FESTIVAL DI VENEZIA 2011/ Il cinema in vetrina

di Alice Coccia

Tra i bagliori dei flash e le lunghe passerelle dei red carpet, il 31 agosto ha avuto inizio la 68esima edizione del Festival del Cinema di Venezia, una delle rassegne più in vista nel panorama cinematografico internazionale. La kermesse veneziana come ogni anno è stata tempestata da nomi in vista come Vittoria Puccini (madrina del Festival), Monica Bellucci, Madonna, Jodie Foster, Gwyneth Paltrow, Al Pacino e George Clooney, solo per citarne alcuni.
Un festival scandito da scroscianti applausi ed emozioni di colorati fotogrammi che hanno aggiunto un altro tassello nel puzzle del cinema moderno.

 

 

Diversi i film in concorso, due le selezioni principali che compongono l’evento, senza contare le sezioni autonome e i filmfestival_venezia_2011_cover in programma. Sotto le luci dei riflettori è passata con estrema curiosità l’ottava edizione delle Giornate degli autori, una sfida non da poco che giovani autori italiani curano con estrema attenzione e dedizione per sostenere il cinema indipendente. Una sezione collaterale e autonoma del Festival del Cinema di Venezia, presentata anche quest’anno anno come vetrina in cui film d’autore indipendenti incontrano gli spettatori. Una sorta di tentativo ben riuscito per stimolare il grande pubblico a dare una sbirciatina anche tra quelle pellicole che di colossale e sensazionale hanno ben poco.

Ad aprire le danze in laguna è stato George Clooney con il suo film Le Idi di Marzo (The Ides of March) che, con qualche incertezza iniziale, è riuscito a rubare la scena ai continui ed esagitati gossip sul suo bel regista. Un film che astutamente prende spunto da una storia antica per illustrare il quadro compromettente della macchina del fango USA nascosta, in questo episodio, dietro le primarie del partito democratico in Ohio.

Ma anche la Mostra del Cinema di Venezia segue la moda. E, come già da qualche tempo stiamo notando al cinema, le tendenze vampiresche sono sbarcate anche sul Lido in The Moth Diares (film fuori concorso) con una novità: le lesbo-vampiresse. Non più un’appassionante storia d’amore alla Twilight ma un’avventura horror girata da Mary Harron, una regista che di violenza se ne intende avendo curato tutte le scene sanguinose di American Psycho. In questo caso le protagoniste sono alcune sedicenni chiuse in un college inglese tra le quali nascono intimi e particolari rapporti di amicizia, se così si possono definire. Per capire The Moth Diares è il caso di considerare il fatto che rientra nella lista di film indipendenti, come la stessa regista tende a sottolineare con orgoglio. Un’indipendenza registica che le ha permesso di mostrare scene proibite e sicuramente improponibili nella logica dello Star System hollywoodiano.

Sono arrivate poi le veementi Cime tempestose (Wuthering Heights), che finora hanno urlato tra le pagine di una sempre emozionante letteratura inglese. Il film di Andrea Arnold è in realtà la terza pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Emily Brönte ma sicuramente è caratterizzata da elementi nuovi, trattati in chiave moderna. La figura di Heathcliffe, ad esempio, nucleo di odio e amore per tanti lettori e spettatori, è impersonato da un attore di colore dalle spiccate capacità istrioniche, che ha investito il personaggio di una nuova luce antieroica.

Non è da tralasciare, poi, neanche quella vena nichilista che ha investito la kermesse. Gli effetti disastrosi del virus letale di Soderbergh in Contagion e la declamata (forse fin troppe volte) fine del mondo di 4:44 Last Day on Earth di Abel Ferrara. Un quadro del futuro già annunciato dai ben noti Maya, Nostradamus e via dicendo, che sembra far cadere tutti in una crisi d’ipocondria generale nel momento esatto in cui se ne parla. Dopodiché il tram tram quotidiano riprende come al solito, lasciandoci impassibili fino al prossimo film o documentario tv che riporta in auge i dubbi su una qualche possibilità di salvezza.
Neanche al festival sembrano proporre soluzioni migliori, dato che ne L’ultimo terrestre di Gian Alfonso Pacinotti anche gli alieni sono costretti a rinunciare al nostro pianeta per le pessime condizioni in cui verte. Ed è proprio L’ultimo terrestre uno dei tre film italiani che corrono per il Leone d’Oro 2011, insieme a Terraferma di Emanuele Crialese e Quando la notte di Cristina Comencini. Tre film di taglio diverso che propongono le variopinte sfumature della nostra cultura cinematografica.

