Offerte di lavoro all’estero: dove trovarle e quali sono le professioni più richieste e retribuite

offerte lavoro estero infiltrato mini

Cerchi offerte di lavoro all’estero? Ecco le migliori, dove trovarle e quali sono le professioni più richieste e retribuite.

  

Migliaia di opportunità di lavoro. Dove? All’estero, visto che in Italia non c’è trippa per gatti.

Oltreconfine c’è la ressa di aziende straniere pronte ad assumere informatici, ingegneri, manager, professionisti, artigiani, creativi e via dicendo. Basta che siano “made in Italy”: il marchio tira, purché sia venduto all’estero. Siamo rimasti ai tempi del “nemo profeta in patria”. Una tristezza infinita: costretti ad abbandonare le proprie radici per costruirsi un futuro. È la globalizzazione, bellezza: vale per le merci come per le risorse umane.

E allora basta lamentarsi, rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo offerte di lavoro all’estero.

LE OFFERTE MIGLIORI –Chi non si vuole allontanare troppo di casa e decide di restare in Europa deve tenere presente 4 Paesi in particolare. Vediamo quali sono.

Al primo posto la Germania, dove i principali settori d’impiego per italiani in cerca di lavoro riguardano l’ingegneria meccanica (40%), la consulenza di prodotti alimentari(20%), la chimica(20%) e la progettistica di software (5%).

Al secondo posto il Regno Unito: Oltremanica i settori nei quali gli italiani sono più richiesti riguardano l’analisi finanziaria (40%), la consulenza turistica (30%), il management generico bilingue (30%).

Al terzo posto la Svizzera, dove gli italiani vengono ricercati soprattutto in ambito di progettazione iCloud (20%), consulenza legale (20%), qualità del prodotto (5%).

Chiude questa speciale classifica la Francia, dove i comparti migliori per gli italiani sono la moda (40%), la chimica e la microbiologia (20%), l’assistenza alla direzione (10%).

Sulla base di queste evidenze viene fuori che chi ha una formazione scientifica presenta maggiori probabilità di successo nella ricerca del lavoro migliore rispetto a chi, invece, ha puntato su una formazione umanistica. Pensateci, quando vi iscriverete all’Università.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.