – spero che deciderai di farlo ora.

I miei migliori auguri
Jimmy Wales
Fondatore di Wikipedia

P.S. Wikipedia dimostra come la gente come noi possa fare cose straordinarie. Persone come noi scrivono Wikipedia, una parola dopo l’altra. Persone come noi la aiutano a sostenersi, una piccola donazione per volta. È la prova di come insieme abbiamo la possibilità di cambiare il mondo

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.