MUSICA/ PuraUtopia: la tradizione del ”bel paese” tra ritmi balcanici e echi del mediteranneo

Dopo l’esibizione con Paolo Belli in diretta su RadioRai1, i PuraUtopia tornano a Vasto per presentare il loro ultimo album Co.Co.Co, canzoni a tempo determinato”. Sabato 11 dicembre, presso l’eno jazz club I Due Archi, il gruppo romano, definito dalla critica come un incontro esplosivo tra “Elio e le Storie Tese” e la musica balcanica, si esibirà con la consueta verve e il tipico umorismo graffiante che li contraddistingue a livello nazionale.

l_4412303644774ae8a70cdbf1affe5a92PuraUtopia è prima di tutto un modo di vedere e di interpretare la realtà. Uno sguardo disincantato sul regno delle cose e degli avvenimenti, talvolta una visione cinica e spietata sul mondo, sempre finalizzata a metterne in evidenza le contraddizioni e le possibilità nascoste oltre il sottile velo dello stabilito. È una telecamera che scandaglia la solennità, alla ricerca del filo da tirare per scucire i pantaloni del potere e mostrare al mondo un banale, penoso e umanissimo culo. È lo scivolone fatale del boia sui gradini del patibolo. La musica vista come un linguaggio, un veicolo di comunicazione senza frontiere attraverso il quale le parole sono libere di prendere il volo ed andarsi a posare con la stessa leggerezza su un fiore o su una mina antiuomo. A volte con lo stesso risultato.

PuraUtopia è un contenitore di suoni e versi che vede la luce nel 2000 ad opera di musicisti provenienti da universi musicali diversi. Un progetto dove le sonorità della tradizione del cosiddetto “bel paese” si fondono con i ritmi balcanici e con gli echi del mediterraneo, contaminandosi con il jazz e il rock, creando una sorta di esperanto musicale che non conosce punti d’arrivo o destinazioni stabilite. Un linguaggio musicale di difficile inquadramento, costruito attorno ai testi, in cui spesso prevale la tecnica narrativa del paradosso, dell’assurdo e del racconto in prima persona.

Nel 2004, l’incontro con la casa discografica Violipiano Records di Luca Ciarla, condensa in un album omonimo le esperienze creative della band, maturate nel corso di anni di concerti in giro per l’Italia e all’estero. La musica è legata fortemente all’impegno sociale della band, che collabora per appoggiare e diffondere numerose iniziative legate al tema dello sviluppo e dei diritti umani. Questo porta PuraUtopia ad esibirsi in giro per l’Italia e oltre i confini nazionali, fino in Repubblica Ceca, paese al quale la band è sentimentalmente legata, dove partecipano al “Festival Pro Afriku”. Ed è proprio in Africa, ed in particolar modo in Repubblica di Guinea, che l’impegno sociale si concretizza dando vita a diverse campagne di sviluppo che coinvolgono i membri della band in numerosi viaggi, che diverranno anche fonte di ispirazione musicale e poetica.

Grazie alla collaborazione con il Pims, l’uscita del primo album fa seguito ad un tour nazionale con l’anteprima di Sanremo off, in diretta su Sky, l’apertura dello spettacolo del comico Paolo Rossi, e la partecipazione ai maggiori festival musicali nazionali. Nel corso degl’anni i brani dell’album “Pura Utopia” vengono programmati da Radio Rock, radio città Futura, Radio Rock Italia e RadioRai1. Nel 2007 e 2008 vengono invitati ad esibirsi al V-Day, sul palco della capitale e successivamente siglano un contratto con le etichette Cinico Disincanto Altipiani Records, con le quali producono il secondo album dal titolo “CO.CO.CO” uscito recentemente.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.