Theobroma Cacao: cioccolato, il cibo degli dei

Il cibo degli dei, volgarmente detto cioccolato, fu definito “Theobroma Cacao” dal naturalista svedese Linneo: storia e curiosità del goloso prodotto.

 

cioccolatoTheobroma Cacao, ovvero cibo degli Dei. Così il naturalista Linneo classificò la pianta del goloso prodotto. Quella del cioccolato è una lunga storia che affonda le radici nelle società pre-colombiane, che lo utilizzavo come bevanda amara già prima del VII secolo d.C.

L’Italia ha una grande tradizione e grandi maestri cioccolatai. La capitale italiana del cioccolato è senza dubbio Torino: furono i Duchi di Savoia ad importarlo, il primo, Emanuele Filiberto, regnante negli anni 1528-1580. Il duca era capitano dell’esercito spagnolo e ricevette in dono dal re Carlo V le preziose fave, che avevano riscosso un grande successo culinario in Spagna. I canali d’acqua, in particolare alle basse della Dora, favorirono in seguito le prime fabbriche di cioccolato. Nella seconda metà dell’800, viene prodotta la pasta gianduja che darà vita al primo cioccolatino incartato della storia: il gianduiotto.

Il cioccolato contiene più di cinquecento sostanze aromatiche ed è ricco di serotonina che negli uomini provoca un senso di benessere e felicità. La teobromina, presente nei semi di cacao ed usata in medicina come diuretico e cardiotonico, può avere invece, su alcuni animali, effetti di tipo neurologico come tremori e convulsioni. Un consiglio: non date cioccolato al vostro cane.

Il cibo degli Dei” è prodotto principalmente in Venenzuela, Colombia, Costa d’Avorio, Polinesia e Samoa; e tra le migliori qualità si distinguono il criollo, trinitario e forastero. Cioccolato e distillato costituisce un sublime abbinamento. Provare un fondente al 70% con una grappa medio aromatica. Semplicemente fantastico. Oppure un superbo Demerara invecchiato con un puro fondente. Esperienza straordinaria.

In ultimo una curiosità: il famoso cioccolatino al peperoncino, che possiamo trovare in ogni bar, non è un invenzione recente. Già centinaia molti anni fa Montezuma beveva cioccolato amaro “corretto” con la piccante spezia.

Tale bevanda forniva all’imperatore il giusto apporto energetico per assolvere ad un arduo compito domestico: soddisfare tutte le donne del suo Harem.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.