Non poteva mancare a Venezia neanche la musica. La Lucky Red ha distribuito Questa storia Qua, il docu-film inedito sulla storia di Vasco Rossi. La pellicola, diretta da Sybille Righetti e Alessandro Paris ha offerto un quadro particolare della rockstar italiana, facendo scorrere sullo sfondo alcune delle sue canzoni più celebri (e non) restaurate e montate in modo originale quanto scrupoloso.

Tra i voli pindarici attraverso la moderna fantascienza, la fine del mondo, vampiri gay e fanghi politici nascono spontanee delle domande sulle previsioni dei possibili vincitori del Festival.
A chi spetterà l’elitario Leone d’Oro? Ad ognuno i personali pareri e speranze a riguardo, ma nell’aria aleggiano continue e insistenti previsioni. Il Leone d’Oro 2011 forse arriva dal Texas e si chiama Killer Joe, film di William Friedkin, regista già visto alle prese con L’esorcista e Il braccio violento della morte. Killer Joe è uno sceriffo tutto d’un pezzo, presuntuoso, impregnato di mistero e con un hobby letale. In neanche due ore di film, lo schermo cinematografico si anima di humor, dramma, violenza, magistrali colpi di scena e anche momenti di sesso. Sembrerebbe non mancare proprio niente all’appello, inclusa un’eccellente direzione registica che ha reso Killer Joe il film più in vista e chiacchierato della 68esima Mostra Cinematografica di Venezia.
Tante le aspettative e insostenibile la curiosità di scoprire il nuovo Leone d’Oro, ma in fondo non resta altro da fare che attendere delle conferme o smentite. Il countdown sta per iniziare…

 

Di seguito vi ricordiamo la lista di tutti i film in concorso e fuori.

TOMAS ALFREDSON – TINKER, TAYLOR, SOLDIER, SPY Gran Bretagna, Germania, 127??Gary Oldman, Colin Firth, Tom Hardy, John Hurt

ANDREA ARNOLD – WUTHERING HEIGHTS Gran Bretagna, 128??Kaya Scodelario, Nichola Burley, Steve Evets, Oliver Milburn

AMI CANAAN MANN – TEXAS KILLING FIELDS Usa, 109??Sam Worthington, Jessica Chastain, Chloe Grace Moretz, Jeffrey Dean Morgan

GEORGE CLOONEY – THE IDES OF MARCH [FILM D’APERTURA] Usa, 98??Ryan Gosling, George Clooney, Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Marisa Tomei, Evan Rachel Wood

CRISTINA COMENCINI – QUANDO LA NOTTE Italia, 116??Claudia Pandolfi, Filippo Timi, Michela Cescon, Thomas Trabacchi

EMANUELE CRIALESE – TERRAFERMA Italia, Francia, 88??Filippo Pucillo, Donatella Finocchiaro, Giuseppe Fiorello, Claudio Santamaria

DAVID CRONENBERG – A DANGEROUS METHOD Germania, Canada, 99??Keira Knightley, Viggo Mortensen, Michael Fassbender, Vincent Cassel

ABEL FERRARA – 4:44 LAST DAY ON EARTH Usa, 82??Willem Dafoe, Shanyn Leigh, Paz de la Huerta

WILLIAM FRIEDKIN – KILLER JOE Usa, 103??Matthew McConaughey, Emile Hirsch, Juno Temple, Gina Gershon

PHILIPPE GARREL – UN ÉTÉ BRULANT Francia, Italia, Svizzera, 95??Monica Bellucci, Louis Garrel, Céline Sallette, Jérôme Robart

