Al via la più importante fiera di giochi del 2013 (E3), ecco tutte le novità

Lo speciale di Games Fanpage sull’Electronic Entertainment Expo (E3 2013), la fiera di videogiochi più importante del mondo, che aprirà l’11 giugno.

 

E’ l’appuntamento videoludico più importante dell’anno. Un evento storico e molto seguito dagli addetti ai lavori e da tutti gli appassionati. E’ l’E3 di Losinizia_la_fiera_dei_videogiochiAngeles, famosissima kermesse californiana che tutti i più famosi sviluppatori e produttori di videogiochi sfruttano per presentare al mondo le novità più importanti dell’industria. Quest’anno tutti guardano all’E3 di Los Angeles come uno degli eventi più importanti degli ultimi sei anni, perché la prossima generazione di console da gioco è alle porte e le nuove PlayStation e Xbox saranno mostrate e fatte provare al pubblico ed ai giornalisti. Sony farà – finalmente – vedere la forma ed i colori della PlayStation 4 prossima ventura, mentre Microsoft, che la Xbox One l’ha già mostrata ad una conferenza il 20 maggio 2013, farà senz’altro vedere molti videogiochi, nuove proprietà intellettuali.

L’E3 mostrerà, in pratica, il futuro prossimo dei videogiochi, tutto quello che ci attende da qui ad un anno come minimo. Non mancherà spazio per vedere cosa ha in serbo Nintendo, per la sua Wii U, che secondo alcuni è già un fallimento, pur non avendo – l’erede del Wii – avuto tempo e modi di dimostrare il contrario. Insomma, di novità assicurate e di motivi per parlare di videogiochi, di certo non mancheranno: dal 11 al 13 giugno, Los Angeles diventa “La Mecca” del Videogioco.

Cosa vuol dire E3? Perché è così importante?

Electronic Entertainment Expo: tre volte “E”. Il motivo per cui questa fiera viene etichettata come “E3” è presto spiegato. Nata nel 1995, questa fiera del divertimento elettronico, si svolte sempre nel mese di giugno (prima o seconda settimana) ed è sempre stata scelta da Sony, SEGA, Nintendo e poi da Microsoft e da tutti i più famosi produttori e sviluppatori, per annunciare, far vedere o far toccare con mano le loro più importanti creazioni. Qui che sono stati presentati il SEGA Saturn, la prima PlayStation, i titoli di Zelda oppure Final Fantasy VII, giusto per citare qualcosa. In passato si attendeva l’E3 per vedere, in anteprima, “il futuro dei videogiochi”. Con il tempo, però, di fiere di settore ne sono nate a iosa, adesso ogni continente di questo emisfero ha una kermesse importante (E3 in Nord America, Gamescon in Europa, Tokyo Games Show in Asia).

A questi importanti appuntamenti si aggiungono conferenze, eventi e fiere organizzate direttamente dai produttori e dagli sviluppatori (QuakeCon, ComicCon, Game Developers Conference tra le tante e più seguite). Ciò non toglie che E3 sia stata la prima e sia sempre in cima alle preferenze di tutti i maggiori punti di riferimento dell’industria del videogioco: non solo Sony, Microsoft e Nintendo quindi, ma anche Electronic Arts, Activision, Ubisoft e Square Enix attendono l’E3 per aprire un “vaso di Pandora” e gettare scompiglio tra le masse di appassionati di videogiochi grazie ad annunci, rivelazioni e presentazioni in pompa magna.

Le mitiche conferenze

Come ogni E3 che si rispetti, tutti i fari sono puntati sui tre grandi produttori di videogiochi e console: Sony, Microsoft e Nintendo, che con le loro inizia_la_fiera_dei_videogiochi_2conferenze sono in grado di decidere dei sogni, delle scelte e degli investimenti vicini e futuri di milioni di appassionati. No, non è un’esagerazione e chi ha seguito la conferenza di Microsoft del 20 maggio lo sa bene: molti sono stati delusi e sono dubbiosi su un eventuale acquisto. La conferenza del colosso di Redmond in questo E3, quindi, assume una connotazione tutta particolare: gli americani devono assolutamente riscattarsi e si giocheranno le loro carte migliori, mostreranno al mondo cosa bolle in pentola e soprattutto devono smentire le voci che vogliono la Xbox One “inferiore” alla concorrenza per prestazioni e qualità dei titoli. Sony, dal canto suo, deve aprire il sipario sulla vera forma di PlayStation 4 e – se vuole definitivamente accattivarsi gli indecisi – deve mostrare tanto i muscoli quanto la qualità che molti vanno cercando quasi come un’ossessione. Nintendo, infine, pur non avendo fissato una vera e propria conferenza, dovrebbe una volta e per tutte dare un segno della genuina qualità di Wii U, mostrando magari un nuovo Zelda e importantissime esclusive, che storicamente segnano il successo indiscutibile delle console di Nintendo. Di conferenze “pre-E3” ce ne sono state: Konami e Activision hanno già mostrato qualcosa giovedì scorso (6 giugno) e domenica 9 giugno.

Le conferenze ospitate dall’E3 sono:

Giovedi 6 Giugno
19.00: Conferenza Konami

Domenica 9 Giugno
20.00: Conferenza Call of Duty: Ghosts

Lunedì 10 Giugno
19.00: Conferenza Microsoft

22.00: Conferenza Electronic Arts

Martedì 11 Giugno

 00.00: Conferenza Ubisoft

03.00: Conferenza Sony

16.00: Nintendo Direct

Aspettative

Prima di ogni cosa, gli appassionati si aspettano che sia Sony che Microsoft facciano luce una volta e per tutte sulle nuove regole che coinvolgono i giochi usati, perché non vi è – ad oggi – un dato certo, soprattutto da parte del colosso nipponico. Molti giochi sono custoditi in gran segreto e non è detto che possano far capolino in questo E3. Titoli eternamente attesi come The Last Guardian, Final Fantasy Versus XIII, si spera possano essere mostrati e magari si possa indicare una data di pubblicazione certa. Quel che sembra certo è la presenza di videogiochi quali Assassin’s Creed IV: Black Flag, Batman: Arkham Origins, Battlefield 4, Quantum Break e Ryse, insieme a tanti altri di cui si sa titolo. Una cosa è certa: ci sarà tantissima quantità ed altrettanta qualità, perché l’E3 del 2013 mostrerà gli inevitabili “canti del cigno” di quelle console che ci stanno accompagnando dal lontano 2006, al fianco delle avveniristiche possibilità offerte dal nuovo hardware che incombe, e che invaderà i salotti degli appassionati a partire dal prossimo Natale.

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Fanpage.it

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.