MUSICA/ The Promise: la promessa del “Boss”

The Promise: The darkness on the edge of town story. Il titolo dell’ultimo album di Bruce Springsteen, conosciuti da tutti come “The Boss”. Dal 16 novembre, in tutti i negozi di dischi, è disponibile l’ultimo album dell’icona rock. Distintosi sempre per la sua verve da boscaiolo, la star del rock mondiale è un’immagine fondamentale della musica internazionale degli ultimi trent’anni. Ha attraversato le fasi più calde del rock, è entrato nell’immaginario collettivo come simbolo della libertà e della speranza.

Bruce_Springsteen-musica_giovani_Celebrita_album_Concert_Live_copertina-49 Ha appoggiato campagne presidenziali (John Kerry, Barack Obama). È un’icona sexy. Insomma un idolo

La sua musica, la sua poesia ha penetrato gli animi di numerose generazioni. È l’espressione delle fasce più deboli. Simbolo di un mondo che appariva migliore, ma che celava una triste solitudine. Dove lui si rifugiava.

Nato nel 1949, cresciuto a Freedhol (New Jersey), da padre olandese e madre italiana, il “Boss” si trasferisce a New York in cerca di fortuna (musicale intendo). Il folk- rock lo ha caratterizzato sin da subito, i testi da vero duro erano l’espressione della strada, i pensieri delle persone disagiate, la speranza.

È con “Born to Run”, nel 1975, che inizia la scalata. Le copie vanno a ruba e il mito ha inizio. Raggiunta la maturità musicale ciò che consacrò Springsteen furono le performance live. Successivamente, l’instancabile e animalesco Bruce ebbe la conferma nel panorama musicale mondiale negli anni ’80 con “Born in the U.S.A.

La parabola ascendente finì negli anni ’90, periodo in cui l’artista scelse una strada di sperimentazione, di ricerca di nuove sonorità.

Ciò che risollevò le sorti del cantante è ciò per cui è diventato famoso: l’orgoglio nazionale, ferito dall’attentato dell’11 settembre. Il 2009 è l’anno in cui pubblica l’ultimo disco, “Working on a dream”.

Ora è tornato con “The Promise”. Tre cd contenenti ventuno canzoni inedite, sei ore di filmati, due ore di musica, video inediti e la riproduzione di un taccuino ricco di appunti e accordi del cantautore.

The Boss is return.

 

SULLO STESSO ARGOMENTO

MUSICA/ Clinic, la nuova stagione con Bubblegum

 

RECENSIONE/ Grinderman 2, Nick Cave progetta l’istinto primordiale

I Blonde Redhead e “Penny Sparkle”, il dolce sound del nuovo album

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.