In Italia il costo del lavoro è salito, ma non in busta paga

in italia sale costo lavoro ma non in busta paga

Sale il costo del lavoro in Italia, ma a beneficiarne , come scrive il Sole24ore, non sono i lavoratori.

 

Secondo gli ultimi dati Eurostat, che mettono a confronto l’anno 2013 con 2008, il costo del lavoro nell’Europa a 28 è aumentato del 10,2% (10,4% nell’Eurozona). Nel nostro Paese l’aumento è stato superiore alla media, pari cioè all’11,4%. Ma non si tratta di euro in più che finiscono nelle buste paga dei lavoratori: sono invece i cosiddetti costi non salariali (fondamentalmente tasse a carico dei dipendenti e dei datori) che gonfiano il così detto “lordo”. E che lì si fermano.

Più in generale, riporta Eurostat, nel 2013 i costi non salariali hanno inciso sul costo totale del lavoro per il 23,7% nell’Europa a 28; una percentuale che sale al 25,9% prendendo in considerazione i paesi dell’Eurozona. L’Italia con una percentuale del 28,1% si colloca al quarto psto dopo Svezia (33,3%), Francia (32,4%) e Lituania (28,5%). Il calcolo è stato fatto prendendo in considerazione tutte le attività economiche con più di 10 dipendenti ad esclusione dell’agricoltura e della pubblica amministrazione.

In termini assoluti in Italia, sempre nel 2013, il costo del lavoro si è attestato a 28,1 euro l’ora poco sotto la media dell’Eurozona (28,4 euro) ma molto al di sotto di Francia (34,3) e Germania (31,3). Tra i paesi dell’area Euro il più caro è il Belgio con 39 euro l’ora, il meno costoso la Slovacchia. I dati Eurostat evidenziano il grande divario tra i diversi Paesi: nella Ue a 28 infatti il costo medio orario è stato nel 2013 di 23,7 euro, passando però dai 3,6 euro all’ora della Bulgaria ai 48,5 della Norvegia.

Tornando ai valori percentuali gli aumenti maggiori si sono registrati in Bulgaria (44,1%), dove però rimangono ai livelli minimi in Ue, e in Svezia, dove l’aumento è stato del 26,9%.

 In questi ultimi anni si è invece registrato un crollo in Grecia (-18,6%) e cali in Croazia, Portogallo e Ungheria.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.