ANN HUI – TAOJIE (A SIMPLE LIFE) Cina-Hong Kong, Cina, 117??Andy Lau, Deanie Yip, Anthony Wong, Tsui Hark

ERAN KOLIRIN – HAHITHALFUT (THE EXCHANGE) Israele, Germania, 94??Rotem Keinan, Sharon Tal, Dov Navon, Shirili Deshe

YORGOS LANTHIMOS – ALPEIS (ALPS) Grecia, 93??Ariane Labed, Aggeliki Papoulia, Aris Servetalis, Johnny Vekris

STEVE MCQUEEN – SHAME Gran Bretagna, 99??Michael Fassbender, Carey Mulligan, James Badge, Nicole Beharie

GIAN ALFONSO PACINOTTI [GIPI] – L’ULTIMO TERRESTRE Italia, 100??Gabriele Spinelli, Anna Bellato, Roberto Herlitzka, Teco Celio

ROMAN POLANSKI – CARNAGE Francia, Germania, Spagna, Polonia, 79??Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly

MARJANE SATRAPI, VINCENT PARONNAUD – POULET AUX PRUNES Francia, Belgio, Germania, 90??Mathieu Amalric, Maria De Medeiros, Golshifteh Farahani, Isabella Rossellini, Chiara Mastroianni

ALEKSANDER SOKUROV – FAUST Russia, 134??Johannes Zeiler, Anton Adasinskiy, Isolda Dychauk, Hanna Schygulla

TODD SOLONDZ – DARK HORSE Usa, 84??Mia Farrow, Christopher Walken, Justin Bartha, Selma Blair

SION SONO – HIMIZU Giappone, 129??Shôta Sometani, Fumi Nikaidô, Tetsu Watanabe, Mitsuru Fukikoshi

TE-SHENG WEI – SEEDIQ BALE Cina, Taiwan, 135??Da-Ching, Umin Boya, Landy Wen, Lo Mei-ling

 

FUORI CONCORSO:

COLLECTIF ABOUNADDARA – THE END Siria, 3’30

COLLECTIF ABOUNADDARA – VANGUARD Siria, 1’30

CHANTAL AKERMAN – LA FOLIE ALMAYER Belgio, Francia, 130??Stanislas Merhar, Marc Barbé, Aurora Marion, Zac Andrianasolo

MARCO BELLOCCHIO – NEL NOME DEL PADRE [LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2011]?Italia, 90?

MARCO BRAMBILLA – EVOLUTION (MEGAPLEX) [3D]?Usa, 3??(film di ricerca)

TONY SIU-TUNG CHING – BAISH ECHUANSHUO (THE SORCERER AND THE WHITE SNAKE) Cina-Hong Kong, Cina, 99??Jet Li, Eva Huang, Raymond Lam, Charlene Choi

ROLANDO COLLA – GIOCHI D’ESTATE Svizzera, Italia, 101??Armando Condolucci, Fiorella Campanella, Alessia Barela, Antonio Merone

TAMER EZZAT, AHMAD ABDALLA, AYTEN AMIN, AMR SALAMA – TAHRIR 2011?Egitto, 90??(documentario)

PHILIPPE FAUCON – LA DÉSINTÉGRATION Belgio, 80??Rachid Debbouze, Yassine Azzouz, Perset Ymanol, Mohamed Nachit

MARY HARRON – THE MOTH DIARIES Canada, Irlanda, 85??Sarah Bolger, Sarah Gadon, Lily Cole, Scott Speedman

TODD HAYNES – MILDRED PIERCE [OMAGGIO A TODD HAYNES] Usa, 5×60??Kate Winslet, Guy Pearce, Evan Rachel Wood, Melissa Leo

MANI KAUL – DUVIDHA [MANI KAUL (25.12.1944-6.7.2011)] India, 82??Ravi Menon, Raeesa Padamsi

VICTOR KOSSAKOVSKY – VIVAN LAS ANTIPODAS! [FILM D’APERTURA] Germania, Argentina, Olanda, Cile, Russia, 100? (documentario)

