NOTTE DEGLI OSCAR 2011/ Delusioni e applausi nella Città degli Angeli: ecco tutti i premi assegnati

Come ogni anno polemiche ed entusiasmi hanno animato la platea del Kodak Theatre di Los Angeles, regno adibito ad ospitare la più attesa ricorrenza annuale cinematografica: l’assegnazione degli Oscar. Mesi di preparativi, ore e ore spese dai partecipanti tra le cure di stylists e truccatori hanno contribuito all’eleganza e sontuosità della serata, riuscendo anche quest’anno a creare un’atmosfera d’altri tempi in una bolla incantata.

di Alice Coccia

oscar1Un’esilarante Anne Hathaway e forse un po’ troppo rigido James Franco sono stati i padrini della 83esima edizione celebrativa, svoltasi lo scorso 27 febbraio.

Tante sorprese quante sono state le attese deluse o le speranze ben riposte nei film protagonisti di quest’ultima kermesse hollywoodiana. A dominare la scena è stata senz’altro la pellicola di Tom Hooper, Il discorso del re (The king’s speech), che meritatamente ha portato a casa quattro tra i più importanti premi Oscar (Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura originale). Aspettative deluse per The Social Network che ha conquistato tre Oscar come Miglior colonna sonora, Miglior montaggio e Miglior sceneggiatura non originale; per non parlare dell’incompreso Inception, che si è aggiudicato il premio per la  Miglior fotografia, Migliori effetti speciali, Miglior sonoro e Miglior montaggio sonoro.

Il Premio alla memoria Irving G. Thalberg è stato consegnato al regista Francis Ford Coppola, mentre l’Oscar alla carriera a Kevin Brownlow, Jean-Luc GodardEli Wallach.

A differenza di quanto gli esperti del settore ne dicano sul valore dei lungometraggi in concorso, risulta inevitabile e quanto mai banale prescindere dal discorso “Oscar” affinché una produzione filmica possa essere apprezzata dal giudizio di un importante critico: il gusto del pubblico sovrano.

Di seguito viene riportato l’elenco di tutti gli Oscar assegnati nell’edizione 2011.

Miglior film

Il discorso del re (The king’s speech)

Miglior regia

Tom Hooper – Il discorso del re (The king’s speech)

Miglior attore protagonista

Colin Firth – Il discorso del re (The king’s speech)

Miglior attrice protagonista

Natalie Portman – Il cigno nero (Black Swan)

Miglior attore non protagonista

Christian Bale – The Fighter (The Fighter)

Miglior attrice non protagonista

Melissa Leo – The Fighter (The Fighter)

Miglior sceneggiatura originale

David Seidler – Il discorso del re (The king’s speech)

Miglior sceneggiatura non originale

Aaron Sorkin – The Social Network (The Social Network)

Miglior film straniero

In un mondo migliore (Hævnen), regia di Susanne Bier

Miglior film d’animazione

Toy Story 3 – La grande fuga (Toy Story), regia di Lee Unkrich

Miglior fotografia

Wally Pfister – Inception (Inception)

Miglior montaggio

Kirk Baxter e Angus Wall – The Social Network (The Social Network)

Miglior scenografia

Robert Stromberg e Karen O'Hara – Alice in Wonderland (Alice in Wonderland)

 

Migliori costumi

Colleen Atwood – Alice in Wonderland (Alice in Wonderland)

Miglior trucco

Rick Baker e Dave Elsey – Wolfman (The Wolfman)

Migliori effetti speciali 

Chris Corbould, Andrew Lockley, Pete Bebb e Paul J. Franklin – Inception (Inception)

Migliore colonna sonora

Trent Reznor e Atticus Ross – The Social Network (The Social Network)

Miglior sonoro

Lora Hirschberg, Gary Rizzo e Ed Novick – Inception (Inception)

Miglior montaggio sonoro

Richard King – Inception (Inception)

Miglior documentario

Inside job (Inside job), regia di Charles Ferguson

Miglior cortometraggio

God of love (God of love), regia di Luke Matheny

Miglior cortometraggio documentario

Strangers No More (Strangers No More), regia di Karen Goodman e Kirk Simon

Miglior cortometraggio d’animazione

The Lost Thing (The Lost Thing), regia di Andrew Ruhemann e Shaun Tan

 

LEGGI ANCHE

CINEMA/ "Il discorso del re": un film che vola oltre l'oscar

CINEMA/ Sanctum 3D: nel roccioso regno di Alister Grierson e James Cameron

CINEMA/ Il Vallanzasca di Michele Placido nel nuovo scenario italiano

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.