Energy drink, sono pericolosi? Ecco la risposta dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare

Caffeina, taurina e D-glucuronolattone: questi sono gli ingredienti presenti in tutti gli Energy drink in commercio che, se consumati in modo improprio, possono diventare pericolosi. Ecco perché.

energydrinkpericolosiveronesi

Ne bevono maggiori quantità gli adolescenti: tra gli 11 e i 18 anni. Ma in quanto a bevande energetiche, non si risparmiano nemmeno i bambini. A confermare la tendenza è l’Efsa, (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) attraverso uno studio statistico commissionato al Consorzio Nomisma-Areté allo scopo di analizzare i consumi europei di queste bevande. Si è trattato della prima ricerca che ha valutato anche l’esposizione di bambini e adolescenti a tre particolari ingredienti presenti in tutti gli energy drink: caffeina, taurina e D-glucuronolattone.

OCCORRE PRUDENZA – Lo studio ha preso in considerazione un campione europeo, ma in Italia i numeri sono leggermente più bassi. Il dato, però conferma quanto già sostenuto da precedenti pubblicazioni: gli adolescenti sono i più avvezzi al consumo di energy drink, analcolici contenenti zuccheri e sostanze eccitanti, principalmente caffeina. «Si tratta di bevande che agiscono a livello del sistema nervoso centrale: aumentano il tono dell’umore e lo stato di veglia. Di per sé non sono pericolose, a patto che i consumi siano moderati», spiega Andrea Ghiselli, medico nutrizionista dell’Inran, l’istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione.

«La caffeina riduce la fatica muscolare, ma è un aspetto che non riguarda gli amatori. Chi va in palestra tre volte alla settimana non deve consumare queste bevande per avvertire meno la stanchezza». Una lattina da 250 millilitri di energy drink contiene la dose di caffeina equivalente a una tazzina di espresso: 80 milligrammi, un quinto della introito quotidiano raccomandato per un uomo di settanta chili.

energy-drink-ragazza-dosiÈ questo il motivo per cui sono vietati ai bambini entro i tre anni e si consiglia prudenza nella prima decade di vita. Il peso ridotto e la difficoltà a metabolizzare la sostanza amplificano gli effetti della caffeina: tachicardia, palpitazioni e insonnia.

Le precauzioni valgono anche per le donne in gravidanza e gli anziani.

NO AL MIX CON L’ALCOL – Gli adolescenti sono i più a rischio, perché vivono nell’età in cui prendono confidenza con gli alcolici. Proprio il mix tra questi e gli energy drink è da evitare. «Il consumo combinato è associato a un più rapido assorbimento dell’alcol a livello del piccolo intestino e dello svuotamento gastrico, che determinano un aumento dell’alcolemia. In questi casi si può avere il mascheramento degli effetti depressivi dell’alcol che porta il consumatore a sottovalutare il proprio stato di ebbrezza e a esporsi maggiormente a eventi traumatici, violenti o incidenti alla guida», sostiene Gian Vincenzo Zuccotti, ordinario di pediatria e direttore del centro universitario per la ricerca nutrizionale dell’università degli studi di Milano. «L’elevato contenuto di zuccheri degli energy drink si associa anche a un potenziale cariogeno ed erosivo a livello dentale».

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Fabio Di Todaro su FondazioneVeronesi.it

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.