FESTIVAL DI CANNES 2011/ Tra bellezza e prestigio internazionale

È arrivato anche quest’anno uno dei momenti più attesi dai cinefili di tutto il mondo: il Festival Internazionale del Film, comunemente conosciuto come il Festival di Cannes. Una schiera di film è stata presa in considerazione e visionata dagli addetti ai lavori, ma solamente 19 fortunati lungometraggi sono stati deputati idonei ad entrare nella categoria più importante del festival: la sezione dei film In Concorso.

di Alice Coccia

cannes-2011-poster-Faye-Dunaway 

Di notevole rilevanza è senza dubbio anche la sezione Un Certain Regard, seguita dai film Fuori Concorso, dalle Proiezioni di Mezzanotte e le Proiezioni Speciali.

Giunto alla 64esima edizione, il Festival di Cannes sembrerebbe parlare italiano data la presenza di registi e attori di successo nazionali. A partire da Paolo Sorrentino, che ha presentato il suo primo film in lingua, This Must Be The Place,  meritatamente inserito nella categoria dei film In Concorso, è possibile riconoscere sulla scalinata del Montée des Marches l’attrice Jasmine Trinca con L’Apollonide e la regista Alice Rohrwacher (sorella di Alba Rohrwacher)con Corpo Celeste. In realtà francesi non aspettavano altro di ritrovare nella loro Cannes un italianissimo Nanni Moretti.

 Eh già, perché il nostro regista si è proposto con successo al Festival con la sua tanto chiacchierata opera Habemus Papam. Dopo Ecce Bombo, in concorso a Cannes trentatré anni fa e la vittoria della Palma d’Oro nel 2001 con La stanza del figlio, Nanni Moretti è stato nuovamente accolto tra i film del Festival e inserito nella sezione principale.

 Ma qual è la principale motivazione per cui i francesi adorano Moretti? Semplice, di ogni sua opera apprezzano principalmente il modo in cui il regista descrive e racconta il nostro Paese, la nostra società, la nostra epoca insomma.

Lo stesso Moretti durante la prima romana del suo Habemus Papam ha dichiarato: "A Cannes ci sono stato molte volte a partire da Ecce bombo, in concorso, 33 anni fa. Non so cosa penseranno dell'Italia dopo aver visto Habemus Papam: non è che i francesi aspettano un mio film per sapere cosa succede in Italia… Ci sono i giornali, c'e' internet".

 Moretti a parte, l’Italia continua ad essere al centro del Festival anche per un’altra ragione. Il premio la Palma d’Onore, istituito in maniera permanente da questa edizione, è stato conquistato da un nostro popolare regista, Bernardo Bertolucci, con il suo film l’Ultimo Imperatore.

Sembra chiaro a questo punto che dovrà passare un po’ di tempo prima che qualche “audace” critico possa di nuovo parlare di “morte del cinema italiano”.

 Nei prossimi giorni continueremo a parlare delle pellicole, della giuria, dei premi ma anche dei gossip che animano il Festival del Film.

Nell’attesa vi proponiamo di seguito la lista dei film che, in fondo, sono i veri protagonisti del Festival di Cannes.

In Concorso

The Skin I Live In (Pedro Almodóvar)

L'Apollonide – Souvenirs de la Maison Close (Bertrand Bonello)

Pater (Alain Cavalier)

Hearat Shulayim (Joseph Cedar)

Bir Zamanlar Anadolu'da (Nuri Bilge Ceylan)

Le Gamin Au Vélo (Jean-Pierre and Luc Dardenne)

Le Havre (Aki Kaurismäki)

Hanezu No Tsuki (Naomi Kawaze)

Sleeping Beauty (Julia Leigh)

Polisse (Maïwenn)

The tree of life (Terrence Malick)

La Source Des Femmes (Radu Mihaileanu)

Ichimei [Hara-Kiri: Death of a Samurai] (Takashi Miike)

Habemus Papam (Nanni Moretti)

We Need To Talk About Kevin (Lynne Ramsay)

Michael (Markus Schleinzer)

This Must Be The Place (Paolo Sorrentino)

Melancholia (Lars Von Trier)

Drive (Nicolas Winding Refn)

 

Un Certain Regard

Apertura: Restless (Gus Van Sant)

The Hunter (Bakur Bakuradze)

Halt Auf Freier Strecke (Andreas Dressen)

Hors Satan (Bruno Dumont)

Martha Marcy May Marlene (Sean Durkin)

Les Neiges Du Kilimandjaro (Robert Guédiguian)

Skoonheid (Oliver Hermanus)

The Day He Arrives (Hong Sangsoo)

Bonsái (Cristián Jiménez)

Tatsumi (Eric Khoo)

Arirang (Kim Ki-duk)

At Maintenant On Va Ou? (Nadine Labaki)

Loverboy (Catalin Mitulescu)

Yellow Sea (Na Hong-jin)

Miss Bala (Gerardo Naranjo)

Trabalhar Cansa (Julian Rojas, Marco Dutra)

Toomelah (Ivan Sen)

Oslo, August 31st (Joachim Trier)

 

Fuori Concorso

La Conquête (Xavier Durringer)

The Beaver (Jodie Foster)

The Artist (Michel Hazanavicius)

Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides (Rob Marshall)

 

Proiezioni di Mezzanotte

Wu Xia (Chan Peter Ho-Sun)

Dias De Gracia (Evardo Gout)

 

Proiezioni Speciali

Labrador (Frederikke Aspöck)

Le Maître Des Forges De L'Enfer (Rithy Panh)

Michel Petrucciani (Michael Radford)

Tous Au Larzac (Christian Rouaud)

 

LEGGI ANCHE

"Neomorphus", la mutazione genetica nel mini-shorts di Preapostere

Festival di Cannes 2010: apre il Robin Hood di Ridley Scott

CINEMA/ Ken Loach sul sentiero della Route Irish

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.