FRANCESCO PANNOFINO/ Tra Nero Wolfe e Steve McQueen

George Clooney, Denzel Washington, Tom Hanks, Benicio Del Toro e ora anche Nero Wolfee ora anche Nero Wolfe… In tutti loro c’è un po’ di Francesco Pannofino. Doppiatore, attore e anche conduttore, tra i protagonisti del numero di MAX, da giovedì 7 giugno in edicola, su iPad e online su max.gazzetta.it, il nuovo canale di Gazzetta.it “Altre passioni”.

di Redazione Infiltrato.it

francesco_pannofinoDopo il Concerto del primo maggio si profila una nuova avventura musicale: «Avevo scritto Ciak tempo fa, era piaciuta a Barbarossa e a De Gregori. Ho già pronte una ventina di canzoni, devo decidere cosa farne. I miei musicisti di riferimento sono Jovanotti, Dalla, De Andrè, Battisti e De Gregori».

Teatro, primo amore: «Ho fatto il mio debutto all’asilo, a Pieve in provincia di Imperia. Recitavamo la scoperta dell’America, io ero il marinaio che urla “Terrrraaaa”. Avevamo le scenografie, i costumi, era teatro vero».

La passione politica: «Negli anni ’70 ho cominciato facendo il segretario dell’associazione degli attori. Ho conosciuto Volontè, uomo di sinistra, agguerrito e intelligentissimo… oggi seguo tutto quello che succede. Non sopporto quando mentono sapendo di mentire. Non mi incazzo neppure, perché in fondo mi fanno ridere: i parlamentari che credevano che Ruby fosse la nipote di Mubarak, ma dai… Di Bersani continuo a pensare che sia un uomo onesto».

Miti? «Uno su tutti: Steve McQueen».

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.