“Ready to die”: Iggy Pop lancia il nuovo disco. L’Iguana del rock non tradisce le attese.

È sempre l’Iguana del rock, il musicista folle e pieno di contraddizioni che non molla il colpo. Nel nuovo disco non tradisce il suo background, per la gioia degli appassionati.

iggy-pop_ready_to_die

Chi è il vero Iggy Pop? Quello che solo pochi anni fa giurava di essere “stufo marcio di idioti guerrieri del rock che sparano con le chitarre musica merdosa” o quello che si smentisce pubblicando un album esplosivo come questo nuovo Ready To Die (Fat Possum) e strilla a pieni polmoni “sono testardo e penso che una vera band possa fare grandi dischi rock anche molto molto in là con gli anni?”. Non dannatevi a cercare una risposta, tanto non c’è.

 

Iggy è questo e quello, può prendergli la smania della musica di New Orleans o delle cover francesi, come negli ultimi due album da solo, ma in cuor suo resta sempre l’Iguana, il rocker folle, incoerente, assolutista, anche se gli anni sono 66 e la pelle è striata come una antica carta di papiro. Quando nel 2007 Iggy riformò gli Stooges ritrovò la band originaria, compresi i fratelli Asheton. Poi però nel 2009 è morto Ron Asheton e Iggy ha deciso di cambiare formazione e sigla: ha richiamato il vecchio James Williamson, che non suonava con lui da Raw Power, 1973, e ha rispolverato il nome Iggy & The Stooges, lo stesso usato per quell’ album famoso.

Sono vietati i paragoni, quarant’anni pesano eccome, ma Iggy ce la mette tutta per tenere botta: con la voce che di volta in volta è insolente, velenosa, cinica, ammaliante, con la musica che liscia i peli più viziosi della storia rock, rimandando echi di Rolling Stones, Lou Reed, Bowie, New York Dolls e, naturalmente, Stooges originali. Un viale del tramonto con il sole a sprazzi: quando suona la protesta di Job o Gun, per esempio, o quando la chitarra affila Ready To Die, con un cantato che sembra fatto apposta per una cover di Vasco Rossi.

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Riccardo Bertoncelli su Max.Gazzetta.it

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.