TOMÁS LUNÁK – ALOIS NEBEL Repubblica Ceca, Germania, 80? Miroslav Krobot, Marie Ludvikova, Leos Noha, Karel Roden

MADONNA – W.E.Gran Bretagna, 115? Andrea Riseborough, Abbie Cornish, James D’Arcy, Oscar Isaac

KIKE MAILLO – EVA Spagna, Francia, 94? Daniel Brühl, Marta Etura, Alberto Ammann, Claudia Vega

PIETRO MARCELLO – MARCO BELLOCCHIO, VENEZIA 2011 Italia, 11? (documentario) Marco Bellocchio

MARIO MARTONE – LA MEDITAZIONE DI HAYEZ Italia, 6?

FRANCESCO MASELLI, CARLO LIZZANI, UGO GREGORETTI, NINO RUSSO – SCOSSA Italia, 95? Amanda Sandrelli, Massimo Ranieri, Paolo Briguglia, Lucia Sardo

CLAUDE NURIDSANY, MARIE PERENNOU – LA CLÉ DES CHAMPS Francia, 81? Simon Delagnes, Lindsey Henocque, Jean-Claude Ayrinhac

ERMANNO OLMI – IL VILLAGGIO DI CARTONE Italia, 87? Michael Lonsdale, Rutger Hauer, Massimo De Francovich, Alessandro Haber

AL PACINO – WILDE SALOME Usa, 95? Al Pacino, Jessica Chastain, Kevin Anderson

ALESSANDRO PARIS, SIBYLLE RIGHETTI – QUESTA STORIA QUA [EVENTI] Italia, 75? (documentario) Vasco Rossi

NICHOLAS RAY – WE CAN’T GO HOME AGAIN [NUOVA VERSIONE RICOSTRUITA E RESTAURATA] [NICHOLAS RAY 1911-2011] Usa, 93? Nicholas Ray, Tom Farrell, Jill Gannon, Jane Heymann

SUSAN RAY – DON’T EXPECT TOO MUCH [NICHOLAS RAY 1911-2011] Usa, 70? (documentario) Nicholas Ray, Jim Jarmusch, Victor Erice, Tom Farrel

ROBERTO ROSSELLINI – INDIA, MATRI BHUMI [NUOVA VERSIONE RESTAURATA] [ROSSELLINI RITROVATO] Italia, Francia, India, 90? (documentario)

TAKASHI SHIMIZU – TORMENTED Giappone, 83? Hikari Mitsushima, Teruyuki Kagawa, Takeru Shibuya, Tamaki Ogawa

STEVEN SODERBERGH – CONTAGION Usa, 105? Matt Damon, Kate Winslet, Marion Cotillard, Jude Law, Gwyneth Paltrow, Laurence Fishburne

WHIT STILLMAN – DAMSELS IN DISTRESS [FILM DI CHIUSURA] Usa, 98? Greta Gerwig, Adam Brody, Megalyn Echikunwoke, Analeigh Tipton

LISA IMMORDINO VREELAND – DIANA VREELAND: THE EYE HAS TO TRAVEL [EVENTI] Usa, 92?(documentario)

DAVID ZAMAGNI, NADIA RANOCCHI – JOULE [3D] [PREMIO PERSOL 3-D 2011] Italia, 22? Cristiana Capelli, Maria Sole Ugolini, Fabrizio Fabbri

DAVID ZAMAGNI, NADIA RANOCCHI – SPELL. THE HYPNOTIST DOG [3D] [PREMIO PERSOL 3-D 2011] Italia, 20? Werner Hirsch, Chimera, Monaldo Moretti, Nadia Ranocchi

DAVID ZAMAGNI, NADIA RANOCCHI – SUITE [3D] [PREMIO PERSOL 3-D 2011] Italia, 5?, Li Weilong, Paolo Bisi, Elena Biserna, Eleonora Amadori

LEGGI ANCHE

MANTOVA/ Al via il Festival della Letteratura

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.