Arriva il Facebook Phone: Zuckerberg svela i segreti del “suo” mobile

Mr. Zuckerberg ha deciso: il mobile dovrà essere il business del futuro. E lancia il “suo” personalissimo telefono: oltre un miliardo di clienti pronti a effettuare chiamate con il Facebook phone.

 

Il “Facebook Phone” potrebbe essere niente altro che un sistema operativa, una versione modificata di Android, con estrema integrazione con i servizi del social di Menlo Park (come messenger, foto e contatti). E l’hardware potrebbe essere inizialmente quello di Htc, nel senso che questo software, che secondo le indiscrezioni avrebbe il nome di “Facebook home”, sarebbe a casa sua nei telefoni dell’azienda taiwanese.

Almeno in un primo momento, perché una volta avviato il meccanismo non avrebbe poi tanti ostacoli ad estendersi su tutti gli altri telefoni sui quali gira il sistema operativo del robottino. Sapremo tutto quando si svelerà, nella sede di Facebook il 4 aprile prossimo, “la nuova casa” del social network su Android, come recita l’inviti inviato ai giornalisti dal social network più popolare del mondo.

facebook_phone

Avremo così, secondo le indiscrezioni raccolte finora, uno smartphone in cui le informazioni provenienti dalla piattaforma social sarebbero immediatamente disponibili all’apertura del dispositivo.

E’ quello che Zuckerberg vuole. I dubbi semmai arrivano da alcuni analisti finanziari: “Ma davvero gli utenti vogliono un sistema operativo più Facebook-centrico sul loro telefonino?”, osservano. “E’ una soluzione ad un problema che non esiste”, spiega Jan Dawson, analista di tlc al New York Times.

“Molte persone amano il social network ma dubito che vogliano un’esperienza più Facebook-centrica sul loro telefonino”.

Il modello che intenderebbe seguire Zuckerberg sarebbe quello di Amazon, che sui suoi tablet Kindle Fire fa girare una versione di Android ottimizzata per meglio fruire dei servizi dell’azienda fondata da Jeff Bezos.

Secondo altri osservatori Facebook, con la decisione di affidarsi al sistema operativo open source, sta operando una scelta di campo in chiave anti Apple.

Di sicuro la campagna mobile di Facebook è entrata nel vivo e quella del 4 aprile sarebbe soltanto una nuova mossa in questa direzione. I tempi in cui Zuckerberg spiegava il mancato sviluppo di un’app per iPad con il fatto “che non si tratta di un dispositivo mobile” sono ormai lontani. Dimenticati. La svolta c’è stata, e pure a 180 gradi. Il social da un miliardo di utenti sta puntando molto proprio su questi dispositivi dai quali transita una fetta molto grande del suo traffico. Territorio di conquista pubblicitario.

L’ultima novità in ordine di tempo è che si possono fare anche chiamate vocali ai propri contatti – da qualche giorno anche in Italia – grazie a Facebook e al VoIP. Del resto, che nuove sorprese in chiave mobile fossero in arrivo non è altro che un effetto nell’operazione di reclutamento da parte di Fb di ingegneri Apple con esperienza sull’iPhone.

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Repubblica.it

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.