DOLCI FACILI E VELOCI/ Olio e burro per un cake al cacao

L’olio e il burro fanno parte del gruppo alimentare dei grassi e in quanto tali hanno il compito di fornire energie all’organismo. Sono entrambi molto calorici ma, essendo ricchi di acidi grassi necessari per la vita delle cellule, non possiamo assolutamente farne a meno. Vanno comunque assunti con moderazione, soprattutto se si fa una vita sedentaria perchè non avremmo modo di consumare tutte le energie che ci forniscono.

di Agnese Gambini

DSC_0115aOggi noi italiani siamo abituati ad usarli entrambi in moltissime ricette anche se il burro non ci appartiene come cultura culinaria. In quanto paese simbolo della dieta mediterranea siamo fortemente legati all’olio fin dal periodo degli antichi romani (che non conoscevano il burro) mentre erano i nordici, in particolare i barbari, ad usare il burro come principale grasso. Tutt’oggi nei paesi del nord il burro è comunemente usato, anche crudo e in versione salata, nei toast e nei piatti da colazione mentre nei paesi mediterranei lo si utilizza maggiormente cotto come ingrediente per altri composti e si utilizza molto di più l’olio crudo per insaporire il pane (come per le bruschette). Pellegrino Artusi, il più grande gastronomo italiano di sempre, proponendo una geografia dei grassi alimentari scrisse che ogni popolo usa maggiormente l’unto che meglio si produce nella propria area (in Toscana si da la preferenza all’olio d’oliva, in Lombardia al burro e nell’Emilia al lardo).

La differenza principale tra i due è che uno è di origine vegetale (l’olio) e l’altro di orgine animale (il burro). Il primo ha una grande varietà di sapori che cambiano a seconda della zona di coltivazione (come avviene per il vino) ma in generale è acre e acidulo e si conserva anche per 2 o 3 anni se tenuto al fresco e al buio. Il burro invece ha un gusto dolce e fresco e si conserva solo per  4-5 mesi e unicamente in frigorifero. Altra carettistica sostanziale del burro è che, essendo un grasso saturo, contiene colesterolo mentre l’olio ne è privo quindi, nonostante l’olio sia in realtà più calorico, è comunque preferibile aumentarne il suo utilizzo diminuendo quello del burro. Il burro è ottenuto lavorando la panna da affioramento (qualità migliore) o da centrifugazione (qualità peggiore) del latte vaccino, ma è possibile trovare anche burri di altri latti, mentre gli oli vengono estratti da frutti grassi, noci, noccioli e semi. Oltre che dalle olive sono estratti dai semini dell’uva, dal mais, dagli arachidi, dai semi di girasole, dai semi di sesamo, ecc. Di norma questi oli vengono rettificati per eliminarne il sapore, il che li rende generalmente inferiori e con meno qualità nutrizionali rispetto all’olio d’oliva.

In cucina il burro è sostituibile con l’olio in quasi tutte le ricette. L’unica accortezza è utilizzare una percentuale di 8 su 10 (in pratica possiamo sostituire 100 gr di burro con 80 ml di olio) perchè il burro contiene circa il 20% di acqua in più dell’olio. Inutile dire che il risultato sarà sempre e comunque diverso sia nel sapore che nella consistenza ma non per questo meno buono. Molto dipende dai gusti e da quello che si vuole ottenere. Prendiamo come esempio la ricetta di un cake marmorizzato al cacao e vediamo come cambia preparandolo prima con il burro e poi con l’olio.

 

Cake al burro

 

Dosi per : 8        Difficoltà : media       Tempo : 70-80 minDSC_0253a

Ingredienti:

 

250 gr di burro

250 ml di latte

300 gr di zucchero

500 gr di farina

1 pizzico di sale

6 uova

1 busta di vanillina

1 bustina di lievito per dolci (16gr)

25 gr di cacao in polvere

1 cucchiaio di rum

 

Procedimento:

 

Tagliate il burro a pezzetti e mettetelo in un mixer con le uova, lo zucchero, il sale, la vanillina e il rum e lasciate mescolare per 5-6 minuti fino ad ottenere un composto omogeneo. Mescolate la farina con il lievito, setacciateli e versateli nell’impasto continuando a girare. Poi aggiungete anche il latte. Rivestite uno stampo per cake con la carta da forno e versateci due terzi del composto. Nel terzo rimasto aggiungete il cacao in polvere mescolando e versatelo nello stampo muovendo a spirale una forchetta per creare l’effetto marmorizzato tra i due tipi di impasto. Preriscaldate il forno a 180° e infornate per 50-60 min. Non aprire il forno prima di 45 minuti e successivamente verificate lo stato della cottura immergendo uno stuzzicadenti nel cake (se non vi rimarranno residui attaccati significa che è pronto).

 

Cake all’olio

 

Dosi per : 8        Difficoltà : media       Tempo : 50-60 minDSC_0407a

Ingredienti:

 

200 gr di olio di semi

200ml di acqua

350 gr di zucchero

500 gr di farina

1 pizzico di sale

6 uova

1 busta di vanillina

1 bustina di lievito per dolci (16gr)

25 gr di cacao in polvere

1 cucchiaio di rum

Procedimento:

 

Il procedimento è identico a quello del cake al burro, ovviamente sostituendo l’olio al burro e l’acqua al latte come scritto negli ingredienti. Sostiture il latte con l’acqua serve per eliminare totalmente i grassi animali, rendere il cake ancora più leggero e notare meglio le differenze con l’altro. Inoltre si aggiungo altri 50 gr di zucchero per sopperire al gusto molto meno dolce dell’olio rispetto al burro. Il tempo di cottura in questo caso è minore e bastano 30-40 min di forno.

Come si nota dalle foto il  risultato è diverso sia esteticamente che per consistenza. Il cake all’olio risulta molto più soffice e morbido, talmente friabile che tagliando una fetta troppo sottile si rischia di spezzarla in più parti. Quello al burro invece è più denso e consistente, di colore giallo più acceso e con una crosta croccante. Il cake al burro risulta molto più dolce nonostante l’aggiunta di zucchero nel cake all’olio e, data la consistenza solida del burro, i due tipi di impasto (bianco e al cioccolato) rimangono staccati tra loro creando disegni precisi netti. In quello all’olio invece l’impasto è molto più liquido e i due composti tendono a mescolarsi (in particolare quello al cioccolato che è più pesante si depositerà maggiormente sul fondo) e i disegni saranno del tutto imprevedibili e imprecisi. In conclusione il cake al burro risulta esteticamente più bello, di sapore più forte e dolce e di consitenza più densa. Quello all’olio è più bruttino, di sapore delicato e meno stucchevole e con una consistenza stupenda e soffice.  Adesso a voi la scelta!

LEGGI ANCHE:

DRINK/ Viva la frutta: scegli tra smoothie, centrifugati e frullati…

MANGIA CON GUSTO/ Formaggio e pere, un raffinato cambiamento sociale

VINI MOLISANI/ Grande qualità, scarsa comunicazione

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.